in

Game of Thrones, l’autore George R. R. Martin si prende una pausa dal libro e va in vacanza

Game of Thrones

Game of Thrones ha dimostrato di essere, nel corso degli anni, un gioiello di rara bellezza televisiva, che aveva tutte le carte in regola per farsi ricordare nei secoli della storia televisiva. Certo, questo sarebbe stato ben più semplice se non si fosse deciso di correre troppo nelle ultime due stagioni, ma qui si aprirebbe un capitolo troppo lungo, e purtroppo non è la sede migliore per parlarne. Di recente sono poi uscite anche alcune dichiarazioni degli attori (qui per vedere che fine hanno fatto dopo la fine della serie tv) tra cui una molto interessante di Kit Harington. Nel frattempo, abbiamo raccolto in un articolo alcune delle scene più disturbanti. Date un’occhiata e diteci la vostra!

Sappiamo bene che l’intera storia di Game of Thrones si basa (o per lo meno lo era nelle prime fasi e nelle prime stagioni) sulla saga Le Cronache Del Ghiaccio E Del Fuoco, scritta da George R. R. Martin, noto per aver procurato agli spettatori (e prima ancora ai lettori) non pochi traumi quando si tratta di perdere dei personaggi tanto amati. Non li elencheremo tutti per non fare spoiler, ma so che molti sono comparsi nella vostra mente anche senza nominarli. La saga ha preso avvio con il primo libro, dal titolo A Game Of Thrones, scritto nel 1996, ed è poi proseguita con altri cinque volumi: A Clash of Kings (1998), A Storm Of Swords (2000), A Feast Of Crows (2005), A Dance With Dragons (2011). I lettori più accaniti si sono già resi conto che mancano due titoli all’appello. Innanzitutto The Winds Of Winter, sesto volume della saga di Game of Thrones, che a sua volta dovrebbe essere seguito dal settimo volume, A Dream Of Spring.

Proprio l’autore di Game of Thrones si è reso protagonista di una vicenda piuttosto divertente. Ha infatti comunicato ai suoi fan… Di essere andato in ferie.

Lo so cosa state pensando, si tratta di una cosa apparentemente irrilevante. E in effetti lo è, se non si considerano le ire dei fan in trepidante attesa del sesto volume di Game of Thrones. È infatti una cosa fin troppo normale concedersi una vacanza, anche e soprattutto per degli scrittori affermati, che magari sentono la necessità di ricaricare le pile dopo un periodo di forte stress. Questo sembra essere ciò che è successo a George R. R. Martin, che in un post sul suo blog ha raccontato ai suoi follower della sua vacanza effettuata nel mese di giugno. Effettivamente la comunicazione è arrivata piuttosto in ritardo, ma anche per questo il nostro scrittore ha una risposta più che valida.

Il post di George R. R. Martin recita: “Questo dovevo postarlo a giugno, ma… meglio tardi che mai, no? Ad ogni modo, sono stato in viaggio per dieci giorni a giugno, fino a Evanston (dove sono andato a scuola, dal 1966 al 1971), Chicago (dove ho vissuto dopo la scuola, dal 1971 al 1976) e Dubuque (dove ho insegnato dal 1976 al 1979). Si è trattato della prima volta che ho lasciato casa in un anno e mezzo, dall’inizio della pandemia e della quarantena. Devo dire che è stato grandioso allontanarmi dalla mia sedia d’ufficio, anche se solo per pochi giorni“.

Successivamente nel post George R. R. Martin fa anche riferimento al motivo che l’ha spinto a raccontare di questo viaggio con un certo ritardo, avendo trovato la sua casella di posta invasa di mail al suo ritorno. Scrive infatti: “Sono tornato a casa il 23 giugno.(…) Naturalmente, durante i dieci giorni che sono stato via e lontano da internet, le mail si sono accumulate, e ho trovato 800 missive ad aspettarmi. Il che potrebbe aiutarmi a spiegare perché sono in ritardo di settimane nel compilare questo post, ma… per ora è tutto. I boschi erano adorabili, oscuri e profondi, ma ho delle promesse da mantenere e libri da scrivere prima di andare a dormire“.

Non possiamo che augurarci che davvero abbia ricaricato le pile, e che sia ormai pronto per far uscire il nuovo volume della saga di Game of Thrones.

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv

Scritto da Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

Chilling Adventures Of Sabrina

Un ritorno di Chilling Adventures of Sabrina? Parla il creatore: «Troveremo un modo»

Amanda Knox

Amanda Knox e l’annuncio sui social: «Racconterò la mia gravidanza con una mini serie»