Vai al contenuto
Serie TV - Hall of Series » News » Ed O’Neill, prima di diventare Jay Pritchett: «A 23 anno ero quasi finito nel giro della criminalità organizzata»

Ed O’Neill, prima di diventare Jay Pritchett: «A 23 anno ero quasi finito nel giro della criminalità organizzata»

Ed O’Neill è uno dei protagonisti di Modern Family, una delle sitcom più amate e viste degli ultimi dieci anni. Ci ha regalato momenti divertenti e momenti commoventi e un realistico scorcio sulla famiglia occidentale contemporanea, composta da persone con caratteristiche caratteriali, sessuali, etniche e culturali diverse. Ci ha dato lezioni di vita e fatto conoscere personaggi divertenti e indimenticabili (ecco la nostra classifica dei 5 personaggi più divertenti), anche se nel corso delle stagioni la serie stessa è cambiata (noi vi raccontiamo 5 differenze tra la prima e l’ultima stagione). La serie si è conclusa nel 2020 dopo 11 stagioni.

Nella serie Ed O’Neill interpreta Jay Pritchett, papà di Claire, Mitchell e Joe, sposato con Gloria e patrigno di Manny. Recentemente l’attore ha rivelato di essere quasi entrato a far parte della criminalità organizzata.


Segui il canale di Hall of Series su WhatsApp: https://whatsapp.com/channel/0029VaGBD713mFXxAEHUv509


Ed O’Neill racconta come è quasi finito nella criminalità organizzata, decidendo invece poi di dedicarsi alla recitazione

Come riporta The Hollywood Reporter, Ed O’Neill ha raccontato nel podcast Dinner on me di Jesse Tyler Ferguson (interprete di Mitchell in Modern Family) che è quasi entrato nella criminalità organizzata.

Nel 1969, a 23 anni, era a corto di soldi e cercava un lavoro nella sua città natale, Youngstown, in Ohio; un suo amico gli offrì di partecipare a un giro di criminalità organizzata.

“Youngstown non era un posto che offriva molte opportunità. Non c’era molto per me. L’unica cosa che avrei potuto fare – e grazie a Dio non l’ho fatto – era la criminalità organizzata, perché avevo amici che ne facevano parte”.

L’attore racconta un episodio che lo ha coinvolto: il suo amico Jim lo ha portato in un ristorante di lusso, dove hanno incontrato un barista che Jim ha cercato di corrompere per avere informazioni su una persona che cercava. Usciti dal locale, Jimmy propose a O’Neill di prendere parte al giro: “Lui mi ha detto: ‘Puoi fare questo genere di cose per me, sai, ti proteggerò. Ti darò cose facili. Raccogli solo qui. Fallo tu. Sai che potresti dover fare un po’ di pressione a qualcuno. Sei bravo in questo. Puoi guadagnare dei bei soldi.”

O’Neill ha detto che la sua decisione di rifiutare l’offerta di Jim non è stata facile. “Ho detto: ‘Lasciami pensarci, Jim. Perché non lo so. Potrei lasciare la città per dedicarmi alla recitazione”. L’attore ha anche consultato suo padre, che ha chiesto a suo figlio: “Potresti resistere in prigione?” O’Neill ricorda di aver detto “No”, al che suo padre disse: “Non puoi stare in prigione. Avresti difficoltà a stare in prigione”.

Così O’Neill ha deciso di rifiutare la proposta di Jim e trasferirsi a New York per cercare di diventare un attore. È riuscito negli anni a trovare ruoli in film e serie tv, raggiungendo la notorietà con la serie Sposati… con figli in cui interpreta Al Bundy (1987-1997).