Vai al contenuto
Home » News » Goku è asessuale e appartiene alla comunità LGBTQIA+: la bizzarra teoria su Dragon Ball

Goku è asessuale e appartiene alla comunità LGBTQIA+: la bizzarra teoria su Dragon Ball

Internet è il magico mondo del gossip selvaggio, lo sappiamo. Non è raro che da una semplice domanda si sviluppi a cascata un vero e proprio maremoto di dibatti in cui sguazzare felici. Un esempio sono le 7 pessime notizie sulle serie tv di questa settimana, che hanno infiammato anche gli animi più pacifici. Nessuno ne è immune, neanche le serie più iconiche; basti pensare a Buffy e Dexter, collegate tra loro da teorie assurde di fan accaniti. Non ne è esente neanche il mondo dei manga, dove Dragon Ball è stato addirittura inserito nella lista nera dei prodotti violenti da cancellare, insieme a Digimon e Power Rangers.

Ed è proprio a Dragon Ball che ritorniamo, con questa teoria bizzarra che in pochi minuti ha fatto impazzire il web. Tutto è partito, come spesso accade, da Reddit dove un utente, seguendo il thread r/asexuality, si chiedeva se per caso Goku non potesse essere considerato membro della comunità LGBTQIA+, più specificatamente afferente allo spettro dell’asessualità. No, giù le armi al grido di “politically correct”, ci sono delle prove a sostegno della teoria. Innanzitutto, il nostro utente faceva notare come Goku e Chichi siano una coppia insolitamente poco fisica rispetto alle altre dell’anime, soprattutto rispetto a Vegeta e Bulma. Chichi e Goku non si baciano mai e i loro avvicinamenti fisici sono sempre molti limitati. In un episodio di Dragon Ball Super, Goku dice specificatamente che:

More than Love, I Prefer Guts

Che può essere tradotto più o meno con “Preferisco il coraggio all’amore” (o il fegato, quella cosa lì). Goku inoltre rimane interdetto quando vede Bulma baciare Vegeta in Dragon Ball Z. A questo si aggiunge il fatto che Gokusia sempre stato poco interessato all’universo femminile, preferendogli il combattimento. Queste implicazioni porterebbero Goku a essere un ottimo esempio di rappresentazione non forzata e della possibilità di costruire un personaggio LGBTQIA+ senza che il suo orientamento sia l’unico elemento della sua personalità. In un mondo in cui sesso e l’affezione sono importanti (basti pensare al Maestro Muten o a Crilin e C18 o agli stessi Vegeta e Bulma) avere un protagonista asessuale sarebbe un enorme passo avanti nella normalizzazione.

Il dibattito però rimane aperto perché, come faceva notare qualcun altro, è difficile imputare a una razza aliena come i Saiyan caratteristiche troppo umane. Goku è vissuto a lungo fuori dalla società e ha vissuto una vita fuori dagli schemi. Un po’ troppo per trattarlo come un essere umano comune. Anzi, a parte Vegeta, tutti i Saiyan si sono sempre dimostrati refrattari alla relazioni. Alcuni poi ne hanno approfittato per criticare Toriyama, che ha sempre mostrato un generale disinteresse ad approfondire le relazioni personali all’interno di Dragon Ball. Questo non è del tutto vero, perché come abbiamo detto ci sono degli esempi di belle relazioni, però l’aspetto sessuale rimane sempre in secondo piano e non solo con Goku (il target sono bambini e ragazzi giovani, non dimentichiamolo).

Un’ulteriore teoria sosterrebbe che ci sia stato un fraintendimento alla base: in una puntata Goku affermerebbe di non aver mai baciato qualcuno in pubblico, cosa tra l’altro molto rara in Giappone, e Vegeta avrebbe mal interpretato le sue parole. Come ogni volta, la verità probabilmente sta nel mezzo. In ogni caso non ci sarebbe nulla di negativo in una risposta affermativa, soprattutto perché questo elemento non farebbe altro che arricchire il personaggio senza spostare di una virgola gli eventi del nostro anime preferito.

E voi cosa ne pensate di questa teoria su Dragon Ball?

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv