in

Le 5 cose più geniali che mi hanno fatto perdere la testa nell’ultima stagione di Mr. Robot

3) Gli indizi

Mr. Robot

La verità dell’abuso dei fratelli Alderson è sempre stata davanti ai nostri occhi. Da quel “non mi toccare” detto da Elliot al ragazzo di Angela al nome in codice di Darlene. Nella terza stagione c’è un flashback. Elliot e suo padre sono al cinema. Il primo è arrabbiato, il secondo si scusa.“Sei malato e non vuoi ammetterlo” dice Elliot. Quella malattia non è il cancro. È qualcosa di più oscuro, pericoloso e incontrollabile.

Gli indizi sono ovunque, compresi quelli riguardanti il Mastermind. E non ce ne siamo mai resi conto. Esemplare è la scena di Angela in abito da sposa nella prima stagione. Sfida Elliot, gli dice che non riuscirà a salvare il mondo. Del resto è nato solo un mese fa. E non è Elliot. È qualcun altro. Ma la sua battuta viene tagliata. Riuscirà a completarla solo nel finale di serie, rivelandoci chi è veramente l’Elliot che abbiamo imparato a conoscere. O ancora, nel finale della seconda stagione, il protagonista dello show non si ricorda del piano con Tyrell. Non è lui l’autore, è Mastermind che afferma:

“Sono l’unico che esiste. È tempo di riprendere finalmente il controllo”

Ecco che tutto ritorna, che gli indizi disseminati nel corso di Mr Robot si uniscono per svelare soluzioni sconvolgenti, quesiti rimasti in sospeso. Esmail è semplicemente un genio.

Written by Chiara Manetti

Amo scrivere; è la mia passione più grande. Datemi due personaggi e vi monto una storia in un baleno. Mi considero da sempre una scrittrice, anche se non ho mai pubblicato niente.
Amo le serie TV. Le ho scoperte quasi per caso ma, da quando l'ho fatto, non le ho più abbandonate. Ne divoro non so quante a settimana, al mese, all'anno.
Quindi che fare con due passioni come queste? La risposta è semplice: le ho unite. Ho fatto bene? Ovviamente. Il risultato? Beh, quello me lo dovete dire voi.

Doctor Who

Doctor Who 12×04 – Un tuffo nel passato e un salto nel futuro

L’Aquila di Sangue: la leggenda dietro la terrificante tortura di Vikings