in

Misfits, i disadattati più fichi di sempre

misfits

Qualche tempo fa mi era balenata in testa l’idea di buttare giù un pezzo di quelli che li scrivi con il cuore. No, mica per tutti gli articoli è così; certo, un pezzetto del muscolo rosso ce lo si butta dentro sempre, ci mancherebbe, ma ogni tanto salta fuori un testo che è proprio come se ci stessi rovesciando il corazon su quel foglio bianco. Ecco, dicevo che non molto tempo addietro mi sono detta che proprio avrei dovuto scrivere qualcosa su Misfits. Ebbene sì, durante la mia giovane vita mi è toccato attraversare un momento in cui rifuggivo la serialità televisiva come si fugge solo la peste bubbonica: sapevo cosa avrebbe comportato la dipendenza da serie tv addicted e avevo deciso che

NO! IO AVREI AVUTO UNA VITA LIBERA

e che non sarei caduta in nessun tranello seriale. Che se il mostro televisivo mi aveva inghiottita in passato non ce l’avrebbe di certo fatta nuovamente. Poi, ho incontrato Misfits e ho visto tutti i miei buoni propositi andarsene bellamente a quel paese! Quando ho preso la decisione di mettere mano a questo malsano tentativo di celebrare i DISADATTATI PIÙ FICHI DI SEMPRE, mica lo sapevo che ci sarebbe stato il remake americano , ma in un battito di ciglia il mio cuore fu in giubilo! Ragazzi, diciamola tutta: Misfits è una cazzata cavolata di quelle epocali che la guardi e pensi CHE MERAVIGLIA!

Curtis, Misfits
Curtis, Misfits

Anche solo il plot è una bomba!

Alisha, Misfits
Alisha, Misfits

C’è questo gruppetto di ragazzi che sono costretti a svolgere lavori socialmente utili perché colpevoli di piccoli reati. I malcapitati si recano svogliati al primo giorno di ‘lavoro’ quando un temporale li colpisce conferendogli dei superpoteri. E qui uno si aspetterebbe la solita solfa, che so: l’invisibilità, l’ubiquità, la telecinesi, una forza disumana, la rapidità del lampo. E effettivamente va più o meno così: Kelly ha la capacità di leggere nella mente altrui, Simon di rendersi invisibile, Curtis di riavvolgere il tempo (fin qui tutto regolare), Alisha di far mega arrapare di eccitare sessualmente in una maniera incontrollabile qualsiasi essere lei sfiori (un potere che, probabilmente, condivide con Angelina Jolie) e Nathan.. beh, Nathan lo capisce solo alla fine della prima stagione (SPOILER!) che è immortale.

Niente ragazzi, da qui in poi è la strage degli assistenti sociali e sono spassosissime le avventure di questo gruppo di disadattati (perché proprio questo significa ‘misfits’: disadattati’!).  Anche perché il temporale non ha colpito solo loro e così, spesso, i nostri eroi si ritrovano a doversela vedere con chi ha a disposizione superpoteri – talvolta alquanto bizzarri. Due episodi su tutti: quella volta che devono sgominare il ‘dominatore del latte’ e quella volta che uno torna indietro nel tempo, se ne va a spasso per il Terzo Reich e perde il cellulare mutando le sorti della storia mondiale. Lo ripeto: che meraviglia. Quello che dispiace è che a un certo punto sparisca Nathan, il quale era indubbiamente un personaggione, però arriva Rudy che non scherza e cambiano i poteri di tutti, ma questa volta mica robe da Marvel: Kelly è un’esperta di ingegneria aerospaziale, Alisha vede attraverso gli occhi altrui, Curtis è tipo Ranma ½ in versione afroamericana e può cambiare sesso, Simon prevede il futuro e Rudy si sdoppia nella versione di se stesso timido e in quella sfacciatissima.  E via altre mille peripezie!

Va beh, non si può proprio spiegare che spasso sia Misfits ma possiamo dire che ci manca, che non vediamo l’ora di vedere come sia questo remake e di consigliarvi di recuperarlo subito se ve lo siete persi.

Rudy, Misfits
Rudy, Misfits

Comunque, a parte lo spasso galattico, Misfits dà anche importanti insegnamenti morali o consigli vitali. Ad esempio: Se ci tieni alla tua pellaccia non fare MAI l’assistente sociale!

Simon, Misfits
Simon, Misfits

IRRIVERENTE COME POCHI:

Lei vi ha fatto credere che dovreste essere così, ma non è vero. Siamo giovani! È normale per noi bere troppo. È normale per noi comportarci male e scopare come scimmie! Il nostro compito è divertirci! Ecco la verità! E se, alcuni di noi andranno in overdose o impazziranno, ma Charles Darwin ha detto “La frittata non si può fare senza rompere delle uova” ed è di questo che sto parlando. Rompere delle uova! E con questo intendo… farsi come delle zucchine con tutte le droghe possibili. Dio, se poteste vedervi ora! Mi si spezza il cuore. Indossate dei cardigan! Noi avevamo tutto! Abbiamo mandato a puttane tutto, più e meglio delle generazioni che ci hanno preceduti. Noi eravamo davvero bellissimi! Siamo dei cazzoni. Io sono un cazzone e voglio essere un cazzone fino alla fine dei miei vent’anni, magari fino all’inizio dei trenta! E sono pronto a farmi mia madre, prima di lasciare che lei o chiunque altro, mi porti via tutto questo!”

Nathan

misfits
Nathan e Kelly, Misfits

Un saluto agli amici di  Seriamente Tv  Serie tv, la nostra droga! 

Elisa Belotti

Written by Elisa Belotti

Nata a Bergamo, ho sempre trovato nelle storie una forma di evasione e analisi del mondo. Laureata in Scienze dei beni culturali e in Lettere moderne, cerco di mettere in ordine le mie suggestioni tra una visione e l'altra

Game of Thrones – Arya sbaglia ad andare a Ovest nel finale, parola di George R. R. Martin

breaking bad

20 citazioni memorabili dei personaggi interpretati da Aaron Paul