Vai al contenuto
Serie TV - Hall of Series » Malcolm in the Middle » L’improbabile amicizia tra Hal Wilkerson e Phil Dunphy

L’improbabile amicizia tra Hal Wilkerson e Phil Dunphy

Avete presente quelle amicizie insospettabili che lasciano tutti perplessi? Quelle del: “Come fanno quei due a essere amici: non potrebbero essere più diversi!”. I componenti del duo sono agli antipodi ed effettivamente il loro legame non può spiegarsi se non con la legge che gli opposti si attraggono. Ecco, un’ipotetica amicizia tra Hal Wilkerson (Malcolm in the Middle) e Phil Dunphy (Modern Family) apparterrebbe a questa categoria. In realtà Hal e Phil non sono poi così diversi: hanno solo un diverso approccio alla vita e soprattutto ai figli.

Hal è padre di quattro figli all’inizio della serie Malcolm in the Middle. È un uomo distratto e un po’ sconsiderato, che spesso fa il suo dovere di padre solo perché terrorizzato da sua moglie Lois, l’unica che prova a tenere la famiglia in riga. Hal Wilkerson è il padre di una famiglia americana di classe media: fa un lavoro che non lo soddisfa, ma che gli permette di arrivare a fine mese, e quando torna a casa desidera solo riposarsi. E invece gli sono toccati cinque figli, uno peggio dell’altro. Per cui si trascina ogni giorno, cercando però di ignorare i problemi vivendo nel suo mondo un po’ allampanato.
Phil è padre di tre figli e membro attivo di una grande famiglia allargata. Come Hal, anche lui è tenuto ancorato a terra da sua moglie Claire e anche lui tende a essere un vicino scalmanato e soprattutto un uomo con la testa sempre tra le nuvole. La grande differenza sta nel fatto però che Phil ricerca ogni momento con la sua famiglia e i suoi figli, sempre pieno di forza vitale.

malcolm in the middle
malcolm in the middle (640×362)

Ovviamente è stato Phil ad attaccare bottone per primo. Alla costante ricerca di un amico, non è riuscito a trattenersi. Quando poi ha anche scoperto quanto la famiglia Wilkerson e la Dunphy fossero simili il dado era ormai tratto e Hal finito in una morsa che difficilmente gli avrebbero permesso di fuggire. Nell’esatto istante in cui si era rivolto a quell’agente immobiliare aveva segnato la sua fine. E dire che aveva fatto solo perché aveva visto un cartellone con dei baffi disegnati e l’aveva trovato divertente. Eppure, approfondendo il rapporto, nonostante a volte non potesse sostenere una conversazione con il papà Dunphy, Hal si era fatto contagiare dalla sua passione per la vita e dalla sua travolgete voglia di conoscere e di farsi conoscere. E d’altra parte, Phil aveva preso a cuore quel padre stanco e aveva deciso di dargli una svegliata. Scoprendo presto che Hal avrebbe potuto aiutarlo a tornare con i piedi per terra le volte in cui volava troppo alto. E soprattutto fargli riscoprire il piacere di una vita senza bambini in giro.

Ed eccoli, che chiacchierano al bar.

malcolm in the middle (640×352)

Phil non la smetterebbe mai di parlare delle bravate che fa insieme a Luke. Già me la vedo la scena di Phil che dipinge se stesso e Luke come due ragazzacci, sempre a combinare guai all’insaputa di Claire. Mentre rivela il grande progetto di fare salti spettacolari sul tappeto elastico in giardino, confessa anche con orgoglio di essere un cheerleader sperando di impressionare il povero Hal. Ma il papà di Malcolm, tutto può fare tranne che impressionarsi per queste poche cose. Al massimo può chiedere come sia possibile che esista un cheerleader maschio, pensando a quanto suo figlio Reese l’avrebbe bullizzato al liceo. E a un certo punto, per zittire Phil che riesce a essere davvero logorroico, gli racconta giusto qualche aneddoto: gli incendi, il grande scherzo finale rivelato nell’ultimo episodio di Malcolm in the Middle. Phil Dunphy ammutolisce. Ma capisce subito che tra i due c’è una certa intesa e come con Jay finisce per cercarne l’approvazione.

Ma poi immaginate Hal trascinato nella famiglia di Modern Family. Già la sua è abbastanza affollata, pensate conoscere tutti i Pritchett, i Dunphy e i Tucker insieme: un incubo che lo vorrebbe far scappare a gambe levate. Lui che desidera solo stendersi in mutande sul divano. Eppure deve ammetterlo: tutto quell’energia positiva lo sta coinvolgendo. Anche perché Hal non è un pessimista, è solo stremato.
Ed è questo il pensiero che fa maggiormente sorridere. Come può quest’uomo così esausto accompagnarsi a un imperativo come Phil? Ma le strane coppie funzionano perché si completano, perché portano un po’ di entrambi. E probabilmente, questa improbabile amicizia finirebbe per essere un successo.

Hal e Phil troverebbero conforto l’uno nell’altro, scambiandosi idee e lamentele sui propri figli e le loro mogli entrambe comandanti della casa. Nella diversità troverebbero molto da imparare l’uno dall’altro e al tempo stesso guardandosi avrebbero l’impressione di guardare in uno specchio.

La verità è che Hal è solo una versione più indolente e meno ottimista di Phil. Forse un Phil se non avesse fatto un lavoro che ama e non avesse avuto un bella casa. Eppure, nonostante tutti i problemi che Malcolm in the Middle mette magistralmente in scena, emerge forte un valore che tutti i membri della truppa di Modern Family possono capire: l’importanza data alla famiglia, che c’è sempre, nei momenti belli e in quelli brutti. Pronta a rimproverarti, ma anche ad attutire le cadute. E forse è su questo aspetto che Hal e Phil si scoprirebbero molto simili. Certo resta che ognuno affronta le cose a modo proprio, ma l’affetto e i valori alla base di questi due papà sono molto più similari di quanto ci si potrebbe aspettare a un primo sguardo. Entrambi, papà mitici.

Dateci immediatamente in streaming quella meraviglia di Malcolm