in

30 disagi che solo un vero fan di Grey’s Anatomy può capire

Grey’s Anatomy è una di quelle poche serie tv che ci accompagnano da più di un decennio. Ebbene, con le sue 12 – prossime 13- stagioni, GA è molto di più di un semplice telefilm. Grey’s Anatomy è parte integrante delle nostre vite. Quanti si son resi conto che la propria vocazione era quella della medicina grazie ai protagonisti del Seattle Grace?
Grey’s Anatomy è entrato talmente tanto dentro di noi che ci ha trauatizzati.

#1. il nostro ideale di medico è inarrivabile.
Cioè: Derek, Mark, Alex, Owen, Jackson. Ma anche Meredith, Izzie, Lexie, Addison, Callie, Arizona, Amalia e tutte quante mannaggia!!!!!! Abbiamo questa figura ideale del dottore come un essere perfetto, con occhi perfetti e capelli perfetti. Bravura ineguagliabile, certo, ma che ti basta guardarli bene in volto per sentirti già meglio.

#2. Se non si trova un dottore in ospedale sta facendo sesso in uno sgabuzzino.
Grey’s Anatomy ci ha insegnato che ogni qualvolta un camice bianco scompare è perchè è impegnato a far cosacce da qualche parte nascosto tra gli stanzini dei corridoi.

#3. Quando ci viene il singhiozzo sappiamo che c’è la possibilità reale che la morte possa incombere da un momento all’altro su di noi.

#4. Il mal di testa potrebbe essere un tumore.
ALLORA: con ciò non sto dicendo che siamo destinati ad una fine tremenda ogni volta che l’emicrania si fa un po’ più forte, ma ci ha tutti imparanoiati con sta storia.

#5. il nostro 007 non è James Bond.
Sadness. Tristezza assoluta. Devastazione completa. 007. Tre numeri, milioni di lacrime. James Bond who? Il vero 007 si chiama George O’ Malley ed è il reale possessore della “licenza di uccidere”, si fa per dire.

ned stark

Ned Stark è tornato, come non lo avete mai visto prima

telefilm addicted

I 5 sensi del telefilm addicted