in ,

Friends contro How I Met Your Mother

2. TRAMA

Friends vs How I Met Your Mother

Se ci basiamo esclusivamente sull’aspetto umoristico delle due opere, Friends fa oggettivamente più ridere. Questo perché i personaggi sono volutamente più esuberanti nell’espressività (facciale e vocale) e nella ricercatezza delle gag. C’è da dire che la visione in italiano rende queste differenze più sottili, proprio perchè il pur ottimo doppiaggio di Friends non può restituire completamente la presenza scenica dei personaggi, costantemente sopra le righe. Tra tutti a spiccare di più è senz’altro la figura di Chandler, grazie alla magistrale interpretazione di Matthew Perry.

Questo avviene perchè Friends è a tutti gli effetti una sit-com, How I Met Your Mother no. Ha la struttura di un sit-com, le caratteristiche intrinseche (risate in sottofondo) ma se ne discosta per il contenuto proposto dalla trama. Argomenti come la morte, la solitudine, il destino vengono trattati in maniera approfondita e non come mero espediente comico. Nella serie creata da Carter e Bays c’è un lato oscuro più marcato che la rende, nei fatti, una dramedy. Questo può avere una spiegazione nella sua collocazione storica.

Friends e How I Met Your Mother sono nate in due epoche diverse: la prima affonda le proprie radici negli anni Novanta, mentre la seconda è figlia del nuovo millennio. In mezzo – e non è trascurabile – abbiamo avuto l’attentato alle Twin Towers, con tutto il carico di tensione e di paura nei confronti del futuro che si è portato dietro. Un’evento di tali proporzioni non poteva non avere un impatto, seppur celato, sulla vita dei newyorchesi nei primi anni duemila, influenzando inevitabilmente il mood della serie uscita nel 2005. Va detto, in ogni caso, che questa sua ibridazione è forse l’elemento in assoluto più riuscito di How I Met Your Mother.

Written by Vincenzo Di Somma

Il mio primo incontro con le serie TV avviene in tenera età quando scopro X-Files. Da lì nascono le mie tre domande esistenziali: siamo soli nell'universo? Diventerò mai figo come Duchovny? Smetterò di avere paura della sigla? Oggi come allora le risposte sono no, no e no.

American Gods

American Gods è stata già rinnovata per la terza stagione

The Big Bang Theory

Il produttore The Big Bang Theory spiega perché l’asocialità di Sheldon Cooper non sarà mai etichettata