in

Le 8 frasi di BoJack Horseman che più colpiscono nel profondo

2) 2×08 – Scopriamolo

bojack horseman

Mr. Peanutbutter: “Sei una star milionaria con una donna che ti ama e hai anche un ruolo nel film dei tuoi sogni. Che cos’altro puoi volere? Cioè che cos’altro ti dovrebbe regalare l’universo?”

BoJack: “Io voglio sentirmi bene con me stesso, come fai tu e… non so come si fa. E non so se ci riesco.”

Come esseri umani creiamo relazioni sociali con le persone che ci stanno vicine, dai genitori e parenti, agli amici, ai colleghi di lavoro. Ma l’unica persona che sarà sempre con te sei tu.

Svegliarsi la mattina con una grande dose di auto-disprezzo, guardarsi allo specchio e odiare ogni centimetro del proprio corpo, rimuginare sulle proprie azioni ripetendosi continuamente quanto ogni cosa che fai e dici sia sbagliata, doversi muovere nel mondo con un corpo e un carattere che si fatica ad accettare in toto è la sensazione più frustrante di tutte.

BoJack invidia Mr. Peanutbutter perché è “così stupido da non capire quant’è patetico”. L’uomo-cane nella sua pelliccia ci sta bene, non si rimprovera costantemente, non cerca negli altri la conferma della persona che è (BoJack a Diane insiste nel chiedere: “Dimmi che sono una brava persona!”, Mr. Peanutbutter afferma: “Se ascolti quello che dicono gli altri, non farai mai niente”. Questo rende bene la sostanziale differenza tra i due).

Non si tratta di scadere nell’eccesso opposto, ovvero nell’auto-esaltazione di sé, ma di trovare un equilibro. Comprendere i propri difetti ed errori, porvi rimedio, migliorarli. Riconoscere e apprezzare i propri pregi. Accettarsi. Stare bene con sé stessi. C’è a chi viene quasi naturale (Mr. Peanutbutter) e chi viene distrutto da questa relazione conflittuale con se stesso, finendo per riversare il malessere nel rapporto disastrato con il mondo (BoJack).

Written by Debora Bolis

La mia carriera da telefilm addicted è iniziata quando mi sono unita al Glee club; da lì in poi ho iniziato a seguire con costanza le serie TV, non importa il genere. Nella vita reale cerco di trovare il mio posto nel mondo, ma principalmente viaggio con il Dottore per tutto il tempo e lo spazio. Lui è il mio hobby preferito.

mindhunter

Come Ann Burgess ha ispirato il personaggio di Wendy Carr in Mindhunter

8 Serie Tv con un twist angosciante in stile The Mist