Vai al contenuto
Home » Bloodline » Le citazioni indimenticabili di Bloodline » Pagina 2

Le citazioni indimenticabili di Bloodline

4)Maybe wind can change… Things happen to the people ” (Danny a John)
    “Magari il vento può cambiare… Accadono cose alla persone

bloodline-25

Frasi con minacce non troppo celate, rapporti malaffaristici con il suo amico storico Eric O’ Bannon, un losco giro criminale col gangster del posto Wayne Lawry, un litigio insanabile frutto di vera disaffezione col fratello minore Kevin. Danny è ormai un maledetto tornado che travolge tutto nella propria spirale.

5)“Non siamo persone terribili, ma abbiamo fatto una cosa terribile. Non abbiamo mai trattato mio fratello Danny come uno di noi. Quindi, in realtà, se si è smarrito… dobbiamo ammettere che la colpa è di tutti noi . Vogliamo tutti sapere cosa è successo, ma ovunque sia spero stia bene. E spero che sappia che gli voglio bene”  (John Rayburn, 1 x 13 finale)

john-e-danny

John Rayburn, davanti alle varie autorità che vogliono sostenere la sua candidatura a sceriffo, ha modo di ‘chiarire’ in modo subliminale, la situazione legata a Danny. La famiglia è responsabile dello smarrimento del ragazzo, il nido familiare lo ha più volte respinto senza accoglierlo, Danny non è un emarginato della società ma lo è per la sua stessa famiglia.

L’atto brutale dello scontro fratricida è l’esplosione implacabile non dell’odio, bensì dell’incapacità di instaurare un legame con Danny che possa finalmente essere duraturo. John è colui che più di tutti ha provato ad aiutare Danny, John è colui che ha assorbito più di tutti la tensione ed il peso insostenibile della responsabilità. Un dialogo che è un vero flusso di coscienza, un’ammissione del peccato universale di tutti i Rayburn che maschera parte dell’ atto omicida.

Il rapporto Danny-Abele e John-Caino è l’emblema del supplizio di due anime e del loro infinito e irrisoluto struggimento interiore.

 

6) ” The family… the enemy ” (Eric a Danny)

2016-10-31-16-43-06La ‘massima’ del trasandato Eric O’Bannon, ben si sposa con i rancori anestetizzati in uno stato semi-assopito di Danny. Il primogenito Danny si sta ritagliando qualche piccolo momento di buona e pacifica interazione con la propria famiglia, lavorando per la madre nel resort, ma avverte al contempo un senso di incontrovertibile estraneità. L’amicizia storica con Eric O’ Bannon e la riaccesa liaison con Chelsea, sorella di Eric, riavvicina quelli che un tempo erano due inseparabili amici. “La famiglia è il nemico“, verità equidistante tra colpe altrui e colpe proprie.

L’amico Eric funge da varco per far rientrare Danny in quella spirale di illegalità e facili guadagni che contribuiranno ad ammorbare la fiducia che i Rayburn a piccoli passi volevano ridare al primogenito.
Pagine: 1 2 3