in

5 buoni motivi per cui dovreste iniziare Better Call Saul


IL SEGRETO È NELLA BATTUTA – Cosa è davvero necessario per far funzionare un buon prodotto seriale (o qualsivoglia film) ? Io opterei per la sceneggiatura e credetemi se vi dico che Saul è uno che ci sa fare con le parole. Un attore potrà essere anche grande, ma se gli darai una sceneggiatura penosa, reciterà in maniera penosa. Se però dai a quell’attore un copione degno delle sue capacità, stai pur certo che non rimarrai deluso. Questo è quello che succede in Better Call Saul dove ogni singola parola è misurata, precisa, adatta alla situazione, dove il talento di Odenkirk e di tutto il cast non viene di certo sprecato.

Saul piange, ride, se ne infischia, fa del sarcasmo e a nostra volta siamo noi a sorridere, piangere e sentirci catturati dal suo carisma, dal suo stesso esistere su quello schermo, perché è proprio la parola che ha reso Jimmy vero e reale, facendocene innamorare. Un personaggio in 3D che respira sullo schermo e arriva fino a noi.

In Better Call Saul, ogni cosa funziona perfettamente, come i meccanismi di un orologio che segna sempre l’ora giusta; ogni elemento si incastra con l’altro portando in Tv un altro gioiello, un’altra sorpresa religiosamente accettata. Volete un altro motivo per guardarlo? Sta a voi trovarne uno adesso!

Leggi anche: Breaking Bad vs Better Call Saul – Serie a confronto

Written by Serena Faro

Ho attraversato gli oceani del tempo a bordo del TARDIS, ho viaggiato in macchina con Sam e Dean a caccia di mostri, sono arrivata tardi ad un matrimonio a Westeros (meno male) così mi sono diretta a Storybrooke per poi salpare con il capitano Flint. Ho visitato la Londra dei "penny dreadfuls" e la New York dei "mad men". Mi sono ritrovata su un'isola un po' particolare, in attesa di una nuova avventura.

Perché Ted Mosby mi ha rovinato la vita

Time After Time

Time After Time cancellata da ABC dopo soli 5 episodi