Vai al contenuto
Home » Willy il Principe di Bel Air » La brutta storia della sostituzione di zia Vivian in Willy, il Principe di Bel-Air

La brutta storia della sostituzione di zia Vivian in Willy, il Principe di Bel-Air

Preparatevi, mettetevi comodi, perché la storia che vi proponiamo oggi è ricca di tensioni, sensi di colpa e rancore: perché la zia Vivian della celebre sit-com americana Willy, il principe di Bel-Air, a cavallo tra la terza e quarta stagione, cambiò clamorosamente la sua interprete? Se solo la risposta fosse così semplice.

Gli eventi che narreremo all’interno di questo articolo sono intrisi di colpi di scena, opinioni discordanti e accadimenti stravolti. Procediamo quindi con ordine prima di riversare sul testo la singolare cronistoria degli eventi che per anni hanno catturato l’attenzione dei fan della serie.

Nel lontano 1990 il network statunitense NBC iniziò a trasmettere la situation comedy Willy, Il Principe Di Bel-Air (titolo originale: The Fresh Prince Of Bel-Air) che farà la fortuna dell’emittente televisiva riscuotendo un enorme successo in tutto il mondo (vi invitiamo a leggere Come finisce Willy il Principe di Bel Air?)

willy il principe di bel air

Le generazioni degli anni ’80 sono inesorabilmente cresciute con le rocambolesche ed esilaranti avventure del protagonista, un emergente e sfavillante Will Smith, catapultato dai bassi fondi di Philadelphia nell’alta borghesia del ricco e patinato distretto californiano di Bel-Air.

A scuola si canticchiava la sigla, un rap martellante ormai imparato a memoria; la serie divertiva, offriva spunti particolarmente interessanti e rilevanti dal punto di vista sociologico e, a volte, riusciva persino a commuovere (storico l’abbraccio tra Willy e lo zio Phil dopo l’ennesimo abbandono del padre del protagonista, scena rimasta scolpita indelebilmente nella memoria degli spettatori). La serie andrà in onda per sei stagioni per un totale di 148 episodi nei quali, oltre a simpatizzare con l’adorabile famiglia Banks, il pubblico avrà modo di fare la conoscenza di guest star a inizio carriera, come Don Chadle, Quenn Latifah, Chris Rock, ma anche di personaggi pubblici già di successo negli anni ’90, basti pensare alla magnetica Naomi Cambpell, alla potentissima conduttrice tv Oprah Winfrey e tanti altri.

Ma, senza ulteriori fronzoli, veniamo perentoriamente al nocciolo della questione.

A inizio della quarta serie scopriamo che l’attrice Janet Hubert-Whitten, interprete dell’amato personaggio di zia Vivian, è stata sostituita con l’allora semisconosciuta Daphne Maxwell Reid che ne erediterà il ruolo per le restanti e ultime tre stagioni.

Cosa è successo nel mezzo? Bella domanda.

Le notizie sono a dir poco contrastanti. Tra presunti licenziamenti, incattivite faide interne e dichiarazioni al vetriolo, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza una volta per tutte.

Per anni, anzi, oramai per decenni, tra voci di corridoio, interviste e ripensamenti, la versione ufficiale (o meglio, occorrerebbe dire ufficiosa) era quella di un semplice licenziamento di Janet Hubert-Whitten in seguito a numerosi diverbi, maturati sul set, col protagonista Will Smith.

Il pubblico d’oltreoceano e non solo ha dovuto, quindi, sorbirsi per decenni le conseguenze di questa apparentemente aspra diatriba ogni qual volta che i personaggi della serie venivano imbeccati dal giornalista di turno.

Numerose sono state le volte, tra l’altro, in cui la Hubert-Whitten ha fatto sentire la propria voce rimarcando la delusione per il suo allontanamento dallo show e rivendicando, a suo modo, la propria professionalità e onestà intellettuale.

Come, ad esempio, l’intervista rilasciata nel 1993 al giornale Jet nella quale, senza troppi peli sulla lingua, l’attrice dichiarò con fermezza: “Probabilmente Smith è il responsabile del mio licenziamento. Ha molto potere, prima mi ha fatto licenziare e ora sta tentando di stracciare la mia carriera”. L’intervista continuava con la Hubert-Whitten che incalzava: “Tutti coloro che si sono imposti con Will Smith sono andati via”.

Non si fece attendere, naturalmente, la replica piccata di Smith all’Atlanta Journal. L’attore, premio Oscar per la sua recente performance nel biopic Una Famiglia Vincente, provò a togliersi qualche sassolino dalla scarpa asserendo: “Posso dire con certezza che Janet Hubert-Whitten voleva che la serie si fosse intitolata La zia Vivian di Bel-Air. Sapevo che mi avrebbe insultato, è passata da guadagnare un quarto di milioni di dollari all’anno a non avere niente. Ora è furiosa, ma in realtà è sempre stata arrabbiata”.

Willy il principe di Bel air

L’attrice di Chicago, dal canto suo, non ha mai nascosto la sua delusione sui comportamenti del giovane Smith, accusato, inoltre, in più riprese di essere stato l’artefice della distruzione della sua carriera.

In un celebre video pubblicato su Youtube nel 2018, l’attrice dichiarò: “Per 27 anni ho aspettato che tu fossi abbastanza uomo da ammettere di aver mentito, hai tanti scheletri nell’armadio”, e l’intervista prosegue: “parli di coscienza nera quando nelle tue produzioni non c’è un solo impiegato di colore. Hai mentito sul mio conto, a Hollywood nessuno aveva il coraggio di ribellarsi e sono scioccata che qualcuno come Warren Littlefield (l’allora produttore dello show) lo abbia permesso”.

Il livore, per nulla sopito, dell’ex zia Vivian si riaccese e divampò pochi anni fa, esattamente nel 2020 quando, in occasione di una raccolta fondi benefica, Alfonso Ribeiro (il simpatico e impacciato Carlton della serie) pubblicò sui social una foto con tutta la famiglia Banks sorridente.

Il post di Facebook di Janet Hubert-Whitten, poi prontamente cancellato, recitava: “Alfonso è sempre stato un lecchino di Will. Non ci sarà mai una reunion del Principe di Bel-Air, non ho interesse a vedere nessuna di queste persone”.

Eppure, a distanza di pochi mesi, la situazione cambiò radicalmente.

Già nel 2016, in verità, Will Smith decise di gettare acqua sul fuoco con parole al miele rivolte alla sua prima zia televisiva, nel corso di un’intervista rilasciata alla BBC nella quale, sottolineando come il cambio di interprete fosse stato doloroso, si spese apertamente a favore della Hubert-Whitten definendola un’attrice brillante, capace di cantare, recitare e ballare.

Janet Hubert-Whitten”, dichiarò Will Smith, “ha conferito grande dignità alla serie, adoro il contributo che ha dato allo show”.

Il preludio, insomma, della pace del tutto inaspettata scoppiata tra i due nel novembre del 2021 in occasione dell’attesissima e ufficiale reunion di Willy, Il Principe Di Bel-Air andata in onda sulla piattaforma streaming della HBO, ovvero, HBO Max.

Sorprendono, di fatti, le dichiarazioni dei due protagonisti della brutta vicenda.

Il cambio di rotta dell’attrice è a dir poco rivoluzionario, arrivando persino a prendersi le proprie responsabilità sul suo allontanamento dalla sit-com: “Durante le riprese ero incinta e stavo affrontando un matrimonio altamente abusivo. Non ero più in grado di ridere e scherzare e nessuno sembrava capire cosa stessi davvero pensando”.

Il suo toccante intervento prosegue: “Non sono stata licenziata (l’attrice avrebbe rifiutato un rinnovo di contratto poco soddisfacente), ma mi sentivo in trappola. Quando ho lasciato lo show avevo solo il bambino con me, la mia famiglia mi aveva disonorata, mi dicevano di aver rovinato il nostro nome. Sul set non mi sono mai comportata in modo non professionale, semplicemente avevo smesso di parlare con tutti perché non sapevo di chi fidarmi. Mi avevano esiliata e ha cominciato a circolare la voce che eri stato tu, Will”.

serie tv

Lo stesso attore, nel corso della reunion, ha ammesso le proprie colpe dichiarando: “Durante la sua gravidanza sono stato insensibile, non me ne rendevo conto. Ho tre figli e ho imparato cose che all’epoca non sapevo. Mi comporterei in maniera molto diversa adesso e ora capisco di aver reso le cose molto difficili per Janet”.

La situazione sembra essersi definitivamente risolta, e lo conferma anche l’inattesa solidarietà mostrata dalla Hubert-Whitten nei confronti di Will Smith dopo lo schiaffo a Chrsi Rock durante la cerimonia di consegna degli Oscar lo scorso 27 marzo. Fine dei giochi? Parrebbe di si. Non sapremo mai, tuttavia, qual è la verità assoluta di questo scontro dalla durata di circa trent’anni. Dichiarazioni attendibili o solo di facciata? La sensazione è che non sia finita qui e che nei prossimi anni possano emergere ulteriori e decisivi dettagli.

Staremo a vedere.

LEGGI ANCHE – A PROPOSITO DI WILLY, IL PRINCIPE DI BEL-AIR L’impresa più grande per il reboot di Willy il Principe di Bel-Air sarà abituarci a un nuovo volto