in

Vikings, a lezione da re Ragnar

L’emozione per Vikings cresce a partire dalla sigla, If I had a Heart… inevitabilmente evocativa.

Ogni singola nota della riuscitissima, vibrante e cupa sigla di Vikings (una delle migliori sigle seriali esistenti) è un passo di avvicinamento verso il Valhalla, il banchetto con gli Dei, a cui possono prender parte solo i migliori guerrieri andati nell’aldilà. Entriamo nota dopo nota, rombo dopo rombo, nel clima pagano di una delle popolazioni più abili nell’arte della guerra, i guerrieri temibili dal fisico resistente temprato dai lunghi e glaciali inverni. Le immagini allusive e visionarie si stagnano nella memoria dello spettatore: ritualità e realismo sempre a confronto. Il corvo nero presagio di sventure e di morte, le armi che scivolano lentamente sul fondale marino insieme ai corpi, il mare nero in una notte agitata e le imbarcazioni dei guerrieri nordici in marcia continua. Il rombo del tamburo che si fa portavoce di emozioni di guerra e sembra sincronizzarsi con il battito del cuore di chi sta per combattere e morire; il tamburo come miglior strumento per intonare una funesta marcia di morte, il rumore come ansia febbrile dell’estasi di battaglia. Si inizia ad apprezzare (in modo esagerato) Vikings a partire dalla sigla, non credo esista un essere umano disposto a negarlo.

Screenshot_2016-03-21-10-03-47Gli occhi di Ragnar Lodbrok rivelano subito l’animo di un rivoluzionario sognatore. Quando il Conte gli vieta di partire alla ricerca di nuove terre, Ragnar incarica “abusivamente” il suo amico Floki di costruirgli un’ imbarcazione; Ragnar è semplicemente colui che non si arrende mai. Ragnar è il singolo che sa di essere parte di un progetto più grande di se stesso e più grande di ogni cosa, né è in fondo spaventato, ma la voglia e l’esaltazione lo spingono ad imprese inimmaginabili.  L’ambizione di chi da soldato diventa Conte e poi Re, l’ardore della voglia di scoprire. Il protagonista della serie non scala gerarchie per la conquista del potere, desidera conoscere più degli altri suoi compagni, più di chiunque.
Mentre i Vichinghi fanno razzie, e distruggono un intero monastero, il biondo protagonista in un lampo di genio, capisce che tenere in vita il frate Athelstan può essere la migliore mossa possibile, lo scacco matto che donerà conoscenza e instaurerà poi una sincera amicizia tra i due.

Ragnar è l’Odisseo di Vikings, l’incarnazione dell’ambizione, la sintesi di come la ricerca della conoscenza sia più nobile e sacra che quella della felicità.

Vikings è una serie imperdibile, la caratterizzazione dei personaggi è riuscita e lo sviluppo delle stagioni è un continuo climax di tensioni e adrenalina. Nella serie abbiamo la luce, l’oscurità, il paganesimo estremista e totalitario di Floki, una stupenda e incredibile donna guerriero come Lagertha, il dualismo “odi et amo” tra Rollo e Ragnar. Nella vita del protagonista subentra il Cristianesimo che diventa un vero e proprio amante adulatore di Ragnar, lo corteggia fino a far vacillare la sua venerazione per gli dei, e il sacerdote Athelstan ne è lo strumento.

Screenshot_2016-03-21-10-02-05
Frate Athelstan e il suo amico Ragnar

L’ immaginario collettivo ha fatto “assimilare” all’opinione generale la figura del vichingo, intesa come quella di un barbaro nordico dedito a razzie e barbarie, esaltato nell’arte della guerra e fedele ai suoi culti pagani. Impossibile non pensare ad un’analogia tra i nordici e medievali Vichinghi e i più antichi Spartani, nati, vissuti e morti da guerrieri.
Eppure grazie al carattere ed emotività di Ragnar, vediamo gli occhi che vogliono perscrutare, intuire; occhi di un vichingo dubbioso e carismatico, che intuisce di essere diverso e vuole evadere dagli stretti confini nordici, della sua amata Kattegat.
L’intuitivo visionario che vuole far capire al suo popolo di cessare negli scontri fratricidi che portano puntualmente al nulla. Far capire al mondo vichingo di non sperperare più il proprio sangue, in scontri nati per la banalità di un appezzamento di terreno, o battaglie interne per l’ennesimo titolo di “Re”. Le vicende di re Horik, e lo jarl Borg sono l’emblema delle contese infinite tra famiglie nordiche, che lottano ancora per diritti e titoli feudali più o meno legittimi.

Screenshot_2016-03-21-10-07-38I dualismi sono il tema cardine della serie , Ragnar-Rollo , Floki-Ragnar. Floki dalla seconda stagione in poi inizierà a manifestare il suo crescente disprezzo per il vecchio amico, reo di adorare un cristiano come Athelstan. Floki e Ragnar da solido binomio diventano soggetti divergenti e il rancore di Floki, non fa che aumentare in modo esponenziale da episodio a episodio. Ragnar è il cambiamento, il cambiamento che spaventa. In tema dualismi e assoluta rivalità si colloca invece il rapporto Rollo-Ragnar: Rollo è accecato dall’invidia, è il fratello che non merita il grande Ragnar, l’eterno secondo che con il tradimento vuole usurparne il primato, un Giuda tra le fila vichinghe. I due si stimano sinceramente, ma l’invidia di Rollo consuma tutto, come una cellula tumorale; Rollo è uno straordinario e incredibile guerriero e animale da competizione; Ragnar è invece un grande combattente e leader illuminato. Differenze sostanziali e netta antitesi tra chi rappresenta l’innovazione e cambiamento (R.L.) e chi mantiene alla base concetti dannosi e primordiali (Rollo).

La terza stagione seriale è quella della preparazione all’assedio di Parigi, la stagione della trattativa tra Ragnar e Re Ecbert del Wessex, con uno dei più riusciti e incredibili colpi di scena nelle ultime puntate (con Ragnar protagonista). La crescita di Bjorn (Fianco di Ferro) figlio di Lagherta e R.L. sembra ormai esponenziale, è il guerriero valoroso e audace che l’oracolo aveva predetto. Si conclude con Rollo rimasto in suolo francese e gli altri ritornati a Kattegat, Rollo viene adescato dall’imperatore Carlo, intenzionato a fargli sposare la figlia Gisla. Rollo siglato l’accordo deve ora difendere Parigi dalla nuova ondata vichinga dei suoi vecchi compagni, e Ragnar non sarà mai più suo fratello, ora sangue e pura vendetta saranno i motivi dominanti nella quarta stagione di Vikings, ancora più che nelle precedenti. Neanche un buon pagano poi battezzato da cristiano come Ragnar può riuscire a perdonare nuovamente il fratello invidioso, il contrasto è ormai insanabile.

Vikings è guerra e lacrime, sangue e tradimento. Vikings è una serie bellissima ed assolutamente imperdibile.

 

Written by Davide Settembrini

Perdersi e riapprodare, confondersi in quelle maledette storie che vogliono provare a spiegare cos'è realmente l'uomo. Storie infinite, contraddizioni interiori ed agitato sentimento. La condivisione di quel dilemma eternamente irrisolto.

finale

How to Get Away with Murder ed un season finale a suon di colpi di scena

Come le Serie TV hanno aumentato le aspettative sull’America