in

Le migliori citazioni di The Walking Dead 7×03 – La cella

Come ogni settimana torna la nostra rubrica sulle migliori citazioni di The Walking Dead.

L’episodio 7×03 (qui la recensione) è stato profondo, intenso e di una psicologia a tratti spiazzante. Le citazioni sono poche, ma espresse e posate con una particolare cura.

I protagonisti della puntata sono Daryl, Dwight e Negan. Con loro abbiamo la possibilità di scoprire un po’ di più la vita nel rifugio dei Salvatori, le regole che scandiscono la giornata e la tirannia del leader in ogni aspetto della quotidianità.

Vediamo insieme le migliori citazioni di questo episodio.

 

-Qualunque cosa dicano, falla e basta.

Due delle citazioni di questa settimana sono di Sherry, personaggio che avevamo quasi accantonato dopo il furto a Daryl nel bosco nella sesta stagione. Il suo consiglio è semplice e diretto: obbedisci, sottomettiti o non ti rimarrà nulla per cui andare avanti.

-Funziona un po’ lentamente, ma che vuoi farci, alcuni piegano la testa più difficilmente di altri.

Questa volta a parlare è Negan, rivolto a Dwight. L’oggetto in questione è la condizione di Daryl che viene prima definito ‘fuori di testa‘. Gli strumenti di tortura stanno funzionando o almeno così credono; la musica, la nudità, il cibo scadente e quasi inesistente, la mancanza di acqua, la cella buia e successivamente la foto e i sensi di colpa. Tutto viene presentato a Daryl con un unico scopo: fargli piegare la testa. Negan ne parla con Dwight anche per provocarlo, perchè sa bene che lui è stato uno di quelli ‘difficili’, e per testarlo. Occuparsi di quella persona che in un certo senso può ricordargli la sua precedente condizione è un test.

-Qualunque cosa ti abbia fatto, può farti di più. Può farti sempre di più. Non riuscirai ad andare via e quando tornerai sarà peggio.

Ecco la seconda delle citazioni di Sherry. Il suo è un altro consiglio, il secondo che prova a dare a quell’uomo che una volta ha ingannato. Ha già avuto a che fare con Daryl, quindi probabilmente, la sua presenza in quel corridoio non è del tutto casuale. Sherry è lì per proteggerlo, anche se lui non lo sa. Ormai però la fiducia di Daryl verso quella persona è svanita totalmente. Perché lei dovrebbe essere più affidabile delle persone da cui vuole scappare? Perché non provare nemmeno a scappare? Per paura? No, non si ragiona così con Dixon.

the-walking-dead-daryl

Written by Chiara Santi

Sono cresciuta sentendo il profumo della Terra fresca dell'Appennino, quindi forse è per questo che mi faccio un sacco di viaggi mentali (o forse è per la droga che assumo, mi pare si chiami "The Walking Dead"). Vorrei giornate da 30 ore per poter fare tutto ciò che amo e vorrei che le persone imparassero a guardare sotto la superficie delle cose. Vi giuro che anche lì ci sono le Serie Tv.

Bloodline – Danny Rayburn, il ritorno del figliol prodigo e l’arrivo della pecora nera

Dwight

Dwight: il peso di un compromesso e l’eloquenza di uno sguardo