Vai al contenuto
Home » The Big Bang Theory » L’emozionante storia d’amore tra Stephen Hawking e The Big Bang Theory

L’emozionante storia d’amore tra Stephen Hawking e The Big Bang Theory

Stephen Hawking

Quella tra la serie CBS prodotta da Chuck Lorre e Bill Prady e il fisico Stephen Hawking è stata una lunga ed emozionante storia d’amore. Molti volti noti si sono avvicendati come cameo in The Big Bang Theory, pensiamo a Elon Musk, Leonard Nimoy o a Bill Gates, ma il fisico in questione ha intrecciato con il cast un rapporto duraturo e personale oltre che lavorativo. Inserito inizialmente nella ventunesima puntata della quinta stagione, Hawking torna a fare visita ai ragazzi spessissimo. A volte di persona o in video, altre solo come voce. Curiosità: Stephen Hawking, che aveva un grande senso dell’umorismo, non ha partecipato solo a The Big Bang Theory, è comparso anche in Star Trek: The Next Generation, I Simpson e Futurama.

La fibrillazione di Hawking

Stephen Hawking

Per ripercorrere questa intesa emozionante vogliamo ricordare le puntate in cui appare il fisico. Partiamo, quindi, dalla prima in assoluto La fibrillazione di Hawking: 5×21, 2012. Hawking è all’università di Pasadena per tenere alcune lezioni, così Howard Wolowitz viene scelto per essere l’ingegnere che lo assisterà con la sua sedia a rotelle. Il primo a sapere della notizia è Leonard che gli sconsiglia caldamente di fare la sua imitazione quando lo accompagnerà in università. Curiosità numero uno: Stephen Hawking aveva un grande senso dell’umorismo, lo abbiamo già detto, ma gli attori della serie non ne erano a conoscenza risultando molto in difficoltà nel momento in cui si trattava di fare battute in sua presenza. Immaginiamo che Simon Helberg, il simpatico Howard Wolowitz, non fosse proprio tranquillo all’idea di doverlo imitare. Temeva, infatti, di poterlo offendere dovendo copiare il suo modo particolare di parlare. Ma è stato così bravo e fedele all’originale da risultare divertente e non offensivo. Anche Kaley Cuoco, ad esempio, ha raccontato di essersi sentita molto a disagio, tanto da scusarsi, mentre lo ha definito “Quello sulla sedia a rotelle che ha inventato il tempo” nel momento in cui lo stesso fisico era sul set. Si è tranquillizzata quando Hawking le ha detto di non scusarsi perché aveva apprezzato la gag. Tornando alla puntata: dopo un’indecisione iniziale sulla possibilità di rivelare a Sheldon che incontrerà il fisico e una serie di battibecchi, i due raggiungono un compromesso. Howard darà a Hawking la ricerca del coinquilino sul Bosone di Higgs a patto che quest’ultimo per un periodo di tempo esaudisca ogni suo desiderio. Affrontata una serie di inutili umiliazioni, perché Wolowitz ha consegnato subito il lavoro dell’amico, a fine episodio finalmente Sheldon incontra il suo idolo. Hawking è colpito dalla mente brillante del ragazzo e si complimenta con lui per la ricerca. Peccato che due giorni dopo scopra un errore di calcolo. In questo frangente il fisico si diverte a prendere in giro Sheldon che sviene proprio di fronte a lui. Curiosità numero due. Nella puntata appaiono due personaggi che Sheldon ama alla follia: il fisico Hawking, come anticipato, ma anche Leonard Nimoy, l’attore che interpreta Spock a cui il fisico di Pasadena è molto affezionato.

La seconda apparizione, invece, risale all’episodio 6×06 L’obliterazione estrattiva. Sheldon e Hawking giocano online a Word With Friends e il ragazzo comincia a fantasticare sulla possibilità che il fisico lo ritenga un amico e ne discute con gli altri. Ma la sua fantasia è già così avanti da aver inventato dai soprannomi per entrambi: “Coop” e “Wheels”, se Hawking avesse accettato. La partita è a favore di Sheldon che comincia a collezionare una serie di vittorie per le quali si prende gioco del fisico. Scherza sul fatto di sgonfiargli le gomme e di sculacciarlo. Dopo questo avvenimento, Hawking smette di giocare per tre giorni. I ragazzi insinuano che Sheldon non sia abbastanza interessante da impegnare il tempo del fisico, ma il ragazzo non la prende bene: ”Lo stavo umiliando. Stavo pensando di scrivere un libro intitolato Breve storia del tempo in cui ho fatto piangere Stephen Hawking come una bambina”. Ma è Howard a centrare il punto: gli fa notare che il fisico è molto permaloso, di conseguenza la decisione di smettere di giocare è legata proprio alla sua sconfitta. Così Sheldon è indeciso se rischiare l’amicizia pur di batterlo o se lasciarlo vincere. Alla fine deciderà di lasciar vincere Hawking che, per tutta risposta, gli telefona per sbeffeggiarlo. Altra curiosità: Stephen Hawking, quando ha presentato il panel di The Big Bang Theory al Comic Con del 2013, ha esordito con questo videomessaggio: ”Quando non sono impegnato a giocare a Words With Friends con Sheldon, mi piace pensare all’universo. Molte persone pensano che l’universo sia difficile, non è così. Per esempio The Big Bang Theory lo spiega in 70 parole”. Poi ha anche cantato la sigla definendola una “breve storia del tempo”. Altra chicca: durante il gioco c’è uno scambio di botta e risposta tra i due e Sheldon fa una battuta che riguarda lo stato fisico di Hawking suscitando non poche polemiche. È stato lo stesso Hawking a smorzarle dichiarando di aver apprezzato lo scherzo.

La terza apparizione risale alla settima stagione, precisamente al 20esimo episodio La disgiunzione dell’amicizia. Qui, in realtà, Stephen Hawking non compare di persona ma solo attraverso un cameo vocale dato dal fatto che Sheldon gli intasa la segreteria telefonica. Il ragazzo, a causa di nuove scoperte sul Big Bang, comincia a torturarsi credendo di aver buttato via vent’anni della sua carriera in ricerche inutili. Così, esce con gli amici e si ubriaca. Al risveglio scopre di essere stato molesto con il fisico al quale ha lasciato messaggi insensati in segreteria.

Quarta apparizione, 8×14 La manifestazione del Troll. Leonard ha una casuale intuizione sui superfluidi mentre è a cena con Penny. Decide di conseguenza di elaborare uno studio insieme a Sheldon che i due posteranno in un forum pensato per raccoglie tutte le ricerche non ancora pubblicate. La maggior parte dei commenti è entusiasta, tranne quelli di un account anonimo che si prende gioco di loro apertamente. I due, grazie all’aiuto di Raj e Howard scopriranno che l’anonimo è Hawking: estimatore della teoria ma annoiato, a suo dire, da 40 anni di sedia a rotelle.

È il 200esimo episodio della serie, La sperimentazione del genetliaco, quello in cui appare per la penultima volta il fisico Hawking. In occasione del compleanno di Sheldon, Amy lo convince a dare una festa nonostante sia riluttante per i traumi vissuti da bambino. Al party ci sono tutti i suoi amici, di conseguenza, insieme a Wil Wheaton e Adam West, non poteva mancare il suo idolo: Stephen Hawking. Il fisico, in collegamento Skype, gli dedica la canzone di buon compleanno.

L’ultima partecipazione a The Big Bang Theory è nella prima puntata dell’undicesima stagione La proposta proposta. Qui Sheldon, dopo aver chiesto la mano di Amy, durante una cena cerca di mettersi in mostra con amici e colleghi che, tra i due, sono più interessati alla sposa. Di conseguenza, la coppia finisce per litigare. Così Sheldon, dopo essersi confidato proprio con uno dei suoi punti di riferimento, Hawking, capisce di aver sbagliato e promette alla futura moglie che farà di tutto per diventare una persona migliore.

Purtroppo Stephen Hawking si è spento il 4 marzo del 2018 a 76 anni.

Stephen Hawking

Di conseguenza, tra i tanti che lo hanno omaggiato, troviamo anche il cast di The Big Bang Theory. ”Riposa in pace Stephen Hawking. Non solo il tuo genio, ma il tuo senso dell’umorismo mancherà a tutti”, ha scritto Leonard, Johnny Galecki. C’è chi, come Jim Parson, si è limitato a un ”Grazie” e chi, come Penny ha scritto un pensiero. Kaley Cuoco, infatti, ha pubblicato: “È stato davvero un onore lavorare con l’incredibile Stephen Hawking. Ci ha fatto ridere e lo abbiamo fatto ridere. Sono molte le volte in cui a The Big Bang Theory ha parlato della sua vita e del suo lavoro e siamo tutti migliori per questo. Ci mancherai, ma il mondo è grato per il sapere e il coraggio che hai dimostrato. Grazie per essere una fonte d’ispirazione per tutti”. La stessa casa di produzione ha pubblicato una foto del cast al completo con la didascalia: “In affettuoso ricordo di Stephen Hawking. È stato un onore averlo in The Big Bang Theory. Grazie per aver ispirato noi e il mondo”. Visto il peso dello scienziato nella serie, ai creatori dello show è stato chiesto se avessero girato una puntata celebrativa per la sua scomparsa. Faremo qualcosa per onorarlo perché ha rappresentato una grande parte dello show e siamo stati abbastanza fortunati a passare un giorno con lui, portandolo in giro per il set […] Incontriamo davvero tante grandi persone nella serie ma quanti show possono dire di essere usciti con Stephen Hawking? Questo è qualcosa di raro e speciale”. E infatti, hanno mantenuto la promessa. Nonostante per motivi di tempo, la scena omaggio sia stata tagliata durante il season finale, il tributo è stato condiviso sull’account Twitter ufficiale di The Big Bang Theory. La clip, per cui è stato chiesto il permesso alla famiglia, si apre con Amy e Sheldon ormai sposati. Dopo che Mark Hamill ha firmato il loro certificato di matrimonio, la coppia riceve un altro regalo, quest’ultimo da parte di Hawking. Sheldon apre il pacchetto che contiene un orologio da taschino con tanto di incisione: ”Sheldon, sono felice che tu abbia finalmente sposato Amy. Era ora. Ha Ha Ha. Con affetto, Stephen”.

Per concludere, proponiamo un’ulteriore particolarità: Stephen Hawking è lo scienziato più citato all’interno della serie nonostante quest’ultima si basi sulla teoria delle stringhe che appartiene a un altro fisico, Leonard Susskid. Ciò a dimostrazione di quanto il rapporto tra la produzione e lo scienziato sia stata lunga e intensa. È impossibile descrivere il loro rapporto a parole, ma potremmo utilizzare una frase che possa renderne l’idea. Nella puntata 6×03 L’osservazione del Bosone di Higgs, l’assistente di Sheldon dice ad Amy: ”Mi ha chiesto di trattenere tutte le chiamate a meno che non sia Stephen Hawking o sua madre”.

Leggi anche: Le 15 citazioni più iconiche di Ozark