in

10 premi Oscar entrati a far parte del mondo delle Serie Tv

Serie Tv
10 premi Oscar entrati a far parte del mondo delle Serie Tv

Sono tantissimi gli attori che dopo aver fatto un po’ di gavetta nel mondo delle Serie Tv sono passati al cinema, fino a ottenere la tanto agognata statuetta. Alcuni semplici esempi possono essere Ryan Gosling, il giovane Hercules, o George Clooney che mai potremo dimenticare in ER, o gli ancor più grandi Will Smith e Robin Williams, e l’elenco potrebbe essere ancora molto lungo ovviamente.

Tuttavia il mondo della televisione e del cinema è cambiato nel tempo, e, soprattutto in questo periodo osserviamo uno strano cambiamento di corrente: ormai sono moltissimi gli attori e i registi che dal mondo del grande cinema, con tanto di Oscar tra le mani, si dedicano anima e corpo a Serie Tv di tutt’altro livello rispetto al passato.

Una volta le Serie Tv facevano parte di una seconda categoria, lo sfigatone pieno di brufoli con cui nessuno voleva parlare. Ora lo sfigatone si è fatto un  tocco di manzo non da poco, e oltre alla bellezza ha guadagnato qualcosa che il cinema sembra essersi dimenticato da tempo: l’arte.

Lo stesso David Lynch ha dichiarato, in un’intervista in proposito all’ultima stagione di Twin Peaks, «Il cinema di oggi mi deprime, c’è poca voglia di sperimentare e le mie idee sono poco commerciali. Non so proprio se riuscirò mai a tornare a girare un film. In compenso, le Serie Tv sono molto più interessanti. Sembra proprio che l’arte abbia trovato casa nel piccolo schermo».

Mentre i film sono diventati, per la maggior parte quanto meno, tremendamente commerciali, costruiti per un pubblico di bambini che vogliono solo effetti speciali e battute a effetto, le Serie Tv costringono a una scrittura più articolata, più attenta ai dettagli, e di conseguenza anche lo spettatore sarà portato a un livello di riflessione più alto e variegato.

Sarà per questo, per una maggior stabilità lavorativa o per moda, fatto sta che sono tantissimi i grandi attori e i registi che stanno cambiando sponda, e tra questi ve ne racconto dieci.

1) Nicole Kidman

10 premi Oscar entrati a far parte del mondo delle Serie Tv

La prima di questo elenco che non ha bisogno di presentazioni.

Nicole Kidman ha popolato i sogni proibiti di tutti fin dagli albori. Con le sue origini molto variegate, spaziando dalla Scozia, all’Inghilterra, all’Irlanda fino alla nascita da genitori australiani in quel di Honolulu garantendosi la doppia cittadinanza, inizia a mostrarsi davanti alla macchina da presa all’età di sedici anni.

Fa la sua gavetta, come la maggior parte degli attori, in una piccola soap opera intitolata A Country Practice del 1985, e da lì comincia la sua ascesa, che tra le altre cose la porterà anche in Italia con il film Rai Un’Australiana a Roma del 1987.

Inutile elencare in questa sede tutta la sua celebre filmografia che, passo dopo passo, la porterà alla sua prima candidatura all’Oscar per miglior attrice protagonista in Mulin Rouge! nel 2001, e al suo Oscar come Miglior Attrice Protagonista ottenuto l’anno seguente per la sua tormentata interpretazione di Virginia Woolf in The Hours, affiancata da nomi come Maryl Streep e Julienne Moore. 

Con un curriculum del genere Nicole Kidman è arrivata a cambiare totalmente genere nel 2017: con Big Little Lies la Kidman ha deciso di affermarsi anche nel mondo delle Serie Tv, aggiudicandosi nuovamente il premio come Miglior Attrice di una miniserie o film Tv.

Written by Sara Di Cerbo

C'è chi legge perché in cerca del proprio sogno, mentre chi scrive lo fa perchè ama regalare sogni. Dal canto mio faccio il possibile: scrivo da quando ne ho memoria, ho pubblicato il primo di (spero) molti romanzi nel 2015, frequento un'università senza speranza e mi cullo tra libri, film ed ovviamente meravigliose Serie Tv. Dopotutto un nerd è qualcuno che non ha paura di rimanere indietro rispetto al resto del mondo, se questo vuol dire continuare ad inseguire la propria passione.

L.A. Confidential

L.A. Confidential – La Serie ha trovato un protagonista

marco d'amore

Da Cecio a Ciro: l’evoluzione Hollywoodiana di Marco D’Amore