in ,

5 finali di episodio di Lost che ci sono rimasti dentro e non andranno via mai

2) L’incidente – 5×17

Lost

Le diverse linee temporali hanno caratterizzato la quinta stagione e sono venute a confluire nel grandioso finale, The Incident. Dopo una serie di salti temporali Saywer, Juliet e Jin si sono ricongiunti con Jack, Hurley e Kate nell’anno in cui sono bloccati, il 1977. Molto presto la felicità per l’incontro lascia spazio alla diversa prospettiva dei due leader: Sawyer, ormai piuttosto convinto dall’attuale stato di fatto, e Jack, voglioso di tornare al suo tempo e annullare ogni cosa accaduta.

Jack è convinto, su indicazione di Daniel Faraday, che facendo esplodere un ordigno nel luogo dove sarebbe stata costruita la botola si sarebbero impediti gli eventi che li hanno portati sull’isola: l’accumulo di energia, l’incidente provocato da Desmond e il conseguente schianto del volo Oceanic 815.

Juliet, vedendo negli occhi del suo Saywer l’amore per Kate, decide che il dolore non vale la candela e convince tutti dell’utilità del piano di Jack. I minuti finali, carichi di tensione, vedono lo scontro con la Dharma. La bomba è gettata nel cratere ma non esplode. Juliet viene trascinata nel buco e data per morta. Ma non lo è: con le ultime forze tenta disperatamente di innescare la bomba. Ci riesce e una luce bianca avvolge tutto mentre a caratteri neri si staglia la scritta LOST.

Finale epico che crea un hype incredibile in vista dell’ultima stagione e veicola anche una forte emotività per la morte di Juliet. Non solo: scopriamo che il redivivo John è in realtà un impostore. Si concretizza in queste scene tutta la frustrazione di Ben davanti al silenzio del suo Dio, di Jacob. Ignorato dal leader che ha sempre voluto incontrare e per il quale ha sacrificato ogni cosa, Ben decide di ucciderlo. Con l’ultimo respiro lo stesso Jacob dirà: “They’re coming“, “Stanno arrivando“, una frase che ci ha tormentato per mesi interi.

Questo finale di stagione ha tutto: emozione, tensione, profondità e un approfondimento psicologico per ogni personaggio sempre più incredibile. La 5×17 è per molti uno degli apici più alti di Lost, capace di tenere incollati allo schermo e intenerire anche il cuore più duro.

Written by Emanuele Di Eugenio

Esteta contemplativo (un modo elegante per dire nullafacente), vive immerso tra libri impolverati e consunti osservando il mondo da una finestra. Che sia quella dello schermo di una tv, di un pc o le pagine di un romanzo russo poco importa.

Amazon Prime Video: tutte le novità in arrivo questa settimana (6 luglio–12 luglio)

serie tv asiatiche

La classifica delle 5 migliori Serie Tv asiatiche