in

18 curiosità su 18 Serie Tv diverse

Serie come Lost e Breaking Bad sono riuscite a entrare così a fondo nei nostri cuori da farci desiderare di poter vivere per sempre in compagnia dei loro personaggi, lasciandoci cullare nei nostri pomeriggi più tediosi con i racconti delle loro mille avventure, pronti ad attenzionare ogni dettaglio fino a sentirci anche noi parte integrante della storia.

La conclusione di queste serie ha lasciato un vuoto incolmabile dentro di noi, rendendoci incapaci di trovare dei degni sostituti di questi spettacolari prodotti. Così, nostalgici e addolorati, cerchiamo in tutti i modi di rivivere le stesse emozioni di quando aspettavamo con ansia l’uscita dell’episodio successivo di Breaking Bad e delle altre serie, curiosi di scoprire quale destino gli sceneggiatori avrebbero riservato ai nostri personaggi preferiti.

Riguardiamo le nostre puntate preferite, spulciamo le foto degli attori e i video delle scene più epiche, sperando di trovare qualcosa di nuovo, di notare un dettaglio che possa sorprenderci ed entusiasmarci ancora una volta. Ed è così che arriviamo a conoscere ogni singolo retroscena delle nostre serie preferite, giungendo a considerare i membri del cast come intimi amici e scoprendo tutte le curiosità intorno alla creazione di ogni fotogramma dello show.

Eppure le serie tv sono davvero piene di segreti da scoprire. Se poi si pensa a prodotti come Breaking Bad, in cui ogni elemento non è mai inserito per caso, nemmeno anni e anni di ricerca potrebbero essere sufficienti per poter affermare con certezza di conoscere proprio tutto ciò che c’è da sapere sulla serie.

Oggi, allora, vogliamo proporvi alcune curiosità, non solo su Breaking Bad ma su 18 serie diverse, per testare il vostro grado di preparazione sul mondo delle serie tv, e chissà, forse anche per sorprendervi con qualche segreto che vi permetterà di immergervi ancora una volta nei vostri telefilm preferiti.

1) How I Met Your Mother

Breaking Bad

Tutti i fan di How I Met Your Mother ricorderanno il triste momento in cui Ted e Robin decisero di porre fine alla loro storia d’amore, costretti dalla divergenza di idee circa il loro futuro.

Tutto ha inizio durante una tranquilla cena di anniversario, quando una spaventatissima Robin si accorge della presenza di un anello di fidanzamento nel fondo del suo bicchiere e crede che Ted abbia intenzione di fargli la fatidica proposta. La sua categorica ed esilarante risposta fa nascere una discussione con il ragazzo, il quale si rende conto che la donna non desidera minimamente il matrimonio e dei figli, e non sarà dunque mai in grado di realizzare il suo più grande sogno.

Come ricorderete l’anello trovato da Robin nel bicchiere apparteneva in realtà ad un’altra coppia presente nel locale e seduta proprio alle spalle dei protagonisti. Quello che forse non tutti sanno è che la proposta di matrimonio che vediamo sullo sfondo della scena non è in realtà una finzione, bensì una reale sorpresa organizzata dalla comparsa per la sua fidanzata.

Grazie alla conoscenza con Matt Kuhn, sceneggiatore dello show, il giovane Timothy Russo è infatti riuscito a realizzare una memorabile proposta per la sua compagna Jana Rugan, grande fan di How I Met Your Mother. Convinta di dover semplicemente rappresentare una delle tante comparse dell’episodio, la donna si è invece ritrovata a vivere uno dei giorni più importanti della sua vita, coronando il suo sogno d’amore davanti all’intera troupe e a miliardi di telespettatori.

2) Friends

Pareti viola, pavimenti appena lucidati e un clima accogliente e familiare: l’appartamento di Monica è uno dei luoghi più iconici delle serie tv, la casa che ogni telespettatore non può fare a meno di sentire anche un po’ sua.

La famosissima casa di Friends, però, raccoglie numerosi segreti e retroscena che non tutti conoscono. Dal mistero circa l’indirizzo esatto del palazzo, al buco di trama relativo al cambio di numerazione del condominio, tante sono le curiosità intorno al celebre set.

Una, in particolare, riguarda cornice dorata posta sulla porta d’ingresso della casa. Abituati a vederla appesa intorno allo spioncino, molti di noi non si sono probabilmente mai domandati perchè una cornice di quel tipo potesse essere posta in un modo così inusuale. Eppure dietro a quella collocazione esiste una storia che molti non conoscono.

In origine, infatti, ad abbellire la porta dell’appartamento doveva essere posto uno specchio, racchiuso proprio nell’iconica cornice. Durante i primi giorni di riprese, tuttavia, lo specchio si ruppe. La cornice, però, era talmente bella che si decise di tenerla ugualmente, portandola a diventare uno dei simboli più amati del set.

3) Buffy l’Ammazzavampiri

Serie Tv - Buffy l'ammazzavampiri

Quando pensiamo a Sarah Michelle Gellar, Alyson Hannigan e tutti gli altri attori di Buffy l’Ammazzavampiri, l’associazione con gli iconici personaggi dello show che li hanno resi famosi è quasi automatica nelle nostre menti.

Dopo tanti anni passati a interpretare un unico ruolo, la fusione tra attore e personaggio sembra quasi inevitabile, naturale. Ed è così che agli occhi dei fan immaginare di poter vedere un volto diverso calarsi in uno di quei ruoli appare impossibile. Eppure prima di arrivare a vestire i panni in cui li abbiamo amati quegli attori hanno dovuto affrontare difficilissimi casting che non sempre li hanno portati dove pensavano sarebbero arrivati.

Prima di diventare l’ammazzavampiri più famosa della tv, ad esempio, Sarah Michelle Gellar aveva fatto l’audizione per un ruolo completamente diverso, ossia quello di Cordelia, personaggio poi interpretato da Charisma Carpenter. Quest’ultima, invece, aveva sperato di ottenere la parte della protagonista, ma arrivò tardi all’audizione perdendo così la sua occasione. Anche Julie Benz (interprete di Darla), e Mercedes McNab (Harmony) erano state provinate per il ruolo di Buffy, ma senza successo.

Fu, però, il personaggio di Willow a presentare maggiori problemi durante le audizioni. Nessuna attrice sembrava adatta a incarnare lo spirito della strega e, così, furono necessari numerosi provini e tanti passi indietro prima di arrivare ad assegnare il ruolo ad Alyson Hannigan. Nell’episodio pilota, addirittura, la migliore amica di Buffy è interpretata da Riff Regan, poi sostituita per la sua incapacità di donare quel tocco di timidezza che caratterizza il personaggio di Willow.

4) Game of Thrones

breaking bad

Chi di noi, dopo aver visto Game of Thrones, non ha sognato almeno una volta di poter portare a casa uno dei bellissimi cuccioli di metalupo degli Stark?

Pare che il fascino di questi iconici protagonisti della serie abbia colpito anche gli attori che hanno avuto il privilegio di recitare al loro fianco. Sophie Turner, in particolare, si innamorò talmente tanto del suo compagno di set da decidere di adottarlo.

Il cane, un cucciolo di Northern Inuit, divenne così parte della famiglia Turner, prendendo il nome di Zunni e realizzando il grande sogno dell’attrice che da tempo desiderava avere un animale domestico.

5) Breaking Bad

breaking bad

La meticolosa precisione con cui Vince Gilligan, ideatore di Breaking Bad, ha deciso ogni singolo dettaglio del suo show è uno degli elementi che più ci hanno fatto amare l’iconica serie.

Nulla è lasciato al caso in Breaking Bad, dai titoli di ogni singolo episodio all’elemento apparentemente più insignificante che compare sullo sfondo. Proprio per questo la serie si presenta come un bagaglio immenso di curiosità e misteri da scoprire, una fonte inesauribile di sorprese che anche dopo miliardi di rewatch continuano a stupirci.

Un esempio di tutto ciò lo troviamo nella curiosità riguardante le famose coordinate che conducano al denaro seppellito da Walter White. N 34, 59′, 20″, 106 W, 36′, 52: più volte abbiamo sentito il protagonista di Breaking Bad indicare questo luogo, convinti che si trattasse solo di numeri casuali non meritevoli di alcuna attenzione.

E invece ecco che Vince Gilligan ci sorprende ancora: seguendo le coordinate, infatti, scopriremo che esse portano direttamente ad Albuquerque, più precisamente al Q studios, luogo di riprese della serie.

D’altronde da una serie capolavoro come Breaking Bad non potevamo aspettarci nulla di meno.

6) La Casa de Papel

La Casa de Papel

Dopo Breaking Bad è il turno di scoprire alcuni misteri dietro a un’altra chiacchierata serie: parliamo della Casa de Papel, il prodotto di punta del momento.

Durante la prima, epica, rapina, scopo principale dei nostri criminali preferiti era quello di stampare migliaia di banconote al fine di realizzare un furto pulito, che non sottraesse denaro a nessuno se non al sistema. Durante le prime due stagioni dello show, così, il denaro è stato uno dei protagonisti delle scene, presente in più occasioni per dare allo spettatore una visione concreta dell’entità del colpo che la banda stava realizzando.

Impossibilitati ad usare denaro vero per le riprese, gli sceneggiatori si sono dovuti adoperare per trovare una soluzione che donasse comunque un tocco realistico alle scene. La produzione, così, è ricorsa alle macchine da stampa di un famoso quotidiano spagnolo, la ABC, dedicandosi alla realizzazione di 2.600 esemplari di banconote, perfettamente riprodotte su carta di giornale.

7) Gossip Girl

Amanti sullo schermo e, per un periodo di tempo, anche nella vita reale: Penn Bagdley e Blake Lively, interpreti degli innamoratissimi Dan e Serena, vantano una conoscenza profonda sia dentro che fuori dallo schermo.

I gossip sulla loro storia d’amore negli anni di Gossip Girl sono noti a tutti i fan, ma quello che non tutti sanno è che i due attori sono in realtà forti di un legame che li unisce fin da bambini. Le due giovani star, infatti, si conoscono dai tempi della scuola.

Impegnati a realizzare il loro sogno nel mondo dello spettacolo, i due giovani attori hanno optato per una formazione da casa, ma pochi sanno che durante l’infanzia i due colleghi sono stati compagni di studi, affrontando insieme le dure giornate di preparazione con insegnati privati, che gli hanno permesso di completare gli anni di scuola obbligatoria.

8) Élite

breaking bad

Gli spoiler: un terrore per i fan e un vero e proprio incubo per i produttori della serie. Il timore di vedere rovinati i colpi di scena più entusiasmanti della trama colpisce proprio tutti, dai telespettatori ai registi, che vedono le anticipazioni come una possibile causa di perdita di interesse verso il loro prodotto.

D’altronde si sa, molte serie puntano proprio tutto sull’effetto sorpresa, riuscendo ad attirare migliaia di persone davanti allo schermo solo grazie alla curiosità data dal non sapere cosa accadrà nel finale. Ed è proprio per questo che la troupe deve svolgere un lavoro meticoloso per evitare che dettagli fondamentali fuoriescano dal set.

Poiché, come si è soliti dire, fidarsi è bene ma non fidarsi è sempre meglio, alcuni registi scelgono di mantenere una certa riservatezza anche con gli stessi attori del loro show, per evitare fughe di informazioni inaspettate. È quello che è avvenuto in Élite, in particolare nelle prime stagioni della serie. Il grande mistero cardine della storia era, senza dubbio, quello legato all’autore dell’omicidio di Marina, un dettaglio che è stato rivelato solo nelle ultime puntate e che ha fatto scervellare per mesi i fan.

Pare che nemmeno i diretti interessati conoscessero il nome del killer, poiché la sua identità fu svelata solo una settimana prima delle riprese e, in ogni caso, esclusivamente a coloro che erano direttamente coinvolti nella scena. Una decisione dura, ma necessaria per mantenere la suspence intorno alle puntate.

9) How to Get Away with Murder

breaking bad

Quando si pensa a una serie come How To Get Away With Murder, è difficile credere che i produttori possano essere andati avanti per così tante stagioni senza avere un’idea precisa della meta a cui volevano arrivare. Eppure questo show è la dimostrazione che, talvolta, camminare ideando puntata per puntata la storia può davvero essere una soluzione vincente.

Pete Nowalk, showrunner della serie, ha ammesso che quando la storia ha avuto inizio egli non aveva idea di quello che sarebbe successo nel seguito. Questa serie, infatti, non rientra tra quei prodotti studiati e ragionati a tavolino con attenzione prima della messa in onda, ma si è evoluta pian piano, di pari passo al procedere delle puntate.

Molti dei colpi di scena che tanto abbiamo amato, così, sono nati all’improvviso, ispirati dallo stesso crescere della storia, guidati dagli stessi personaggi. Un esempio lampante di tutto ciò è visibile fin dalla prima stagione della serie.

Tutti ricorderemo l’epica conclusione della storia relativa all’omicidio di Lila, il mistero che ci ha tenuti incollati allo schermo durante la prima stagione dello show. Pare che il finale che abbiamo avuto modo di vedere, però, non fosse l’unico possibile. Esistevano, infatti, ben 3 diverse versioni della storia, che vedevano Lila uccisa da personaggi diversi: Rebecca, Sam e Frank.

Per decidere quale delle tre soluzioni fosse la più adatta allo spirito della storia e dei personaggi, gli sceneggiatori hanno voluto prima attendere di capire realmente chi erano i protagonisti della loro serie, camminando a lungo tra le puntate senza conoscere il finale perfetto di quella trama.

10) Grey’s Anatomy

Sguardo rassicurante che ci osserva da sotto i suoi grandi occhiali da vista, presenza fissa in ogni intervento chirurgico, in ogni momento cardine di Grey’s Anatomy: Bokhee è quel personaggio che rappresenta la nostra unica certezza in uno show che nei suoi lunghi anni di vita è riuscito a distruggerci ogni riferimento.

Sempre presente, ma mai invadente, silenziosa e affidabile: lei è una delle comparse più famose delle serie tv. Ma non tutti sanno che la sua partecipazione al telefilm cela motivi molto più importanti del semplice bisogno di creare un po’ di “confusione” nelle scene.

Realizzare un medical drama non è per nulla semplice per chi non ha conoscenze nell’ambito medico. Ogni scena necessita di un doppio lavoro, essendo obbligatoria una preparazione che consenta agli attori di utilizzare gesti e termini appropriati e quanto più realistici possibile. Nasce, così, l’idea di inserire nel cast alcune figure esterne al mondo della recitazione, ma in grado di dare un fondamentale contributo alla parte tecnica della trama.

Ecco, allora, che la celebre Bokhee fa il suo ingresso nella scena. La donna, infatti, non è solo una semplice comparsa, ma anche una vera infermiera professionista, reclutata sul set per dare quel tocco di realismo fondamentale per rendere Grey’s Anatomy un prodotto di qualità.

11) New Girl

Quante volte abbiamo visto Jess, Nick e tutti gli altri personaggi di New Girl muoversi tra le quattro pareti di quel loft che tanto abbiamo imparato ad amare. Ogni elemento di quel set è diventato per noi immediatamente riconoscibile, contornato da quel profumo di casa che solo i luoghi che ci hanno resi veramente felici riescono a possedere.

Conosciamo proprio tutto di quell’appartamento, ogni dettaglio, ogni soprammobile. O forse no? C’è un dettaglio che riguarda proprio uno degli arredamenti della casa che forse non tutti i fan sono riusciti a notare, poiché è visibile esclusivamente nel primo episodio della serie: si tratta di una curiosità riguardante le foto appese sul frigorifero.

Tocco di vivacità all’interno dell’appartamento, le fotografie sul frigo sono uno dei tratti distintivi delle case americane. Per questo, forse, i produttori le hanno ritenute immancabili nella sistemazione della location della loro serie. Peccato, però, che tra i tanti preparativi da fare prima del fatidico ciak, nessuno abbia pensato di procurarsi delle immagini che potessero riempire la scenografia.

Per risolvere in fretta l’inconveniente, così, si è deciso di mettere a disposizione delle foto reali, prelevate direttamente dalla raccolta personale di ogni membro della troupe. Una misura in extremis che ha permesso di girare il pilot della serie senza rinunciare a quel tocco distintivo del loft della banda.

12) Bridgerton

Hanno attirato la nostra attenzione fin dai primissimi fotogrammi della serie: i costumi di scena sono uno dei pezzi forti di Bridgerton.

Sfavillanti e principeschi, in grado di farci immergere a pieno nel clima storico rappresentato, con quel tocco di innovazione e di pop che tanto caratterizza lo show. I loro colori vivaci hanno riempito le scene, colorando la trama e rendendo più godibile la visione. Non stupisce, dunque, che sulla loro realizzazione sia stato compiuto un meticolosissimo lavoro di preparazione.

Prima di comparire sullo sfondo delle avventure sentimentali del Duca e di Daphne, infatti, i costumi di scena sono stati oggetto di un lungo percorso creativo che ha coinvolto un’equipe di costumiste composta da ben 238 persone e capitanata dalla newyorkese Ellen Mirojnick.

Ogni vestito è stato realizzato a mano ed è nato da dei bozzetti completamente originali disegnati dallo staff. Per sole otto puntate sono stati necessari ben 7500 costumi diversi, di cui 104 riservati solo alla protagonista, affinché potesse avere di fronte un’ampia scelta.

13) The Crown

breaking bad

Esattamente come Breaking Bad, anche The Crown ha dimostrato una cura meticolosa nella progettazione delle scene e dei dettagli.

È, in particolare, l’attenzione posta ai costumi e alle location ad aver fatto di questa serie un prodotto d’eccellenza. Ricostruire lo sfarzo e l’eleganza propri della corona reale, d’altronde, non deve essere stato semplice, ma la produzione è riuscita a portare a termine l’incarico in maniera egregia.

Uno dei problemi maggiori è stato dato dal divieto di utilizzare come set Buckingham Palace. Creare una location che potesse riprendere le ricchezze del famoso palazzo londinese è stata un’impresa di portata magistrale che ha richiesto un duro lavoro di preparazione.

Per evitare, però, di attirare troppo l’attenzione dei telespettatori e della stessa casa reale, prima che la serie venisse rilasciata, il team di ricerca predisposto per studiare e imitare al meglio l’edificio ha deciso di intrufolarsi nella reggia in un modo forse un po’ insolito.

Nessun permesso speciale o visite ufficiali, il team ha pensato bene di introdursi nel palazzo mimetizzandosi tra i turisti. Nessuno si è accorto della loro presenza e, così, tra uno sguardo e l’altro la troupe è riuscita con estrema discrezione a guardare tutti gli elementi necessari per realizzare il suo capolavoro.

14) Desperate Housewives

Quale modo migliore per rivivere le avventure della propria serie tv preferita che immergersi a capofitto nella storia come un nuovo personaggio? Per i fan di Desperate Housewives dal 2006 questo è veramente possibile.

La Halifax, infatti, ha rilasciato un gioco incentrato sull’iconica serie e intitolato Desperate Housewives: il videogioco. Si tratta di un gioco d’avventura e simulazione di vita, sullo stile del famoso The Sims, che prevede 12 livelli.

La trama inizia con l’arrivo a Wisteria Lane di una nuova casalinga affetta da amnesia, che sarà il personaggio controllato dal giocatore. L’obiettivo è scoprire i segreti intorno al passato della donna, muovendosi per i famosi luoghi della serie e interagendo con i protagonisti principali dello show.

15) Stranger Things

Stranger Things

La vita di un attore è tutt’altro che semplice. Spesso, ammaliati dal fascino luccicante dei riflettori e dalla bellezza della fama, siamo portati a pensare che la carriera di un interprete sia qualcosa di molto facile da affrontare. Pensiamo che chi appartiene a questo settore conduca una vita priva di stress e piena di certezze e denaro, e dimentichiamo di considerare la lunga gavetta che le star hanno dovuto compiere per arrivare lì dove li vediamo adesso.

Certo, sicuramente quando si parla di star di fama internazionale è corretto pensare che per loro il lavoro sia ormai una strada prevalentemente in discesa, ma gli esordi non sono mai semplici nel mondo dello spettacolo. Basti guardare al caso di Stranger Things per farsi un’idea.

La famosa serie dei Duffer Brother vede per la prima volta sullo schermo degli attori emergenti, privi nella maggior parte dei casi di alcuna esperienza. Oggi i protagonisti della serie sono conosciuti in tutto il mondo, ma quello che molti non sanno è che per ottenere una parte nello show hanno dovuto superare delle audizioni veramente ardue.

Ben 906 ragazzi e 307 ragazze, infatti, sono stati provinati prima di scegliere i membri del cast, una selezione durissima e davvero estenuante. Per testare il talento dei giovani attori si è scelto di utilizzare solo battute tratte da Stand By Me, prodotto che costituisce cardine e riferimento per tutta la serie.

16) Riverdale

Molto diversa da Breaking Bad, Riverdale non attira l’attenzione per la precisione dei suoi dettagli, ma per essere una serie realizzata a basso costo e concentrata più sulla spettacolarità dei suoi colpi di scena che sulla qualità.

A dimostrarlo è proprio una curiosità che abbiamo scoperto a proposito di questo show. Guardando le riprese dall’alto della cittadina di Riverdale, molti telespettatori potrebbero aver avuto una sensazione di familiarità, come se quei luoghi fossero già conosciuti.

Una sensazione che si è rivelata corretta. Pare, infatti, che per risparmiare sul budget la produzione abbia deciso di buttarsi sul riciclaggio, prelevando alcune immagini da un’altra serie. Si tratta di Pretty Little Liars e, in particolare, delle scene girate nella location di Rosewood.

Da lì la produzione ha prelevato tutte le immagini che vedevano ripresa la città dall’alto, economizzando parecchio sulla produzione e accelerando i tempi di ripresa.

17) Lost

Dopo Breaking Bad andiamo a scoprire una curiosità su un’altra serie cult che ha conquistato migliaia di telespettatori.

Quando si ha a che fare con una serie di enorme successo come Breaking Bad e Lost, è normale prevedere una certa pressione da parte dei fan dopo l’annuncio del gran finale. Migliaia di fedelissimi telespettatori, infatti, aspettano con ansia di poter scoprire cosa succederà nella conclusione della loro storia preferita, talvolta reduci da anni e anni di impaziente attesa.

Così, il pericolo che qualche curioso possa farsi cogliere dall’impazienza rischiando di rovinare l’effetto sorpresa del finale è sempre più pressante, tanto da costringere la produzione ad adottare misure estreme per prevenire ogni tipo di spoiler. è quello che è successo con Lost.

Più il finale si avvicinava, più i curiosi crescevano, tanto da rendere il set un vero e proprio nido di avvoltoi pronti a trovare qualche scoop in grado di saziare la fame di notizie dei fan e di fargli realizzare un’esclusiva da miglia di dollari. Per tutelare il regolare svolgimento delle riprese, così, i produttori decisero di inscenare un finto finale che tenesse occupati i giornalisti.

Vennero ingaggiate due controfigure, perfettamente somiglianti a Sun e Jin. Ai due attori venne dato il compito di aggirarsi nei pressi della chiesa che divenne poi la location del finale di serie, così da distrarre i fotografi. Tutti iniziarono a speculare sulla possibilità di un finale a lieto fin, che vedesse Sun e Jin finalmente all’altare e, mentre le teorie impazzavano tra i fan, il vero cast potè filmare con calma le sue scene, scongiurando il rischio spoiler.

18) Peaky Blinders

peaky blinders

Vero e proprio marchio di fabbrica, la sigaretta accesa è uno degli elementi più caratteristici di Tommy Shelby. Difficile pensare a questo iconico personaggio senza immaginarlo intento a fumare.

Si stima che nel corso di tutta la serie l’uomo abbia fumato più di 3000 sigarette: un numero spaventoso se si pensa che per realizzare ogni fotogramma sono necessarie decine di riprese che costringono l’attore a stare per ore con una sigaretta in bocca.

Per evitare di compromettere la salute di Cillian Murphy, che peraltro non è assolutamente un patito del fumo, si è così dovuta trovare un’alternativa che gli evitasse di accendere realmente quella gran quantità di nicotina giornaliera. Così la troupe si è ingegnata per realizzare dei sostituti perfettamente salutari, creando delle sigarette interamente a base di erbe innocue, che potessero permette agli attori di girare le scene in piena sicurezza.

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium (anche su Breaking Bad) a tema serie tv

Scritto da Serena Liggeri

Un foglio, una penna e una buona Serie Tv: i tre ingredienti per una giornata perfetta.

L’incontro tra Daryl e Leah nella 11×04 crea un potenziale buco di trama in The Walking Dead

alessandro borghi

Il forte sfogo di Alessandro Borghi: «Netflix ci ha fatto sentire divi, poi siamo diventati dei numeri»