Vai al contenuto
Home » SERIE TV » Sarà l’anno della rinascita di Amazon Prime Video?

Sarà l’anno della rinascita di Amazon Prime Video?

Abbiamo già potuto ammirare la qualità dei prodotti nel catalogo di Amazon Prime Video. Pochi titoli ma molto centrati e di grande qualità. Ricordiamo ad esempio American Gods, Mr Robot e Mozart in the Jungle, solo per citarne alcuni. La piattaforma streaming contiene e produce Serie Tv interessanti e quest’anno potrebbe essere un competitor all’altezza di Netflix. Difatti Amazon Prime Video ha in produzione show originali che potrebbero essere un ottimo trampolino di lancio per l’azienda. Inoltre alcune Serie Tv ferme da tempo sono state rinnovate per ulteriori stagioni.

Per quanto concerne i prodotti in uscita abbiamo The Romanoffs il cui pilot è previsto il 12 ottobre. Lo show prodotto da Amazon Studios è frutto della stessa mente creativa di Mad Men: Matt Weiner. Racconta la storia di otto individui convinti di essere i discendenti dell’ultima dinastia imperiale che governò la Russia fino al 1917: i Romanov. La loro storia, finita nella tragedia, è stata frutto di svariate teorie cospirazioniste.

Nel 1918 furono giustiziati lo zar Nicola II insieme a tutta la sua famiglia e i suoi domestici. Alla luce di ciò ancora è poco chiaro chi siano i loro diretti discendenti o se nell’effettivo ce ne siano ancora. La Serie Tv di Amazon Prime Video sarà composta da una stagione incentrata su episodi autoconclusivi, senza continuità. Tuttavia sarà interessante osservare il lavoro di un grande regista alle prese con un tema scottante e di rilevante importanza storica.

serie tv

Il catalogo di Amazon Prime Video riserverà anche altre sorprese.

Sebbene non si conosca ancora la data di uscita, tra le serie in produzione è doveroso citare Maradona (qui nello specifico) la quale racconterà la vita del calciatore più famoso di tutti i tempi. Lo show sarà una ventata di freschezza per il colosso mondiale.

Amazon Prime Video è tristemente famosa per i tempi di gestazione tra una stagione e l’altra delle sue Serie Tv di punta. Tuttavia esistono e sono lì in attesa di poter entusiasmare nuovamente lo spettatore. Mai come in questo momento tale aspetto risulta vero. Parliamo di due titoli in particolare: American Gods e The Man in the High Castle. Per quanto concerne la prima, la sua storia risulta lunga e travagliata. Inizialmente prodotta nel lontano 2011 finì con un pugno di mosche nel 2014. Oggi dopo più di un anno dalla fine dello show abbiamo la notizia del rinnovo di una seconda stagione per il 2019.

amazone prime video

Il ruolo di The Man in the High Castle non è da meno in questo tormento. Il pilot, nel lontano 2015, è stato l’episodio d’esordio più visto nella storia di Amazon Prime Video. Prima di esso però varie aziende, tra cui BBC, provarono a distribuire un adattamento del romanzo di Philip K. Dick senza successo. Finalmente il 5 ottobre di quest’anno potremmo assaporare la terza stagione di una delle serie distopiche più angoscianti di tutte. Inoltre le notizie belle non finiscono qui: a luglio è stata rinnovata addirittura per una quarta stagione, in onda per il 2019.

Proprio come per American Gods, il periodo di gestazione di The Man in the High Castle, tra la seconda e la terza stagione, è stato un’agonia per lo spettatore: quasi due anni di distanza.

Amazon Prime Video vuole stupirci e deliziarci con prodotti nuovi accattivanti e colossi a cui donare nuova linfa vitale.

amazon prime video

In conclusione è doveroso citare il rinnovo per una seconda stagione di The Marvelous Mrs. Maisel la quale ha recentemente portato a casa ben 4 Emmy Awards e 2 Golden Globe ed è da molti considerata la comedy dell’anno. Prodotta e distribuita da Amazon Studios è sicuramente una perla da non perdere.

Alla luce di questo la domanda sorge spontanea: è l’anno della rinascita di Amazon Prime Video? Probabilmente queste produzioni e questi rinnovi potrebbero essere finalmente il giusto approccio per donare ad Amazon la considerazione che merita. Nel suo catalogo ci sono tanti show poco conosciuti ma interessanti e qualitativamente buoni. Ci auguriamo che questa mossa di mercato possa attirare l’attenzione di un grande pubblico e che non rimanga un debole fuoco di paglia nello sconfinato mondo delle Serie Tv.

Leggi anche – Qual è la differenza tra Tv Show e Tv Series in America?