in

7 attori delle Serie Tv che hanno origini italiane

Serie Tv
Serie Tv

Quando anche il mondo delle Serie Tv ci ricorda che “italians do it better”

Serie Tv


Qualcuno un tempo ci definì

popolo di santi, poeti e navigatori…

Di sicuro sappiamo che siamo stati un popolo di migranti. Lo dice la nostra storia e ce lo ricordano quei cognomi che, pur provenienti da oltreoceano, spesso ci suonano così familiari.

Altrettanto vero è come l’arte e la creatività siano parte integrante della cultura italiana. Potremo quasi affermare che siano elementi atavicamente presenti nel nostro corredo genetico. Un talento artistico che esplode in svariate forme, tra cui anche la recitazione. Forse è questo quid “tricolore” che ha concorso a rendere celebri personaggi quali Robert De Niro, Al Pacino, Leonardo Di Caprio, Joe Pesci — volendo parlare del mondo cinematografico — e che ci ha regalato alcuni interpreti eccezionali pure nel panorama seriale.

Avere origini italiane spesso è sinonimo di singolarità, quanto meno di un certo fascino. Siamo unici (o così dicono), nel bene e nel male.

Serie Tv

Allora, siete curiosi di scoprire (in rigoroso ordine alfabetico) 7 attori che affondano le loro radici nel Bel paese? Cominciamo!

1) FRANK LANGELLA

Frank A. Langella Jr. nasce il 1 gennaio del 1938 a Bayonne.

Di certo siamo di fronte a un cognome che tradisce tutta la sua italianità!

Serie Tv

Oltre a essere ricordato per il Dracula di John Badham, Langella ha ricevuto una nomination al Golden Globe nel 1971 e una al Premio Oscar nel 2009 per aver interpretato il ruolo del Presidente Nixon nella pellicola dal titolo Frost/Nixon.

Questo calibro da novanta è noto ai serial addicted per la parte di Gabriel, ex membro del KGB e supervisore a cui i Jennings fanno rapporto, nella Serie Tv The Americans.

Written by Paolo Tomassoli

Di giorno giurista, di notte serialista. Tra Italia, Giappone e Russia, con le Serie Tv mi sento a casa ovunque mi trovi.

The Big Bang Theory 11 il ritorno del Professor Proton

Outlander

Jamie e Claire – L’arto fantasma