in ,

Hawkeye, la nuova miniserie Marvel con Occhio di Falco vi aspetta su Disney+

Hawkeye
Hawkeye

Clint Barton, alias Hawkeye/Occhio di Falco, e la sua allieva Kate Bishop sono appena sbarcati su Disney+ con le prime due puntate di una miniserie all’insegna di pugni e risate (ecco il trailer). Il rilascio degli episodi sulla piattaforma sarà settimanale e gli ultimi due arriveranno pochi giorni prima di Natale: il 22 dicembre. Lo stesso periodo in cui è ambientata la vicenda. La nuova epopea supereroistica si svolge, infatti, sullo sfondo di una New York addobbata per le festività. Occhio di Falco ha una missione importante da completare: tornare a casa in tempo per il Natale e non deludere i suoi figli. Il contrattempo porta appunto il nome di Kate Bishop. Una giovane e ricca ragazza che, senza volerlo, è finita nei guai dopo aver recuperato il vecchio costume di Ronin. Le luci, la neve e una New York sfavillante bastano per immergerci nello spirito natalizio. Se poi aggiungiamo combattimenti, sequenze d’azione e tanta ironia graffiante in stile Avengers, ecco che ci ritroviamo per le mani una storia da non perdere. Creata da Jonathan Igla per Disney+, Hawkeye è la quinta sorella seriale del Marvel Cinematic Universe (MCU). La miniserie è prodotta dai Marvel Studios, che dopo il successo del fumetto omonimo del 2012 creato da Matt Fraction e David Aja, hanno deciso di trasporre il concept vincente in formato seriale. Qui trovate altre 10 nuove serie tv Marvel Studios in sviluppo e presto in arrivo su Disney+.

Divertimento e umorismo senza forzature

Hawkeye Disney +

Se lo sfondo natalizio vi fa storcere il naso, potete stare tranquilli: tutto s’incastra alla perfezione. La trama, almeno dalle prime due putate, sembra sottotono rispetto agli altri progetti Mavel. Eppure si percepisce subito un’alchimia di elementi che promettono decisamente bene. Il ritmo è frizzante, divertente e familiare. La coppia di protagonista si pone sulla scia di The Falcon and the Winter Soldier con un umorismo amichevole, che scorre liscio come l’olio. Il ritmo è naturale, ma avvincente e ha già convinto la critica internazionale. La miniserie ha conquistato un 90% di gradimento sull’aggregatore Rotten Tomatoes che scrive:

Hawkeye inizia lentamente, ma l’azione di strada è un rinfrescante cambio di ritmo per l’MCU e la chimica tra i suoi protagonisti brilla anche quando la trama è in ritardo.

Rotten Tomatoes

Per il Guardian la miniserie fa centro nell’offerta festiva della Marvel e ottiene tre stelle su cinque. Anche se, a suo avviso, qualcosa sembra zoppicare. Non c’è dubbio che tra gli Avengers, Hawkeye sia il supereroe più sottotono e, probabilmente, è anche il meno sfavillante. Infatti la stessa Kate non perderà occasione per far notare a Clint che lui non cura il suo branding. Eppure, è proprio questa la fortuna del suo personaggio che, come un Cupido malandato, con le sue frecce ha fatto centro nel cuore del grande pubblico. Non avendo poteri naturai, Clint è il supereroe che rappresenta al meglio la componente umana degli Avengers. E in questa miniserie, dedicata finalmente sul suo personaggio, abbiamo l’opportunità di conoscerlo meglio, soprattutto nei suoi aspetti più intimi, personali e legati al suo passato.

Il passaggio del testimone

Hailee Steinfeld

Gli eventi si svolgono dopo quelli del film Avengers: Endgame (2019). La prima puntata si apre durante la Battaglia di New York. Kate è una bambina e, mentre il suo palazzo sta per crollare, intravede Clint Barton combattere i Chitauri e poi salvarle la vita. Da questo momento la piccola non ha dubbi: è il suo supereroe preferito e crescerà con il sogno di diventare come lui. Nella sequenza successiva ritroviamo Kate più grande, più atletica e più grintosa. Ha 22 anni, va al college e ha conquistato tante di quelle medaglie da non sapere più dove metterle. Eccelle in tutto, dalla scherma alle arti marziali fino al tiro con l’arco. Clint Barton, al contrario, è stanco, disilluso e invecchiato. Spera in una vita tranquilla e vorrebbe solo dedicarsi alla sua famiglia. Lo ritroviamo in gita a New York insieme ai suoi tre figli, annoiato durante la prima di un musical ridicolo dedicato agli Avengers. Senza fare spoiler, sarà proprio in questa cornice natalizia che Clint farà la conoscenza di Kate. La ragazza trova – per caso – la tuta di Rorin e finisce nel bersaglio della Tracksuit Mafia, una gang di strada russa. L’incontro tra la futura allieva esplosiva e il maestro riluttante e spento sarà dunque il carburante del nuovo capitolo seriale firmato Marvel. Conosceremo la storia di Occhio di Falco, invecchiato e stanco, che contro voglia si ritrova a gestire una ragazzina piena di energia, quella che diventerà la sua erede.

Un casting eccellente

Hawkeye

Jeremy Renner torna nelle vesti di Clint Barton nel primo progetto solista come vendicatore. Al suo fianco, come sua apprendista, troviamo Kate Bishop, interpretata da Hailee Steinfeld. La giovane attrice e cantante statunitense ha già macinato diversi successi. L’abbiamo vista nella serie tv Dickinson nei panni di Emily Dickinson. Ha prestato la voce a Spider-Gwen nel film Spider-Man: A New Universe ed è anche la voce di Vi in Arcane di Netflix. Ma l’intero cast di Hawkeye è una garanzia. Tony Dalton, che ricorderete senz’altro come un superlativo Lalo Salamanca in Better Call Saul, è il nuovo fidanzato della mamma di Kate. Nonostante la sua aria ambigua e inquietante, è impossibile non adorarlo sin dalle prime inquadrature: una garanzia di cattiveria, charme e ironia senza eguali. A interpretare la mamma di Kate, invece, troviamo un’elegantissima Vera Farmiga (Bates Motel).

Fra Fee (Cinderella) è il mercenario Kazi; Brian d’Arcy James è Derek Bishop, il padre di Kate e Linda Cardellini (Dead to Me) è nei panni di Laura Barton, la moglie di Clint. Nella Tracksuit Mafia troviamo l’attore Aleks Paunovic e Piotr Adamczyk, rispettivamente Ivan e Tomas. Ultima, ma non certo per importanza, Alaqua Cox. Un’attrice non udente e nativa americana che arriverà nei prossimi episodi come Maya Lopez, alias Echo: un supereroe sordo con l’abilità di copiare i movimenti di un’altra persona. Non mancano i cameo ad arricchire un cast d’eccezione, come quello dell’attore Simon Callow (Quattro matrimoni e un funerale) nelle vesti dello zio Armand e altri volti che si aggiungeranno nel corso degli episodi. La chimica tra gli attori del cast è equilibrata. L’aria rassegnata e infastidita di Clint si mescola subito all’energia di Kate, generando un effetto di contrasto stridente, ma molto divertente.

Jeremy Renner

Insomma, le premesse di Hawkeye sono ottime.

Un cast convincente e una combo di protagonisti caratterialmente agli antipodi, ma dall’intesa perfetta. Si prospetta dunque una miniserie divertente a tema supereroistico ideale per trascorrere le festività natalizie. Dalle premesse è facile intuire anche che non mancheranno delle succose soprese lungo il corso dei sei episodi. Corrono voci che questa potrebbe essere l’ultima occasione di vedere Jeremy Renner nei panni di Clint Barton. L’attore non si è ancora espresso a riguardo, ma ha detto di essersi divertito a vestire i panni del Vecchio Occhio di Falco che consegna il testimone a un supereroe più energico. Non sappiamo ancora se ci sarà una seconda stagione di Hawkeye. Con ottime probabilità rischiamo di trovare come unica protagonista solamente Kate Bishop, la quale erediterà il ruolo come miglior arciere del MCU. La buona notizia è che con l’uscita della miniserie, è arrivata anche la conferma dello spin-off dedicato alla figura di Maya Lopez/Echo, interpretata dall’attrice Alaqua Cox.

Hawkeye vi aspetta dal 24 novembre in streaming su Disney+ fino al 22 dicembre con due nuove puntate a settimana, per un intrattenimento avvincente e divertente con i battibecchi dell’eroe babysitter e l’aspirante allieva scalmanata che continua a mettersi nei guai.

Hawkeye e le Serie Marvel: come sono cambiate da quando sono sbarcate su Disney +

Scritto da Sara Crecco

Rifletto tanto, talmente tanto che poi dimentico su cosa stavo riflettendo. Quindi niente, accendo Netflix.

Keanu Reeves

I 18 film da vedere almeno una volta nella vita, secondo Keanu Reeves

Squid Game

Squid Game, parla la giovane doppiatrice della bambola: «Mi hanno impedito di vedere la serie»