in ,

Grey’s Anatomy 16×21 – Finalmente un po’ di buone notizie

Grey's Anatomy

Bentornati con la recensione dell’episodio conclusivo di questa stagione di Grey’s Anatomy. Sembrava impossibile, ma ce l’avevamo fatta recitava quel famoso spot televisivo.

Ebbene sì, si è conclusa anche questa sedicesima stagione e sono piuttosto contenta del finale, fatta eccezione per qualche piccolo elemento, ma ci arriveremo pian piano. Partiamo subito con ciò che mi è piaciuto dell’episodio, con gli aspetti positivi.

È nato il bambino di Amelia e Link. Come aprire questa recensione se non con la lieta notizia dell’arrivo di un nuovo membro nella grande famiglia di Grey’s Anatomy? C’è solo un piccolo problema: l’episodio si è concluso senza che ci dicessero il nome del bambino. Insomma, chi è così cattivo da fare una cosa del genere? Ah, sì, giusto, Krista Vernoff! Qual è il nome del figlio degli Amelink?

Grey's Anatomy

Sarà Derek? Ma Derek è il primo nome di Bailey Shepherd quindi avremo il tipico caso all’italiana di omonimia in famiglia? Loro si chiameranno tutti Derek? E al pranzo di Natale ci sarà la classica scena:
Maggie: passa il piatto a Derek.
Eventuale figlio di Maggie: a chi, a Derek di zia Meredith o a quello di zia Amelia?
Amelia: è senza formaggio? Derek mio mangia senza formaggio. Ha preso tutto dal padre.
Eventuale figlio di Maggie: no zia, è con il formaggio.
Meredith: allora è Derek mio.
Oppure il fatto che, pur chiamandosi Derek, il figlio dei Merder (qui la classifica delle 5 coppie più belle di Grey’s Anatomy) è conosciuto come Bailey influenzerà la scelta permettendo, così, ad Amelia di chiamare suo figlio come il suo defunto fratello?
Chissà, non ci resta che restare a guardare suppongo.

Ho trovato incredibilmente dolci i momenti tra Amelia e Miranda Bailey. La Bailey, come sapete bene, ha perso una bambina di recente e, quand’era incinta, lei e la Shepherd si scambiavano consigli sulla loro condizione. Il fatto che ci fosse la Miranda ad assistere Amelia durante il parto è stato davvero carino ed emozionante.

Grey's Anatomy

Passiamo a un’altra storia che mi è piaciuta tantissimo: Richard Webber sta bene e non ha l’Alzheimer. La sua situazione ci aveva allarmati tutti e il solo pensiero che Richard potesse abbandonarci, cominciava a distruggermi. Fortunatamente tutto è andato per il meglio e si è scoperto che Webber aveva sostituito l’anca con una protesi in cobalto, la stessa che aveva cominciato ad avvelenarlo fino a fargli avere dei sintomi molto simili a quelli dell’Alzheimer. Grazie all’intervento di Link che ha provveduto a sostituire l’anca, il dottor Webber è sopravvissuto ed è in fase di guarigione.

Mi dispiace solo della questione con Catherine Fox. È vero Catherine è stata una stronza con lui in questa stagione di Grey’s Anatomy, ma durante tutto il periodo che ha trascorso in ospedale non l’ha mollato un secondo, gli è stata accanto e si è occupata di lui. Qualcosa dovrà pure significare. Mi dispiacerebbe troppo se – all’improvviso – i suoi sacrifici venissero annullati e si ritornasse alla condizione di tensione che c’era prima. Il loro rapporto potrebbe rinascere proprio grazie a quello che hanno passato in questi ultimi episodi.

Grey's Anatomy

Parliamo adesso di qualcosa che mi è piaciuto così tanto che le parole non bastano per esprimere quello che provo: Teddy ha detto a Tom di amarlo e ha, accidentalmente, inviato un messaggio di segreteria a Owen mentre faceva sesso con Koracick. Nel momento in cui il telefono della Altman è caduto nell’ufficio di Tom, sapevo che qualcosa sarebbe successo. Uno dei miei insegnati dice sempre: “Se in scena c’è un fucile, prima o poi dovrà sparare“. E signori il fucile ha sparato! #TeamTom

Owen Hunt hai avuto quello che meritavi. Hai dato Teddy per scontata per troppo tempo e adesso lei ama un altro. Non hai più la tua ruota di scorta e io godo come una liceale a cui è stato detto che manca la prof. il giorno dell’interrogazione a tappeto di greco. Chi legge queste recensioni sa che trovo il personaggio di Hunt incredibilmente fastidioso. Spero vivamente che questa sia la volta buona e che finalmente si tolga dalle palle. È tossico, è fastidioso, è insopportabile. In una serie che sta cercando di reinventarsi e rinfrescarsi un po’, lui è la rappresentazione del vecchiume, della muffa che cresce sulle pareti e che non vuole saperne di andar via. E a me non piace.

Grey's Anatomy

Passando a un’altra cosa che non mi piace, è arrivato il momento di parlare di Andrew DeLuca e del suo rapporto con Meredith Grey. Li trovo estremamente mal assortiti. Lo sviluppo di Andrew mi sta portando a detestarlo e a immaginare di avere davanti uno di quei sacchi da boxe con la faccia sua stampata sopra da poter colpire per sfogare tutto il fastidio che mi fa provare. Ciò che, però, mi fa imbestialire più di ogni altra cosa è il modo in cui Meredith lo protegge. Il tizio ha bisogno di aiuto da parte di un professionista, il suo assecondarlo in tutto e per tutto che bene gli può fare?

Quando penso al loro rapporto mi vengono in mente quelle mamme che litigano con i professori perché rimproverano i loro figli. Nel loro rapporto c’è qualcosa di profondamente sbagliato. E – prima che presumiate cose sbagliate – la differenza d’età tra i due non c’entra. Ognuno è libero di fare ciò che vuole e di mettersi con chi vuole. Ci tengo a precisarlo perché una volta ho dichiarato che la coppia non mi piace e mi hanno accusata di essere contro le relazioni tra donne più grandi e uomini più piccoli. Detto questo, torniamo a noi. Il rapporto tra DeLuca e Meredith non è un rapporto paritario, non è un rapporto sano e sarà distruttivo da entrambi i lati.

Lui si sente minacciato da Meredith e vive un complesso di inferiorità nei suoi confronti grande come il mondo e il ritorno che va in contrasto con la sua personalità narcisistica. E perciò il suo complesso si ingigantisce. Lui vuole essere l’eroe della situazione, ma non sempre ci riesce. E se non può esserlo, che succede?

E se quando ci riesce, la Grey lo asseconda, allora siamo fritti. Lui ha capito che può contare su Meredith, che lei è dalla sua parte e lo sfrutta a suo vantaggio. DeLuca in questa stagione è la perfetta replica di un bambino viziato, uno di quelli che sanno che se piange la mamma gli compra le caramelle. E mi dispiace tanto perché era un bel personaggio, avrebbe potuto fare tanto, ma hanno deciso di rovinarlo, rovinando anche la sua storia con Meredith che, magari, se avesse preso una direzione diversa, sarebbe potuta diventare interessante.

Grey's Anatomy

Il momento in cui DeLuca ha perso tutta la mia stima è stato quando, qualche episodio fa, ha cercato di abbordare Jo Wilson in maniera davvero disgustosa e poco elegante. Da quel momento mi infastidisce e preferirei che andasse via con Owen assai lontano da Grey’s Anatomy (qui per quanto ancora può andare avanti la serie) o che almeno lo aiutino come si deve e non assecondandolo *coff coff* Meredith Grey *coff coff*. Sua sorella Carina, invece, può restare perché è fantastica e continua a piacermi sempre di più. Ha tutto il potenziale per diventare regular.

L’episodio nel complesso mi è piaciuto molto. È un bel modo per concludere una stagione. Richard sta bene, Amelia e Link hanno avuto il loro primo figlio, Maggie è ancora in contatto col tizio bono del congresso e a Owen è stato spezzato il cuore. Tutto è bene quel che finisce bene.

Per questa stagione è tutto, halleloo!

P.S. Meritavamo di sapere il nome del bambino degli Amelink.

LEGGI ANCHE – Grey’s Anatomy 16×20 – Il dolore di Tom Koracick

Written by Fabiana Fanelli

La mia vita è un pendolo che oscilla tra una serie tv e l'altra. Tutto sommato mi è andata bene, pensate se oscillasse tra dolore e noia!
Ricordate: "Life's too short to be serious" (La vita è troppo breve per essere seri)

La casa de papel 4

ESCLUSIVA – Qual è il vero nome di Denver? Parla il direttore del doppiaggio de La Casa de Papel

Le 5 Serie Tv più sottovalutate uscite nell’ultimo mese