Vai al contenuto
Home » RECENSIONI » Don Matteo 13 – La Recensione dell’ottava puntata: il crossover marzulliano

Don Matteo 13 – La Recensione dell’ottava puntata: il crossover marzulliano

Doppio Don Matteo on the rock questa settimana. Nell’ottava puntata della tredicesima stagione, come aveva preannunciato Nino Frassica, sono arrivate tantissime novità. È tornato Flavio Insinna, sempre con la battuta pronta a spalleggiare quel mitragliere di battute surreali di Nino Frassica, e Giancarlo Magalli, ormai il vescovo ufficiale della diocesi. Ed è arrivato perfino un ospite d’onore, Gigi Marzullo, a regalarci un cameo tanto surreale quanto commovente. Chissà se il nuovo appuntamento, più triste del solito, ha soddisfatto le aspettative del pubblico di Rai 1. La settimana puntata spumeggiante – infatti, ha registrato un lieve calo di ascolti rispetto alla sesta puntata di Don Matteo. Forse è colpa del cambio di palinsesto. Oppure è di Raoul Bova? Eppure il nuovo Don Matteo sta svolgendo un lavoro favoloso e, nonostante nessuno si accorga che è l’unico a mantenere stabili i complicati equilibri di Spoleto, ha preso il posto di Terence Hill senza prendere il posto di Don Matteo. Don Massimo funziona! Per fortuna che c’è il saggio vescovo Magalli: l’unico che ascolta il nuovo parroco e lo solleva dal peso delle responsabilità. Anche in questo nuovo appuntamento, infatti, sarà solo grazie a Don Massimo che tutto troverà la quadra. Tutti sono impegnati in altre faccende. Perfino Natalina che si sta preparando all’arrivo di un ospite illustre. In diretta da Spoleto, a fine puntata, arriva Marzullo con la sua troupe – un po’ invadente – per immortalare in diretta una confessione di cui tutti avevamo bisogno. È la confessione, infatti, il perno dell’intera puntata. Un episodio con un titolo marzulliano (Ma è l’amore che fa la famiglia o la famiglia che fa l’amore?) pieno zeppo di scontri, di incomprensioni, di rivelazioni e di riconciliazioni. Poche risate dunque in questa ottava puntata di Don Matteo 13, andata in onda giovedì 19 maggio, ma tante tante lacrimucce.

Ma è l’amore che fa la famiglia o la famiglia che fa l’amore? (13×08)

Don Matteo

Greta inizia un nuovo percorso insieme a Leo, il tumore. Una recidiva è sempre allarmante, ma forse c’è ancora speranza. Valentina ha aperto finalmente la pokèria con “uno stile originario e le scimmiette giapponesi”, per dirla alla Nino Cecchini. Flavio Anceschi, per l’occasione, sta arrivando a Spoleto. Marco Nardi, sei pronto a incontrare il suocero? L’incontro con il – probabile – futuro suocero avviene però nel peggiore dei modi: l’ignaro Ancesci investe la moto parcheggiata del – probabile – futuro genero “capellone”. Ma i dissapori sono appena iniziati. La cena di famiglia a base di pokè (che, per dirla nello stile di Flavio Anceschi, è solo “un’insalata russa senza i sottaceti”), infatti, resterà sullo stomaco a tutti. Cecchini pare essere l’unico a mettere una buona parola per il PM. Il maresciallo ritine che i due piccioncini siano una bella coppia, proprio come Pippo Baudo e Katia Ricciarelli o Romeo e Giulietta. Che dire: basta il pensiero, Cecchini. Basta il pensiero. Intanto Anna Olivieri sorprende Valentina Anceschi con un altro uomo in atteggiamenti lievemente ravvicinati. Il capitano mette la ragazza con le spalle al muro: se Valentina non confesserà a Marco di quel bacio, lo farà Anna. Tra le due c’è tensione. Sarà forse perché Anna l’ha depistata per un’intera puntata? Invece della confessione, però, arriva il “ti amo” di Valentina.

Don Matteo 13

Marco è cotto ed è disposto a tutto pur di stare con Valentina, anche cambiare pettinatura. Ma non sarebbe Don Matteo senza l’equivoco di turno. Così Anna si lascia sfuggire la storia del bacio tra Valentina e un misteriosissimo ragazzo. La pressione fa andare in pezzi Valentina, la quale, in una manciata di frame, si ubriaca di nuovo, piomba in casa di Anna, scappa sulla Clio e si schianta contro un albero in Viale dei Cappuccini. Dopo una notte in ospedale, per fortuna, Valentina si sveglia. Il suo segreto però è al sicuro: Anna non rivela la dinamica dell’incidente e mente dando la colpa alla distrazione da cellulare. Ma Marco non è scemo! L’importante però è che tutti stiano bene. Valentina e Anna si chiariscono e Olivieri regala alla rivale in amore perfino un consiglio da amica, questa volta per davvero. Siamo sicuri che Anna abbia rinunciato a Marco?

Come abbiamo detto, l‘ottava puntata è carica di confessioni sconvolgenti. Valentina dichiara di essere l’altra con cui il ragazzo di Flaminia, la sua migliore amica, l’ha tradita. Per questo Valentina si sente responsabile della sua morte, avvenuta proprio quando Flaminia – mentre sconvolta usciva dall’auto – è finita sotto un camion. Sembra quasi che Don Matteo stia evolvendo di puntata in puntata in Fleabag! Flavio Insinna è tornato giusto in tempo per ascoltare la confessione della figlia. Ma il pubblico come prenderà l’ennesimo il paragone che Valentina fa con sua madre, la quale ha lasciato Anceschi per un altro? Un trattamento, ricordiamo, che non è piaciuto molto agli affezionati di Don Matteo, tantomeno alla sua interprete.

Marzullo in famiglia a casa Cecchini-Diotallevi

Marzullo Don Matteo 13x08

Marzullo ha selezionato Natalina Diotallevi – dopo anni di preghiere – per il suo programma, Marzullo in famiglia. Ma la perpetua non ha una famiglia tutta sua. Deve sbrigarsi a trovare un marito e un figlio, finti. Natalina ha pensato al bel maresciallo Cecchini, che convince barattando cinque mesi gratis di camice stirate. Un marito però non è sufficiente: la strana coppia ha bisogno di un figlio (sempre finto). E chi meglio di Federico Limoni, “il figlio bellissimo che hanno fatto in tarda età con il maresciallo?”. Limoni non ci pensa nemmeno, ma deve un favore a Greta e si ritrova ad assecondare il sogno della perpetua. Per coronare il quadretto manca solo la foto di famiglia. Così Pippo, prima di diventare maggiordomo, si improvvisa fotografo e immortala il momento delle nozze tra Nino e Natalina. C’è insoddisfazione nell’aria. Ines, degenerata sabotatrice, si candida per il ruolo di figlia. Ma la piccola, interpretata da Aurora Menenti, è troppo giovane per essere la figlia naturale della coppia e la sua candidatura viene respinta.

Il problema più grande, però, è organizzare l’incontro con Marzullo all’insaputa di Don Massimo. Figuriamoci se quello là può mai farsi sfuggire un sotterfugio grande come questo? Natalina lo conquista offrendogli il ruolo di “zio prete”, ma lui declina l’invito (del resto ha già avuto quello di Don Matteo, che svolge bene quasi come l’originale) e fa il voto del silenzio. Furbo lui. Natalina è agitata e tra un preparativo e l’altro propone al marito finto di tagliarsi i baffi. Che affronto:

Tagliare i baffi io?! Li porto da quando avevo 10 anni.

Cecchini, il maresciallo di Don Matteo che ora è Don Massimo

Cecchini e Diotallevi non sono sposati nemmeno da cinque minuti che già litigano come una coppia consumata. Anche Limoni ha dato forfait. Natalina è disperata: la sua nuova famiglia si è “svaporizzata”. Ma per fortuna c’è Don Massimo a rimettere tutto a posto. Così il parroco rompe il silenzio per scoprire il perché di quell’interessamento morboso di Natalina per il conduttore televisivo. Marzullo significa casa, Marzullo significa famiglia, direbbe Lilo & Stitch:

Quando ero più giovane lavoravo e mio fratello stava ancora nella casa famiglia. Quando ha compiuto i 18 anni è venuto a vivere con me e la prima sera in tv c’era una trasmissione di Marzullo: quella sera abbiamo riso tanto e, per la prima volta, mi sono sentita in famiglia.

Nell’ottava puntata c’è anche il caso, che segue Don Massimo.

Mattia Teruzzi

All’inizio dell’ottava puntata di Don Matteo 13, Caterina Limoni, sconvolta, entrava in chiesa subito dopo aver visto una donna in fin di vita. La vittima è Alice, una sua ex compagna di scuola, la quale stava facendo una ricerca sui vecchi annali scolastici. Avete notato l’effetto psichedelico dell’ingresso di Don Massimo nella scuola? Da urlo. Comunque, Don Massimo è lì per indagare, ovviamente. La madre di Federico Limoni dice di essere innocente, ma viene fermata dai carabinieri perché compare nei video di sorveglianza della vittima. Il collegamento tra Caterina e Alice però c’è eccome: Saverio, il ragazzo morto nell’incendio della scuola avvenuto molti anni prima, è il padre di Federico. Da studenti, Alice, Caterina e qualche compagno di scuola, una notte, si erano introdotti a scuola per incendiare i registri di classe. Ma il fuoco è divampato. Per questo Caterina si sente responsabile della morte del suo fidanzato, nonché padre di Limoni, e ora si sente responsabile anche per quanto è successo ad Alice.

Greta Alunni

Cosa ci faceva quindi Alice quella notte nel deposito della scuola? Solo Don Massimo, che s’intende pure di elettronica, può scoprirlo. E infatti lo scoprirà. Non solo, ma porterà Federico e Caterina Limoni a confrontarsi. Ora che ha scoperto del padre, Federico è sconvolto e le rinfaccia anche di aver messo in pericolo il piccolo Clementino. Federico non ricorda, ma l’incendio che mesi prima ha quasi travolto il neonato è stato colpa sua. La madre racconta di quanto quella notte il figlio fosse furioso per averla sorpresa a farsi di nuovo. Il ragazzo aveva bevuto e ha reagito, provocando per errore la scintilla. La mamma dunque si sente responsabile di aver ucciso il padre in un incendio mentre il figlio ha quasi ucciso il fratello provocandone un altro. Ironia della sorte. La buona notizia è che ora Federico ha un nonno, che prontamente lo ripudia. Ma sarà proprio grazie al nuovo nonno che Don Massimo riuscirà a trovare il vero responsabile della morte di Saverio nonché del tentato omicidio di Alice, la quale si risveglierà dal coma a fine puntata. Questo significa che Caterina Limoni è innocente e Federico può perdonarla.

Ma quindi è l’amore che fa la famiglia o la famiglia che fa l’amore? Chiede Marzullo. Natalina sta per cedere davanti al suo idolo, schiacciata dal peso di quella bugia, finché Federico Limoni non interviene con una confessione strappalacrime in cui conferma che è l’amore a fare la famiglia. Proprio quando tutto sembra risolto, nel momento esatto in cui Don Massimo consegna le chiavi di casa alla famiglia Limoni riconciliata, Greta cade a terra. Riuscirà a sconfiggere Leo, il tumore? La prossima settimana ci aspetta un nuovo doppio appuntamento. Ci ritroviamo in prima serata su Rai 1 e in streaming su RaiPlay alle 21.25 martedì 24 e giovedì 26 maggio per le ultime puntate di Don Matteo 13.

LEGGI ANCHE – Barney Stinson ha un’illuminazione, finisce nel convento di Suor Angela e diventa il nuovo Don Matteo