in

Netflix RIFIUTA la richiesta del governo inglese di un disclaimer per The Crown

the crown

Nelle scorse settimane si era parlato molto di The Crown, non solo perché si tratta indubbiamente di una delle serie di maggior pregio uscite quest’anno, ma anche perché la quarta stagione si era trascinata un’onda lunga di polemiche.

In particolare a molti componenti del governo inglese non era piaciuta la rappresentazione di alcuni membri della famiglia reale, e non da ultimo il ritratto che la serie aveva tracciato di Diana Spencer, un’icona ancora quasi sacra per il popolo inglese, meravigliosamente interpretata da Emma Corrin.

Il ministro della cultura britannico Oliver Dowden aveva chiesto a Netflix di inserire un disclaimer all’inizio di ogni puntata che specificasse che The Crown è un’opera di finzione che romanza fatti storici realmente avvenuti. Il network non si era ancora espresso sul tentativo del governo inglese di deliberare sulle scelte artistiche intraprese: fino a oggi.

The Crown 4

Netflix ha diffuso un comunicato che sostanzialmente recita, in perfetto stile inglese: “Thanks, but no thanks”. Non verrà aggiunto nessun disclaimer in nessuna puntata di The Crown.

Siamo fiduciosi che i nostri iscritti capiscano che questo è un lavoro di fiction liberamente ispirato a eventi storici. Perciò non aggiungeremo nessun disclaimer.

Anche il fratello di Diana Spencer si era detto non esattamente soddisfatto dell’immagine che la serie dava della sorella e si era detto favorevole all’inserimento di una nota a ogni inizio di puntata:

Penso che sarebbe di grandissimo aiuto se all’inizio di ogni episodio di The Crown ci fosse un cartello introduttivo con scritto: “Quello che vedrete non è vero, ma è basato su fatti realmente accaduti”. Temo che altrimenti molti spettatori lo possano guardare come se fosse il Vangelo.

Alla fine, come ci si aspettava, Netflix non arretra e difende uno dei suoi prodotti di punta. Che sia la fine delle rimostranze del governo inglese? Cosa dobbiamo spettarci dalla quinta stagione, che mostrerà la parabola discendente della principessa triste?

Leggi anche – Diana e Filippo, gli “estranei” di The Crown condannati all’irrilevanza

Written by Giulia Vanda Zennaro

In un mondo popolato da Khaleesi, osa essere una Cersei Lannister.

Matthew McConaughey

Matthew McConaughey attacca i suoi colleghi anti-Trump: «Sono ipocriti» [VIDEO]

Suburra – Le 10 grandi differenze tra la serie e il film