in

Mayim Bialik su The Big Bang Theory: «È finito per motivi che i fan non conoscono»

The Big Bang Theory è finita già da due anni, eppure sembra che il finale nasconda ancora dei segreti. La fortunata sitcom, nata dalla mente di Chuck Lorre e Bill Prady, ha avuto un successo enorme ed è andata avanti per ben dodici stagioni. Dopo la chiusura dello show che li aveva resi celebri e fatti diventare gli attori più pagati del piccolo schermo, i membri del cast di The Big Bang Theory si sono lanciati in nuovi progetti. L’attrice che sembra aver avuto maggior fortuna è stata Kaley Cuoco che ha passato un brutto periodo in cui ha avuto seriamente paura per la sua carriera, perché era convinta che nessun progetto futuro sarebbe stato all’altezza della sitcom.  Ma alla fine ha deciso di produrre e recitare nella serie di successo The Flight Attendant della piattaforma della HBO Max. Anche Jim Parsons è riuscito a trovare un nuovo ruolo in cui calarsi grazie a Ryan Murphy e alla serie tv Hollywood.

Per la maggior parte degli attori del cast la fine di The Big Bang Theory è stata una vera fortuna.

Lasciando la sitcom, ognuno di loro ha potuto accettare nuovi ruoli e ha avuto la chance di mostrare il talento in altri contesti. Sappiamo bene che se la serie si è chiusa non è stato perché gli sceneggiatori avessero esaurito le storie da raccontare sui protagonisti, ma perché Jim Parsons aveva deciso di abbandonare The Big Bang Theory. Tutti erano convinti che portare avanti lo show senza Sheldon Cooper non avrebbe avuto alcun senso e hanno deciso di regalarle un degno finale. Mayim Bialik in un’intervista rilasciata a US Weekly è tornata a parlare del finale, raccontando i veri motivi che hanno portato alla fine della serie tv:

“Il modo in cui ho descritto la fine dello spettacolo era che ci sono molti motivi, di cui il pubblico non è a conoscenza, che hanno portato alla decisione di concludere lo show. Penso che, pur essendo molto grati per il fatto di lavorare al fianco di Jim [Parsons], fossimo desiderosi di vedere quello che tutte le nostre vite ci avrebbero riservato. Credo ci fosse la sensazione generale che fosse tempo per noi di entrare in qualcosa di diverso“.

Secondo quanto ha raccontato l’interprete di Amy, tutto il cast era d’accordo nel voler dire addio ai personaggi, che li avevano fatti diventare delle celebrità per vedere cosa gli avrebbe portato il futuro. Mayim ha anche parlato di quello che per lei è stato il grande merito di The Big Bang Theory:

“Vorrei che il nostro spettacolo fosse ricordato come uno spettacolo che ha davvero dimostrato come vive la maggior parte di noi. Del resto penso che tutti abbiano un lato un po’ da outsider dentro di loro. E so che a The Big Bang Theory viene spesso attribuito il merito di aver reso i nerd una cosa chic. Ma per quelli di noi che hanno quel tipo di amici e ruotano in quel tipo di circoli, immagino che sia semplicemente quello che è. Per noi è sempre stato così.”

Mayim ha anche avuto modo di parlare della possibilità di un revival della sitcom.

A differenza della sua collega Kaley Cuoco che si è sempre mostrata entusiasta all’idea di riunire il cast, Mayim crede che sia troppo presto. L’attrice infatti ha detto:

“Poiché abbiamo appena finito, è un po’ difficile pensare a una reunion o revival. Sono un felice dipendente della Warner Bros, ho una società di produzione lì. Qualunque cosa vogliano alla Warner Bros, sono praticamente disponibile. Quindi, se decidessero di farlo non dovrebbero chiedermelo due volte!”

Anche voi pensate che sia troppo presto per un revival o una reunion di The Big Bang Theory?

Scritto da Marilisa Di Maio

Classe 95, laureata in "Lettere Classiche". Adoro le serie comedy e i dramma che ti strappano il cuore, senza alcuna via di mezzo. Il mio sogno sarebbe quello di avere la motivazione e l'ottimismo di Leslie Knope, ma mi sveglio ogni mattina con la stessa voglia di vivere di April Ludgate...

Netflix

Netflix, tutte le novità in arrivo questa settimana (21-27 giugno)

Le ultime notizie su Skam Italia, Sex and the City, The Marvelous Mrs Maisel, WandaVision e Vikings