in

Kaley Cuoco è preoccupata per la sua carriera: «Niente è paragonabile a The Big Bang Theory»

The Big Bang Theory

The Big Bang Theory si è conclusa ormai quasi due anni fa, dopo 12 esilaranti stagioni. La serie ha rappresentato un grande e longevo progetto lavorativo per i membri principali del cast, in particolare per Kaley Cuoco, che ha vestito i panni di Penny dal 2007 al 2019. L’attrice ha già più volte espresso il suo profondo dispiacere nell’aver dovuto lasciare The Big Bang Theory e il suo personaggio (che inizialmente era stato pensato e strutturato in modo completamente diverso da Chuck Lorre, creatore della serie insieme a Bill Prady). A un anno dalla conclusione della sitcom, ha infatti pubblicato un post su Instagram dal contenuto nostalgico e strappalacrime, per spiegare quanto The Big Bang Theory sia stato importante per lei. Ed è proprio questo forte attaccamento alla serie e al personaggio di Penny che impedisce a Kaley Cuoco di guardare le ultime stagioni della sitcom, come lei stessa ha ammesso.

La fine di The Big Bang Theory non ha rappresentato solo un grande dispiacere per Kaley Cuoco, ma anche un momento di forte incertezza lavorativa e preoccupazione per la sua carriera di attrice.

Lo ha dichiarato durante un’intervista tenuta per la rubrica The One Show di Digital Spy. L’intervistatrice ha chiesto all’attrice 35enne quali progetti avesse immaginato dopo la conclusione di The Big Bang Theory, sottolineando quanto la serie fosse stata decisiva per la sua carriera e quanto fosse importante anche il passo successivo “perché l’abbiamo visto con alcune sitcom, le cose non vanno sempre bene per il cast [una volta terminato lo show]”. E così Kaley Cuoco ha risposto “No, capisco. Guarda, lo spettacolo è così popolare. Quando ho cominciato a impazzire per i confronti che ci sarebbero stati o per quale sarebbe stato il mio prossimo progetto, ho capito che nulla sarebbe stato paragonabile a The Big Bang Theory. Per come è stato, non lo avrò mai più. Non avrò più quel cast, i soldi, il programma, 12 anni … Voglio dire, tutto è stato folle.”

Kaley Cuoco è comparsa in tutti i 279 episodi della serie, da quando è andata in onda per la prima volta fino alla fine. Inizialmente, prima dell’entrata nello show come membri fissi di personaggi quali Bernadette Rostenkowski (Melissa Rauch) e Amy Farrah Fowler (Mayim Bialik), era l’unica figura femminile del cast principale. L’attrice, in quanto co-protagonista di una delle sitcom più famose e apprezzate di tutti i tempi, riceveva un alto compenso che si aggirava attorno alla cifra di un milione di dollari per episodio. Ma ovviamente non si tratta solo di una preoccupazione relativa al guadagno. Kaley Cuoco rimpiange anche il forte legame che si era instaurato con i colleghi e con la troupe, con la quale ha lavorato per molto tempo sul set di The Big Bang Theory. “Pensavo ‘va bene, posso accettare che niente sarà paragonabile a quello, non posso controllare cosa gli altri diranno di me,’ ero consapevole che il mio prossimo progetto sarebbe stato qualcosa di importante per me e che gli avrei riservato il posto che meritava.”

In ogni caso Kaley Cuoco, come gli altri co-protagonisti dello show, ha continuato la sua carriera da attrice sul piccolo schermo, ricevendo anche un discreto successo. Infatti è protagonista e produttrice esecutiva di un nuova serie per HBO Max, intitolata The Flight Attendant, recentemente rinnovata per una seconda stagione. Per questo ruolo ha ricevuto una nomination ai Golden Globe come miglior attrice protagonista in una serie commedia o musicale, cosa che non era mai successa nei dodici anni di lavoro presso il fortunato show. Ma qualunque cosa farà in termini lavorativi, come ha ribadito lei stessa, sarà sempre grata a Penny e a The Big Bang Theory.

Scritto da Sofia Apa

Cerco sempre rifugio nei libri e nelle serie tv, sono la mia medicina e non esiste niente di meglio, eccetto scrivere.

Framing Britney Spears

Framing Britney Spears – La recensione dell’interessante documentario sulla vita di Britney

Miley Cyrus

Miley Cyrus racconta di aver avuto «una crisi di identità» dopo Hannah Montana