Vai al contenuto
Home » News » Squid Game aveva un finale alternativo: lo svela il creatore della serie

Squid Game aveva un finale alternativo: lo svela il creatore della serie

Squid Game è l’ultimo successo dello streamer Netflix e ha debuttato nel settembre di quest’anno, diventando quasi subito uno degli show preferiti dai fan, scalando le classifiche e diventando la serie originale numero uno del gigante dello streaming. Ispirato alla propensione della Corea del Sud per i giochi a premi, Squid Game parla di una competizione di sopravvivenza mortale in cui l’ultimo sopravvissuto vince un’enorme quantità di denaro.
Creata e diretta da Hwang Dong-hyuk (che ha confermato l’arrivo di una seconda stagione), la serie si concentra in realtà su diversi giocatori (qui le nostre pagelle su tutti i personaggi). Il protagonista principale è Seong Gi-hun/No. 456 (Lee Jung-jae), un autista divorziato con un problema di gioco d’azzardo; inizialmente è riluttante a iscriversi, ma alla fine cambia idea di fronte alla sua realtà povera. A peggiorare le cose anche l’ex moglie che si prepara a portare la figlia negli Stati Uniti.

Il regista di Squid Game ha rivelato il finale alternativo che aveva in mente per la serie televisiva

Hwang ha rivelato a EW, tuttavia, che hanno spesso cambiato idea sul modo in cui volevano chiudere lo show. A parte ciò che è realmente accaduto sullo schermo, c’è una versione del finale in cui Gi-hun è salito a bordo dell’aereo e ha lasciato la Corea del Sud. Alla fine, sentivano però che non fosse giusto per il messaggio che stavano cercando di inviare. Qui sotto la dichiarazione completa del creatore della serie televisiva:

In realtà abbiamo lottato tra due scenari diversi per il finale. Ce n’era uno, l’altro finale alternativo, in cui Gi-hun sarebbe salito sull’aereo e sarebbe partito. E poi c’era ovviamente quello in cui si sarebbe voltato e avrebbe camminato verso la camera. Ci siamo costantemente chiesti: è davvero giusto che Gi-hun prenda la decisione di partire e andare a vedere la sua famiglia, per perseguire la propria felicità? È questo il modo giusto per noi di proporre al pubblico davvero la domanda o il messaggio che volevamo trasmettere attraverso la serie? […] Siamo giunti alla conclusione che la domanda che volevamo proporre non poteva essere fatta se fosse salito sull’aereo. La domanda a cui vogliamo rispondere – perché il mondo è arrivato a quello che è ora? – può essere risolta o proposta solo se Gi-hun si volta indietro e si avvicina alla telecamera. Quindi è così che siamo finiti a quel finale“.

Aver terminato la prima stagione di Squid Game in quel modo ha offerto a Netflix il salto narrativo di cui avrà bisogno per la seconda stagione. Se Gi-hun avesse deciso di andarsene, sarebbe stato più complicato continuare la narrativa senza un chiaro punto di partenza. Ciò non significa che non abbia altre alternative. Semmai, Gi-hun avrebbe potuto salire a bordo dell’aereo, spostando l’attenzione di Squid Game sulla narrativa di Front Man (Lee Byung-hun). Invece di affrontare una storia nel presente, potrebbe affrontare la strada di Hwang In-ho nel vincere il gioco nel 2015. Da lì, potrebbe finalmente essere rivelato perché ha deciso di unirsi come facilitatore e non essere infuriato per quello che ha passato per il divertimento dei ricchi.

Non ci resta che aspettare e capire come si muoveranno gli sceneggiatori.

LEGGI ANCHE – Squid Game, la seconda stagione ci sarà! Le parole del creatore della serie Hwang Dong-hyuk