Vai al contenuto
Home » News » Sex Education: la creatrice della serie non esclude la possibilità di un ritorno

Sex Education: la creatrice della serie non esclude la possibilità di un ritorno

Il 21 settembre è una data da segnare sul calendario per i fan di Sex Education. Infatti, la serie britannica creata da Laurie Nunn che ha insegnato tutto sulla sessualità ad un’intera generazione di adolescenti approderà proprio quel giorno su Netflix con la sua quarta ed ultima stagione E siamo proprio curiosi di vedere cosa accadrà.

La terza stagione di Sex Education, infatti, aveva lasciato i nostri amati personaggi in procinto di affrontare numerosi cambiamenti. Dopo la chiusura del liceo Moordale, Otis (Asa Butterfield), Eric (Ncuti Gatwa), Ruby (Mimi Keene) e altri loro compagni di scuola frequenteranno l’ultimo anno in un nuovo liceo, che, decisamente progressista in fatto di sessualità, potrebbe non avere bisogno delle consulenze di Otis. Inoltre, il personaggio di Asa Butterfield dovrà anche affrontare la vita da fratello maggiore e l’assenza della sua amata Maeve (Emma Mackey), partita per andare a studiare negli USA. 

La quarta stagione della serie Netflix dovrà riuscire a tirare le fila delle storie dei numerosi personaggi che hanno popolato per quattro stagioni l’universo del Moordale, le cui porte stanno per chiudersi per sempre. O forse no? 

La quarta stagione sarà davvero la fine per Sex Education? La creatrice dello show non esclude la possibilità di un ritorno

Nel corso di un’intervista per Tudum, la creatrice della serie con Asa Butterfield e Emma Mackey, Laurie Nunn, si è espressa in merito ad un possibile futuro per la serie dopo la quarta stagione. In particolare, alla Nunn è stato chiesto se la quarta stagione sarà davvero la fine per il Moordale e tutti i suoi personaggi. “Sicuramente mi prenderò una pausa e penserò ad altri progetti. Ma Moordale è un mondo davvero ricco, e scrivere sui teenager è sempre molto divertente”, ha risposto la creatrice della serie. “Quindi, penso che ci sia sempre potenziale per esplorare qualcosa in più in quel mondo”.

Le parole di Laurie Nunn, dunque, sembrano lasciare, per così dire, le porte del Moordale aperte per un possibile futuro ritorno, magari con personaggi completamente nuovi e nuove storie da esplorare. Infatti, se da un lato Emma Mackey e Ncuti Gatwa, prima dell’annuncio che la quarta stagione della serie Netflix sarebbe stata l’ultima, avevano espresso la loro intenzione di lasciare la serie subito dopo, d’altro canto la serie è sempre stata caratterizzata da una certa coralità e non sarebbe strano vedere nuovi personaggi in azione. Dunque, non è azzardato pensare che un eventuale ritorno al Moordale potrebbe avvenire sotto forma di spin-off. 

Ad ogni modo, è troppo presto per pensare ad uno spin-off, dato che manca ancora più di un mese all’uscita di Sex Education 4 su Netflix. E che dire, anche se siamo tristi non vediamo l’ora di vederla.

Sex Education 2, la scena del bus racconta un episodio accaduto realmente (ed ecco perché è così importante)