in ,

Sex Education 2, la scena del bus racconta un episodio accaduto realmente (ed ecco perché è così importante)

Sex Education 2

Sex Education 2 è riuscita ad esplorare così tanti aspetti della vita reale che è riuscita nell’intento di diventare una stagione migliore rispetto alla prima. Ci sono tante ragioni che hanno portato a questo risultato: uno su tutti è gestione della scena del bus che ha coinvolto Aimee. La trama di Aimee nella seconda stagione di Sex Education non solo esplora la realtà della violenza sessuale, ma evidenzia anche quanto il problema sia davvero pervasivo. Chiunque abbia guardato Sex Education saprà che la serie – attraverso momenti anche divertenti – esplora la sessualità da ogni punto di vista. Non ci dilunghiamo molto nella trama ma il fatto di essere ambientata in un liceo rende gli argomenti trattati molto attuali.

Ma tra questi momenti più leggeri, lo spettacolo mette in luce anche alcuni argomenti incredibilmente importanti e rilevanti, tra cui la violenza sessuale. Il momento di cui stiamo parlando è la scena in cui Aimee viene aggredita sessualmente sull’autobus. La ragazza inizialmente tenta di sminuire il problema e sarà solo con l’aiuto di Maeve che riuscirà a denunciare l’accaduto. Questo però, come si vede già alla fine dell’episodio, avrà degli effetti a lungo termine sulla ragazza che si ritrova a vedere il volto del suo assalitore nei passeggeri del bus.

È solo quando le altre ragazze del suo gruppo condivideranno le loro storie di violenza sessuale – in risposta a uno sfogo emotivo della stessa Aimee – decideranno di accompagnarla sull’autobus perché lei non è in grado psicologicamente di compiere quel passo da sola. Questo momento verrà ripresto nel video che troverete sotto, ma ha una storia: dietro alla scena di Aimee c’è in realtà il racconto della stessa attrice che ha subito questa violenza personalmente (troverete un secondo video alla fine dell’articolo).

“È solo uno stupido autobus” è con queste parole Maeve – che da sempre in Sex Education si è fatta portatrice di rivendicazione femminile – aiuta la sua migliore amica, le fa superare il trauma legato all’autobus. Senza dubbio il momento in cui lei torna sull’autobus, accompagnata dai suoi amici, è una delle scene più commoventi di tutta la stagione. Oltre ad essere una bella rappresentazione di un momento che dimostra la forza dell’amicizia femminile, mette in luce un’esperienza fin troppo familiare per molte donne.

“Penso che ciò che più abbia impatto nella trama di Aimee sia naturalmente l’evento in sé traumatizzante, ma ciò che la traumatizza ancora di più è che ha una tale fiducia nel mondo, e ha una tale fiducia nelle persone, così quando si guarda intorno dopo che è successo si aspetta davvero che qualcuno dica ‘Ti aiuterò’ – e nessuno lo fa”, dice Wood.

“Tutti sono vuoti. E questo è il punto in cui lei dice: “Prima mi sentivo così al sicuro, ora non più”. Quest’uomo mi ha sorriso, aveva un viso gentile, non sembrava capace di farlo – come faccio a muovermi nel mondo ora, ora che so di non essere al sicuro? E ora che so che quando sorrido a qualcuno potrebbe invitare a quel tipo di comportamento”.

Netflix ha pensato di pubblicare un video che vede protagonista anche la creatrice e scrittrice dello spettacolo Laurie Nunn, in una conversazione con l’attrice Patricia Allison (che interpreta Ola) e la fondatrice di Everyday Sexism, Laura Bates. Le donne discutono le loro esperienze di molestie sessuali e aggressioni – con Nunn che rivela che la trama di Aimee è basata su un’esperienza che lei stessa ha avuto da giovane: un uomo si è seduto accanto a lei su un autobus e ha iniziato a strofinarsi contro di lei e a toccarsi.

“Credo che tutti conoscano questa sensazione”, dice Nunn. “All’improvviso mi sono sentito come se dovessi uscire da questa situazione, credo che questa persona voglia farmi del male – devo andarmene”. Così ho preso le mie cose e sono scesa dall’autobus, ed è stato così inquietante – ha spostato i sedili in modo da potermi vedere fuori dal finestrino mentre l’autobus si allontanava, e sono scoppiato in lacrime”.

“È così triste perché mi sembra che ogni donna abbia una storia”, aggiunge Wood, riferendosi alle storie che le quattro donne hanno condiviso. “Ecco perché amo così tanto questa trama, perché fa emergere le storie degli altri personaggi femminili”.

La delicatezza e anche quella punta di ingenuità della stessa Aimee hanno reso questa scena un momento molto importante.

LEGGI ANCHE – Netflix conferma ufficialmente la terza stagione di Sex Education

Written by Lidia Maltese

In questa timeline sono una serie tv addicted che nel tempo libero finge di essere una studentessa universitaria.

langdon

Langdon ha il suo protagonista: ecco chi interpreterà il famoso professore

I Am Not Okay with This usa abilmente il paranormale per parlare della quotidianità