Vai al contenuto
Home » News » Santa Clarita Diet è stata cancellata

Santa Clarita Diet è stata cancellata

Santa Clarita Diet ha conquistato il pubblico con il suo carattere assurdo e comico. La terza stagione è riuscita a farci divertire quanto le due precedenti; ma purtroppo siamo giunti alla fine.

Netflix ha infatti deciso di cancellare Santa Clarita Diet, la comedy sugli zombie con protagonisti Timothy Olyphant e Drew Barrymore.

Così ha fatto sapere in un comunicato:

“Il mondo non ha mai conosciuto una commedia zombie fino a Santa Clarita Diet. Siamo debitori nei confronti del creatore Victor Fresco per aver portato quest’idea a Netflix. Drew Barrymore e Timothy Olyphant sono stati fantastici, con un incredibile senso comico che ha portato in vita Sheila e Joel Hammond, anche se uno dei due è un non-morto.

Siamo molto grati a Victor, Drew e a Timothy, così come agli altri produttori esecutivi e al fantastico cast, tra cui Liv Hewson e Skyler Gisondo, e alla troupe per aver realizzato tre esilaranti stagioni che anche i futuri abbonati Netflix potranno scoprire”.

Anche il creatore Victor Fresco ha commentato la cancellazione:

“Così come il pubblico, sono stato catturato da Sheila e Joel. Mi sono sentito molto ispirato dalla loro relazione. Sono entrambi molto divertenti, il che in una comedy è fondamentale. Lavorare con Drew e Tim, così come con Liv e Skyler, è stata una gioia e un’esperienza che capita una sola volta nella vita.

Netflix ha dato una possibilità a questa serie tv strana e gliene sarò sempre grato. Mi mancherà questa serie ma sono orgoglioso del lavoro svolto e apprezzerò sempre l’amore e l’entusiasmo dei fan. Se fosse stato per loro, Sheila e Joel avrebbero continuato per altri 10.000 anni”.

Il destino di Santa Clarita Diet era incerto sin dal mese scorso, dopo il rilascio su Netflix della terza – e ora ultima – stagione. E infatti il protagonista Timothy Olyphant aveva già commentato con un “Ogni volta che mi guardo attorno, cancellano una serie tv”.

Leggi anche – Santa Clarita Diet è (prima di tutto) una storia d’amore