in

Romulus – Sky diffonde la sigla della serie cantata da Elisa (che si scusa con i fan)

Se amate la storia antica e in particolare la leggenda che ruota intorno alla fondazione di Roma, di sicuro avete già visto Il Primo Re, il film di Matteo Rovere con uno straordinario Alessandro Borghi in cui viene narrata la storia di Romolo e Remo.
Ora Romulus, la nuova serie prodotta da Sky, Cattleya e Groenlandia, sempre con Rovere dietro la macchina da presa, si propone di allargare il campo, trasformando il film in una serie che racconterà la nascita della città eterna e il mito dei figli della lupa come non l’avete mai visto.

In occasione del rilascio ufficiale di Romulus, Sky ha diffuso la sigla della serie, cantata e arrangiata da Elisa Toffoli. La sigla della serie è una cover di un celebre pezzo dei Tears for Fears. Ecco il post che la cantante ha dedicato all’evento:

Shout!!! Finalmente vi posso dire che è stato un grandissimo onore lavorare a questa sigla per Romulus di Matteo Rovere l’ho prodotta e arrangiata a casa mia durante il lockdown ed è stato molto emozionante. Conosco questa canzone dei mitici Tears for Fears fin dall’infanzia, quando mia sorella me la faceva sentire a palla in cameretta e la ballavamo come se non ci fosse un domani! Un ringraziamento speciale al mio amico Davide Rossi per i suoi archi meravigliosi che abbiamo scritto insieme in una distanza che in fondo non c’era tra Monfalcone e Copenaghen.

romulus

Apparentemente deve essersi verificato un disguido con il caricamento della canzone sulle piattaforme: alcuni utenti hanno fatto notare a Elisa che l’audio era compromesso.

Mi scuso con tutti per l’audio del post con la cover di Shout: c’è stato un errore ed è stata caricata una versione con un audio massacrato, questo può accadere quando si reposta. Ho preferito sostituirlo non appena me ne sono accorta, nonostante abbia davvero apprezzato i tanti commenti positivi.

Leggi anche – Romulus è partita col botto

Written by Enrico Zicari

Non ho nulla di figo e accattivante da scrivere. Sarebbe anche inutile visto e considerato che nessuno legge mai chi scrive gli articoli. Ad ogni modo se vi piacciono le mie idee, seguitemi. Senza giri di parole, qui si parla di serie tv, sintonizzatevi e gustatevi il risultato.

Game of Thrones: uno studio scientifico spiega perché la serie è così popolare

Suburra – Borghi, Ferrara e Nigro leggono i commenti dei fan su Twitter [VIDEO]