in

«Brillante, divertente e onesta», le opinioni su Strappare Lungo I Bordi all’estero

Strappare Lungo I Bordi

Strappare Lungo I Bordi è la serie animata di Zerocalcare arrivata su Netflix pochi giorni fa, e che ha già avuto un successo incredibile, non solo nel nostro Paese, ma anche all’estero. Tuttavia la serie tv non è stata nemmeno del tutto esente da critiche, come nel caso dell’utilizzo della bandiera curda (qui per tutti i dettagli) o per l’utilizzo del dialetto romanesco (alle quali ha risposto personalmente Zerocalcare). Non ultima poi la rappresentazione che è stata mostrata della città di Biella, per la quale lo stesso sindaco della città ha invitato l’autore a visitarla e a farsene testimonial. Nel complesso però la serie tv ha riscontrato nel pubblico opinioni molto positive, rendendola un vero e proprio gioiello dell’animazione seriale.

Strappare Lungo I Bordi non è però stata distribuita solo in Italia, ma in tutto il mondo. Se da noi dunque il successo è stato così immediato, cosa avranno pensato all’estero di questa nostra serie animata? Fa piacere sapere che anche in questo caso le critiche sono molto positive.

Il pubblico straniero sta definendo la serie tv di Zerocalcare come “Brillante, speciale, magnifica“. Presentata all’estero con il titolo Tear Along The Dotted Line, Strappare Lungo I Bordi ha conquistato tutti quanti, soprattutto gli spettatori amanti del genere animazione. La comicità di Michele Rech, quindi, funziona anche al di fuori del territorio nazionale, e noi non possiamo che esserne orgogliosi. Diverse sono le recensioni uscite sulla serie tv, come quella di Joel Keller del Decider, che scrive. “Strappare Lungo i Bordi è il punto di vista sciocco, a volte surreale e spesso divertente di un ragazzo che si fa così tanti scrupoli che la sua vita rimane uguale a quando era un adolescente. Ciò che abbiamo apprezzato della serie è che, nonostante una barriera linguistica e un po’ di evidente disordine visivo nell’animazione, ci siamo trovati il più delle volte a ridere“.

Steve Greene, di IndieWire, scrive: “Strappare Lungo i Bordi funziona nei suoi primi 15 minuti più di quanto potrebbe fare qualsiasi altra serie tv animata. Dà l’idea di essere un memoir. È uno degli esempi più chiari di come possa funzionare attingere direttamente alla mente di qualcuno“, mentre ancora la recensione di Jason Flatt per But Why Tho? recita: “Strappare lungo i bordi è una serie ben animata, al contempo divertente e commovente. Il suo approccio alla rappresentazione dell’ansia e del suicidio è delicato, toccante ed esilarante“.

Non ci sono state però solo recensioni di giornalisti e blogger, Strappare Lungo I Bordi ha riscosso un grandissimo successo anche su Twitter. Moltissimi spettatori fuori Italia hanno infatti espresso la loro opinione, definendo la serie animata come qualcosa di incredibile. “#StrappareLungoIBordi è assolutamente brillante, divertente e onesta. Zerocalcare ha fatto qualcosa di speciale e tutti i fan dell’animazione dovrebbero guardarla“.

Smettete subito di fare quel che state facendo e guardare lo show di Zerocalcare su Netflix. È eccezionale, veramente brillante“. E ancora: “In molti possono identificarsi con la vita di Zero“.

Un successo su tutta la linea per la serie di ZeroCalcare, che ha consigliato intanto quelle che sono secondo lui le 8 serie tv imperdibili.

Scritto da Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

Six Feet Under non segue alcuna logica, proprio come la vita

Netflix

Netflix in Italia: quanti utenti guardano le serie tv doppiate e quanti in lingua originale? I dati ufficiali