in

Netflix rilascia il primo teaser del documentario su Britney Spears intitolato “Britney vs Spears”

Netflix

Netflix ha in arrivo un nuovo documentario su Britney Spears. La cantate e anche attrice è apparsa in How I Met Your Mother anche se Neil Patrick Harris non voleva che Britney Spears recitasse nella serie. La sua apparizione però ha salvato How I Met Your Mother dalla cancellazione. Adesso Netflix dedicherà un ambizioso documentario alla pop star Britney Spears e abbiamo anche un primo teaser di 18 secondi Intitolato Britney vs Spears, la clip presenta un messaggio vocale lasciato dalla Spears a un avvocato alle 12:29 del 21 gennaio 2009. “Ciao, mi chiamo Britney Spears”, si sente dire. “Ti ho chiamato prima. Sto chiamando di nuovo perché volevo solo assicurarmi che durante il processo di eliminazione della tutela…”

La documentarista Erin Lee Carr ha confermato a The Hollywood Reporter martedì pomeriggio di aver diretto il progetto, realizzato in collaborazione con l’acclamato team di Story Syndicate, Liz Garbus e Dan Cogan. La coppia, vincitrice di Emmy e Peabody, sta producendo con Amy Herdy (Allen contro Farrow) e Jenny Eliscu. I produttori includono Carr, Sarah Gibson (At the Heart of Gold: Inside the USA Gymnastics Scandal) e Kate Berry.

L’audio è sorprendente in quanto Britney Spears ha detto al giudice Brenda Penny di Los Angeles quest’estate che non era a conoscenza del fatto che avrebbe potuto richiedere la fine della tutela che sta vivendo da 13 anni. Da quella testimonianza bomba, Britney Spears ha ottenuto il permesso, durante un’udienza successiva, di assumere un proprio avvocato piuttosto che continuare con un avvocato nominato dal tribunale, come è comune negli accordi di tutela. Ecco il teaser trailer rilasciato da Netflix nelle scorse ore:

“Rivoglio solo la mia vita”, ha detto Britney Spears a giugno. “Sono passati 13 anni ed è abbastanza. È passato molto tempo da quando ho avuto a disposizione i miei soldi. Ed è il mio desiderio e il mio sogno che tutto questo finisca”. La cantante ha assunto il noto avvocato Mathew Rosengart, che ha agito rapidamente nel richiedere che suo padre, Jamie Spears, che ha avuto un ruolo importante nell’accordo, sia completamente rimosso dalla tutela. Rosengart ha detto a THR il mese scorso: “Britney Spears non si lascerà intimidire o estorcere da suo padre. Né il signor Spears ha il diritto di cercare di tenere sua figlia in ostaggio stabilendo i termini della sua rimozione. Non si tratta di lui, ma dell’interesse di sua figlia che, per legge, impone il suo allontanamento. Anche mettendo da parte le questioni legali che richiedono la sua pronta rimozione, se ama sua figlia, il signor Spears dovrebbe dimettersi ora, oggi, prima di essere sospeso. Sarebbe la cosa corretta e decente da fare”.

Per quanto riguarda la Carr, arriva al progetto Spears dopo aver lavorato con Netflix su How to Fix a Drug Scandal e con HBO su I Love You, Now Die: The Commonwealth vs. Michelle Carter, entrambi i documentari che l’hanno vista navigare nel sistema legale, nelle aule di tribunale e in argomenti delicati. È anche conosciuta come autrice del libro di memorie All That You Leave Behind e come figlia dell’acclamato giornalista e autore David Carr.

L’attesa per il progetto è già in crescita. In meno di tre ore da quando Netflix ha pubblicato il teaser su Twitter, è stato visto più di mezzo milione di volte. Il fascino del pubblico per la storia della cantante – e il turbinio che circonda il movimento #FreeBritney – sono aumentati drammaticamente da quando il documentario di Hulu Framing Britney Spears ha debuttato a febbraio, un documentario fatto in collaborazione con FX come parte della sua serie The New York Times Presents.

Voi avete seguito la vicenda di Britney Spears? Se siete curiosi questo documentario potrebbe fare al caso vostro! Solo su Netflix.

Scritto da Lidia Maltese

In questa timeline sono una serie tv addicted che nel tempo libero finge di essere una studentessa universitaria.

serie tv

10 attori delle Serie TV che sono diventati famosi grazie a un reality show