Vai al contenuto
Home » News » Michela Giraud criticata pesantemente per una battuta sul coming out di Demi Lovato

Michela Giraud criticata pesantemente per una battuta sul coming out di Demi Lovato

Michela Giraud

Michela Giraud è la donna del momento sui social: non solo per aver animato con la sua frizzantezza un po’ coatta ma sempre spontanea la prima edizione di LOL: Chi ride è fuori (qui le nostre pagelle e qui trovate la nostra recensione), ma anche perché prossimamente uscirà il suo primo film da coprotagonista, Maschile singolare. Michela ha anche registrato la canzone che ha cantato sul palco di LOL: Chi ride è fuori, Mignottone pazzo: la potete ascoltare qui.

La comica, cabarettista e stand up comedian romana si è scontrata con l’esercito degli indignati per aver commentato ironicamente l’annuncio di Demi Lovato, l’attrice e popstar che di recente ha rivelato pubblicamente di essere una persona non binaria e di voler cambiare il proprio pronome di riferimento in “loro”. Una decisione che riflette la neutralità e la pluralità del sentirsi non appartenenti a un genere piuttosto che a un altro, che ha suscitato anche qualche battuta come quella di Michela Giraud, che su Twitter ha scritto:

“Demi Lovato vuole le sia dato del ‘loro’ come il Mago Otelma”.

Ecco il post di Demi Lovato, nel quale l’attrice fa coming out come persona non binaria con un video, cui seguono numerosi post in cui spiega la sua decisione e come sia arrivata dopo un lungo periodo di guarigione.

“Ogni giorno che ci svegliamo, ci viene data l’opportunità e la possibilità di di essere chiunque vogliamo. Ho passato la maggior parte della mia vita davanti a voi, sono cresciuta con voi… Avete visto il meglio e il peggio di me, e tutto quello che c’è tra i due estremi. Non solo la mia vita è stata un viaggio per me stessa, ma ho vissuto anche per coloro che sono dall’altro lato dell’obiettivo. Questo è un giorno che sono così felice di poter condividere con voi, più degli altri della mia vita. Sono orgogliosa di farvi sapere che mi identifico come non binary e cambierò ufficialmente i miei pronomi in they/them d’ora in avanti. Sono giunta a questo punto dopo una lunga riflessione su me stessa, e lungo percorso di guarigione. Non sostengo di essere un’esperta o una portavoce. Condividere questa cosa con voi adesso mi porta su un nuovo livello di vulnerabilità” ammette poi l’artista, e conclude “Lo sto facendo per coloro che non hanno avuto la possibilità di condividere chi sono davvero con i loro cari. Per favore, continuate a vivere le vostre verità e sappiate che vi mando tutto il mio affetto”.

L’ironia di Michela Giraud (che di mestiere fa la comica, non certo l’analista di fenomeni sociali né tantomeno si occupa di tematiche di genere e sessualità per lavoro, semmai ci fa battute sopra) le è costata una pioggia di commenti: alcuni che rincaravano la dose con altre battute, altri che criticavano il suo prendere alla leggera la rivelazione di Demi Lovato.

Eccone alcuni: Michela Giraud, secondo alcuni utenti di Twitter, dovrebbe occuparsi di fare informazione sui temi LGBT, non battute, secondo una non meglio specificata legge dei social.

Insomma, de gustibus non est disputandum, ecco: la battuta di Michela Giraud magari non avrò fatto sorridere questo utente, ma definirla offensiva e ottusa è decisamente esagerato.

Michela Giraud ha deciso di cancellare il post, spiegando la sua decisione con un altro post ironico:

“Ciao a tutti mai mi sarebbe passato per la mente di doverlo fare ma cancello il tweet, a maggior ragione del fatto che è in uscita un film che affronta le tematiche LGBTQ sul quale mi è stato dato un testo che evidentemente devo ancora studiare. Invito alla calma e stare sereni”.

Il post ironico di Michela Giraud si riferisce al fatto che il film in uscita in cui recita come co protagonista, Maschile singolare, ha proprio una tematica LGBT+: racconta la storia di Antonio, costretto a mettere in discussione tutte le proprie certezze quando viene abbandonato dal marito, dal quale dipende sia psicologicamente che economicamente. Deve quindi trovare una nuova casa, un lavoro e un nuovo scopo nella vita. Incoraggiato dall’amica Cristina (Michela Giraud), prende una stanza in affitto a casa di Denis e inizia a lavorare come apprendista nel forno di Luca. Acquistando fiducia in se stesso e riscoprendo le proprie passioni e desideri, Antonio si accorge di quanto, in passato, abbia sbagliato a sacrificare la propria indipendenza per il bene della sua relazione.

Insomma, come al solito molto rumore per nulla: continua con le tue battute “ottuse e offensive”, a noi fai molto ridere, Michela Giraud.