in

Lucy Lawless umilia l’ex Hercules Kevin Sorbo, che condivide post complottisti sui social [FOTO]

Actors Lucy Lawless and Kevin Sorbo attend the 'National Association of Television Program Executives (NATPE) Convention' on January 22, 1996 at Sands Convention Center in Las Vegas, Nevada. (Photo by Ron Galella, Ltd./Ron Galella Collection via Getty Images)

Non si scherza con Xena, la principessa guerriera: a trent’anni di distanza dalla serie tv che ci ha fatto innamorare di lei, Lucy Lawless è ancora tostissima, oltre a essere rimasta una splendida donna. Vi ricorderete tutti le scioccanti immagini dei sostenitori di Trump che prendono d’assalto il Congresso per impedire ai consiglieri di ratificare l’elezione di Joe Biden a presidente degli Stati Uniti. Sono scene scioccanti che rimarranno sempre scolpite nella memoria: scene che, forse, per l’ennesima volta i Simpson avevano previsto (vi parliamo della sconvolgente coincidenza qui).

Ancora non sono chiare molte cose nella dinamica della vicenda: molti, sui social, sostengono addirittura che quelli che abbiamo visto assaltare il Campidoglio e mettere tranquillamente i piedi sulla scrivania dei consiglieri di stato non fossero sostenitori di Trump, ma suoi antagonisti pagati per screditare i trumpiani. Lo sostiene Kevin Sorbo, ex collega di Lucy Lawless e protagonista della serie Hercules, spin off di Xena. Non è l’unico attore ad aver preso una cantonata dal sapore cospirazionista: un post simile è quasi costato il ruolo a Gina Carano di The Mandalorian.

L’attoe ha condiviso su Twitter un post scritto in origine da Rogan O’Handley, che mostrava alcuni scatti dei rivoltosi e diceva:

Vi sembrano sostenitori di Trump? A me sembrano più agitatori di sinistra travestiti da sostenitori di Trump.

Kevin Sorbo ha twittato sostenendo che, per lui, quelli non erano “patrioti”: così Trump ha definito i suoi seguaci, invitandoli a scendere in piazza per dimostrare la loro contrarietà all’elezione di Biden, continuando a sostenere che le elezioni siano state truccate. La replica di Lucy Lawless non si è fatta attendere e si tratta di uno dei blast meglio riusciti nella storia dei social network:

No, caro. Non sono patrioti. Sono le tue scimmie volanti, terroristi nostrani, attori di Qanon. Sono gli imbecilli che escono e eseguono i cattivi ordini di persone come te a cui piace caricarli come fossero giocattoli e lasciare che facciano del loro peggio.

La persona ritratta nella foto del post condiviso da Kevin Sorbo è Jack Angeli, attivista di Qanon che la rete ha già ribattezzato “lo sciamano”. I Qanon sostengono che il mondo sia in mano a una vasta e insospettabile lobby di politici e personalità influenti che, in realtà, sono pericolosi pedofili che tengono in ostaggio bambini all’interno di cunicoli sotterranei all’interno dei quali, per fon farsi mancare niente, eseguono pericolosi esperimenti. Secondo Qanon solo Donald Trump può salvare l’America e il pianeta da questa minaccia.

Le parole di Lucy Lawless, per quanto colorite, trovano una conferma nello stesso social da cui si è sviluppato tutto, Twitter. La piattaforma ha rilasciato un comunicato in cui invita gli utenti ad andarci piano con le teorie cospirazioniste, in quanto le prove indicano che i manifestanti fermati siano collegati a movimenti di estrema destra e sostenitori di Donald Trump.

BuzzFeed News dà ragione a Twitter e scrive:

Non ci sono prove che gli attivisti Antifa abbiano preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti, secondo più fact checker.

Le informazioni disponibili nelle immagini dell’insurrezione suggeriscono che i partecipanti abbiano collegamenti con movimenti di estrema destra, secondo il New York Times.

Uno degli uomini nelle immagini è stato identificato come un abituale manifestante del MAGA noto noto come “Q Shaman”, e un altro è Matthew Heimbach, un noto nazionalista bianco.

Cosa ne pensate? Lucy Lawless spacca ancora come un tempo anche quando si tratta di politica, o gli attori non dovrebbero esprimere le loro opinioni politiche sui social?

Written by Giulia Vanda Zennaro

In un mondo popolato da Khaleesi, osa essere una Cersei Lannister.

Lupin – La Recensione di una delle Serie Tv più ambiziose del 2021 di Netflix

Lost non è scienza, è fede