Vai al contenuto
Home » News » 7 pessime notizie sulle Serie Tv

7 pessime notizie sulle Serie Tv

la casa de papel

La Casa de Papel e il successo riscosso dai suoi protagonisti ha influito in negativo nella vita di uno di loro e ve ne parliamo proprio in una delle 7 pessime notizie della settimana. Tra le altre c’è anche la star di Stranger Things, Millie Bobby Brown, nuovamente umiliata e sessualizzata sui social, Arón Piper che dice addio a Èlite e lo sfogo di Blake Lively sui social, dove accusa i paparazzi di stalkerare le sue figlie

MILLIE BOBBY BROWN DI NUOVO SESSUALIZZATA E UMILIATA

Millie Bobby Brown è finita nuovamente nell’occhio del ciclone quando la star ventunenne di TikTok Hunter Ecimovic ha raccontato di aver avuto una relazione con la star di Stranger Things quando aveva 16 anni.

Ecimovic ha parlato delle presunte esperienze sessuali avuti con Brown in termini volgari e umilianti. Avrebbe inoltre raccontato ai suoi 1,6 milioni di followers di essere stato fidanzato con l’attrice per otto mesi e che in questo periodo abbiano anche convissuto e che i genitori ne erano al corrente.

L’entourage dell’attrice ha subito rilasciato un comunicato: “Queste osservazioni sui social media non sono solo disoneste, ma sono anche irresponsabili, offensive e piene di odio. Invece d’ impegnarci in un discorso pubblico con lui attraverso la stampa o sui social media, stiamo agendo per assicurarci che la smetta una volta per tutte”. A questo punto Hunter Ecimovic ha preferito fare un passo indietro, scusandosi pubblicamente: «So che non sarebbe mai dovuto accadere. È stata un’idea stupida e immatura da parte mia. Ho detto cose che non avrebbero dovuto essere dette. Mi dispiace per aver fatto quella live. Avrei dovuto farla finita nel momento in cui ha iniziato a degenerare e sfuggirmi di mano». Ha inoltre aggiunto che aveva bevuto, e che aveva continuato a bere durante le due o tre ore in cui aveva trasmesso in diretta streaming.

Ecimovic non ha comunque ritrattato sulla loro relazione, insistendo sul fatto che i genitori di lei sapessero tutto e che non gli si deve recriminare la relazione con una minorenne. Anzi ha insisto nel sottolineare che era stata proprio Millie Bobby Brown la persona che ha avviato la storia con lui, con il benestare della famiglia. Ma questo, posto che sia vero, non giustificherebbe comunque il suo comportamento.

WESTWORLD: LE RIPRESE DELLA QUARTA STAGIONE SONO IN PAUSA A CAUSA DI UNA POSITIVITÀ AL COVID

Le riprese della quarta stagione di Westworld sono state messe in pausa a causa di una positività al Covid emersa durante i controlli sul set per evitare che il virus si diffonda.

La produzione dello show ha dovuto quindi interrompere il lavoro sul set per alcuni giorni, come accaduto recentemente anche ad altre grandi produzioni, come American Horror Story e Bridgerton.

Un vero peccato, dato che avevano iniziato a girare i nuovi episodi solo da qualche settimana. Non è chiaro ancora quanto ritardo accumulerà la serie, tutto dipenderà dai test che verranno eseguiti in questi giorni.

BLAKE LIVELY SI SFOGA SUI SOCIAL: I PAPARAZZI PERSEGUITANO LE SUE FIGLIE

Questa settimana Blake Lively si è scagliata contro i paparazzi, accusandoli di pedinare le sue figlie. L’attrice, nota per aver interpretato Serena van der Woodsen in Gossip Girl, ha raccontato un episodio che ha definito “spaventoso”.

Lively ha usato i social per raccontare l’accaduto dopo che un tabloid ha pubblicato foto di lei a passaggio con il marito Ryan Reynolds e le loro tre figlie James (6 anni), Inez (4 anni) e Betty (21 mesi). In una foto l’attrice appare anche sorridente che saluta persino verso l’obiettivo, nell’altra foto appare in compagnia delle figlie mentre passeggiano.

Lively ha affermato che quelle foto sono ingannevoli e ha poi dichiarato: «Le mie figlie sono state perseguitate da un uomo tutto il giorno. Saltava fuori da un cespuglio, scattava le foto e poi tornava a nascondersi. Una sconosciuta per strada ha persino parlato con quest’uomo per farlo smettere, ecco quanto era grave la faccenda. Quando ho provato con calma ad approcciare il fotografo lui è scappato via. È saltato fuori di nuovo più avanti per scattare altre foto».

L’attrice ha rincarato la dose, rivolgendosi direttamente al tabloid che avrebbe inviato i paparazzi alle sue calcagna: «Controllate il background dei fotografi che pagate per stalkerare dei bambini? Dov’è la vostra moralità? Vorrei saperlo. O semplicemente non vi importa della sicurezza dei bambini? Se i fotografi avessero parlato con me, sarei stata d’accordo a sorridere e salutare, avrei permesso di scattare una foto di me lontano dalle mie figlie. Bastava lasciare loro in pace, perché è stato spaventoso. Almeno ascoltate i vostri followers, che capiscono quanto sia inquietante che paghiate persone per stalkerare bambini. Per favore, smettete di pagare uomini per nascondersi e dare la caccia ai bambini. Ci sono così tante foto che avreste potuto pubblicare senza i bambini, quindi per favore cancellatele. Forza, state al passo con i tempi».

ÉLITE: ARON PIPER LASCIA UFFICIALMENTE LA SERIE

Ultimamente è stato annunciato che più di un attore lascerà Èlite con l’arrivo della nuova stagione. Lo ha annunciato Miguel Bernardeu, interprete di Guzmàn, e questa settimana è arrivata anche la conferma di Arón Piper, alias Ander Muñoz.

Netflix ha infatti rilasciato un video con le confessioni e le ultime parole dei due attori. Bisogna ammettere, tuttavia, che i fan erano stati parzialmente preparati al loro addio, grazie anche alla scena finale della quarta stagione che li vedeva protagonisti.

Piper ha infatti confessato: «Per me Èlite è stato un enorme viaggio, molto lungo, molto duro, ma mi ha arricchito davvero. È stato un’opportunità, un mondo del tutto nuovo si è aperto per tutti noi. Siamo diventati una vera famiglia».

Ha inoltre dichiarato riguardo la scena finale: «L’ultima scena che ho girato è stata devastante per me. Ho pianto come un bambino. Tutti quanti hanno applaudito per noi, perché è stata anche l’ultima scena per Miguel. Abbiamo finito nello stesso momento. Un capitolo si è chiuso ma un altro se ne aprirà presto».

LAW & ORDER: UNO DEGLI INTERPRETI OCCASIONALI ACCUSATO DI OMICIDIO

Isaiah Stokes è un attore accusato questa settimana di omicidio. Stokes è comparso in molte serie tv come Power e Boardwalk Empire e Law & Order, ed è proprio l’accostamento a quest’ultima serie a creare un’amara ironia.

L’attore è stato infatti accusato di aver sparato a un uomo, in pieno giorno, nel Queens a New York. La vittima si chiamava Tyrone Jones, 37 anni, e si trovava nella sua Jeep al momento dell’aggressione. Secondo quanto mostrato dai video, Stokes al momento del crimine è uscito dall’auto muovendosi sulla strada, si è accostato al veicolo della vittima e ha sparato undici colpi. L’avvocatessa del distretto del Queen Melinda Katz ha dichiarato: «L’imputato è accusato di aver scaricato undici colpi di arma da fuoco durante questo attacco frontale. La violenza d’arma da fuoco è troppo diffusa nel Queens, e non consentiremo che diventi la norma». Stokes rischia 25 anni di carcere.

HOUSE OF THE DRAGON: SI SONO INTERROTTE LE RIPRESE DEL PREQUEL DI GAME OF THRONES A CAUSA DEL COVID

Questa settimana HBO ha dovuto interrompere per due giorni la produzione di House of the Dragon, il primo spin-off prequel di Game of Thrones, a causa di un test positivo all’interno della cosiddetta “Zona A”, la bolla che include il cast e la troupe. Le riprese sono in corso in Inghilterra dove le regole anti covid sui set delle produzioni erano molto stringenti. Ma da questa settimana la politica nel paese è cambiata ed è stato tolto anche l’obbligo d’ indossare la mascherina. Ma le produzioni internazionali come quella di HBO continueranno probabilmente ad attuare i protocolli già stabiliti, proprio per evitare contagi e quindi conseguenti ritardi.

Le riprese non sono ancora ripartite ma ci auguriamo che questo non pregiudichi l’uscita della serie, prevista per il 2022.

La serie è ambientata 300 anni prima dei fatti accaduti in Game of Thrones è racconterà la storia dell’ascesa della famiglia Targaryen a Westeros.

LA CASA DE PAPEL, L’INFERNO DI JAIME LORENTE: «FINITO IN TERAPIA A CAUSA DEL MIO PERSONAGGIO»

Jaime Lorente, interprete di Denver in La Casa de Papel, ha rilasciato questa settimana un’intervista a cuore aperto in cui ha confessato quanto la notorietà avuta proprio grazie a La Casa de Papel lo abbia turbato e depresso al punto da dover andare in terapia.

È stato infatti molto difficile per Lorente rinunciare alla sua privacy, per non parlare degli impegni e della pressione che l’essere una star de La Casa de Papel ha comportato e comporta tutt’ora.

«Ho avuto bisogno di una terapia, ne ho bisogno e ne avrò bisogno, di sicuro. Ho una persona che mi fissa una serie di linee guida perché, alla fine, quello che ho sofferto nel bene e nel male è stato improvviso, è stato molto intenso, è stato pesante. E tutto è successo in pochissimo tempo, quindi mi sono impegnato con me stesso e con le persone che mi vogliono bene, ho dovuto lasciarmi aiutare a fare tutto nel miglior modo possibile».

Vi ricordiamo che il 3 settembre saranno disponibili su Netflix i nuovi episodi de La Casa de Papel.

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv!