Vai al contenuto
Home » News » George R.R. Martin indispettito critica la cultura tossica dei fan: «Prima se eri fan di Star Trek, ti ​​piaceva Star Trek»

George R.R. Martin indispettito critica la cultura tossica dei fan: «Prima se eri fan di Star Trek, ti ​​piaceva Star Trek»

Con l’alba dell’era di internet, la capacità di esprimere opinioni si è democratizzata e, per quanto sia stato ottimo per la comunicazione, ha anche portato a un aumento dell’animosità nei confronti della partecipazione tossica dei fan. Ciò è esemplificato al meglio dalle innumerevoli occasioni in cui le celebrità si sono rivolte ai social media per esprimere il loro malcontento per gli abusi che ricevevano online, spingendole a volte a lasciare completamente quelle piattaforme. Questo è un problema che affligge tutti i fandom, ma alcuni più di altri: Star Wars, Star Trek e Il Signore degli Anelli (prossimamente sulla piattaforma Amazon con la serie tv) sono solo alcuni da citare, poiché in circolazione da più tempo, ma anche Game of Thrones ne è stato vittima, soprattutto per l’ultima stagione andata in onda. Anche prima di internet i fan esprimevano scontento per le decisioni prese da scrittori, direttori del casting e star: un famoso esempio è un articolo del 1987 del Globe che delineava l’indignazione provata dai Trekkies per le scelte del casting di Star Trek: The Next Generation, sebbene sarebbe stato forse l’incarnazione di Star Trek più amata di tutti i tempi.

C’è una crescente cultura tossica nei fandom delle serie televisive e film ed è un problema per chi è del settore

Sembra che, per George Martin, le culture tossiche siano qualcosa che va contro ciò che un fandom dovrebbe rappresentare. In un’intervista con The Independent al Festival letterario di Santa Fe, l’autore ha parlato della natura polemica della discussione su The Lord of the Rings: The Rings of Power, dicendo che “si stanno lanciando bombe l’uno sull’altro“. George Martin continua dicendo che i fan si godevano lo spettacolo scelto, ma al giorno d’oggi c’è invece un forte senso di disgusto. Sottolinea il fatto che i prodotti stanno cambiando rispetto alla loro incarnazione iniziale, cosa che considera buona ma che potrebbe portare a un contraccolpo negativo:

“The Lord of the Rings: The Rings of Power non ha ancora debuttato, ma se seguite quello che sta succedendo online, la controversia al riguardo è come la seconda guerra mondiale. Stanno cadendo bombe atomiche l’una sull’altra. […] Si sentono polemiche su alcuni degli show Marvel e dei film Marvel, certamente sui personaggi DC. Se eri un fan di Star Trek, ti ​​piaceva Star Trek. Ora sembra che metà delle persone che si definiscono fan di Star Trek odiano Star Trek, e i fan di Star Wars odiano Star Wars e i fan di Tolkien odiano la serie televisiva. Che diavolo? Ora forse è perché sta cambiando, ma come scrittore diventi matto se non lo cambi in qualche modo. Vuoi raccontare nuove storie, non raccontare le stesse storie più e più volte.”

L’autore di Game of Thrones sta descrivendo ciò che provano ogni giorno tutti coloro che sono esausti dalla cultura dell’oltraggio all’interno dei fandom. La sua menzione della risposta dei fan della serie televisiva su Il Signore degli Anelli è particolarmente azzeccata; l’annuncio dello show, i poster e i teaser trailer hanno prodotto forti reazioni da parte dei fan. Ciò ha incluso una piccola parte della base del fandom che ha reagito violentemente al casting, poiché vedono le opere di Tolkien come interamente eurocentriche. Amazon è stata costretta a rispondere, dicendo giustamente che le opere sono per tutti.

Le parole di Martin dipingono un quadro accurato della portata della tossicità nei fandom di oggi, in particolare quando si parla di Star Trek. Lo scrittore di Game of Thrones ha colpito nel segno quando afferma che i fan hanno reagito con rabbia al cambiamento, poiché i nuovi show come Picard e Discovery si sono rivelati impopolari tra coloro che li credono infedeli al materiale originale. Tuttavia, è anche preciso quando dice che il cambiamento è positivo, poiché i fan possono ancora tornare indietro e guardare i più vecchi ed è necessario che le proprietà si evolvano nel tempo.

LEGGI ANCHE: George Martin si lamenta delle insistenze dei fan per il nuovo libro della saga di Game of Thrones