in

Perché i fan di Game of Thrones pensano che Graham McTavish sia stato ingaggiato per il prequel

game of thrones

Game of Thrones (qui potete trovare 5 momenti in cui è stata una delle migliori Serie Tv di tutti i tempi) potrebbe aver appena accolto un’amata star di Outlander nel cast della sua serie prequel, intitolata House of the Dragon. All’inizio di questa settimana infatti gli utenti di Reddit hanno diffuso una foto in cui Graham McTavish, meglio conosciuto per aver interpretato Dougal Mackenzie nel dramma storico di Starz (che sta per tornare con la sesta stagione), sembrava trovarsi proprio sul set di House of the Dragon.

I fan hanno notato anche che Graham McTavish ha persino pubblicato una foto su Instagram dalla Cornovaglia, dove si è recentemente stabilita la produzione per la serie prequel di Game of Thrones. Accanto alla bellissima foto di una spiaggia, l’attore sessantenne ha scritto: “Le delizie della Cornovaglia. È passato un po’ di tempo dall’ultima volta che sono venuto nel sud-ovest dell’Inghilterra, ma ne è valsa decisamente la pena. Bella! #cornwall #springtime @lovecornwalluk“.

Sebbene non sia chiaro quale personaggio possa interpretare Graham McTavish, ciò non ha impedito ai fan di speculare a riguardo: molti infatti presumono che Graham interpreterà Harrold Westerling, il Lord Comandante della Guardia Reale sotto i Targaryen.

Su Reddit i fan di Game of Thrones hanno suggerito anche Lyonel Strong, Cregan Stark, Borros Baratheon e altri come papabili personaggi. Ancora una volta, però, si tratta solo di supposizioni.

Inizialmente la HBO avena ordinato la produzione di ben cinque spin-off (tra cui House of the Dragon) di Game of Thrones, lo show nato dalla penna di George R. R. Martin. Tuttavia il primo di questi, incentrato sulla creazione degli Estranei e intitolato presumibilmente Bloodmoon o The Long Night, è stato cancellato mentre era ancora in fase di preparazione. Nonostante fosse già stato ingaggiato un cast d’eccezione (che vantava nomi come quello di Naomi Watts), il suo episodio pilota non ha infatti convinto totalmente i dirigenti della rete.

Ad aprile HBO ha confermato che House of the Dragon era “ufficialmente in produzione”, e l’attesissimo ritorno a Westeros si fa ancora più vicino con le prime foto ufficiali dal set, appena rilasciate da HBO. Il primo spin-off di Game of Thrones debutterà in Italia su Sky e NOW nel 2022, in contemporanea con la messa in onda statunitense su HBO.

Basata sul romanzo di George R. R. Martin Fuoco e sangue e ambientata 300 anni prima degli eventi narrati nella serie madre, House of the Dragon racconterà la storia della casata Targaryen, concentrando quindi l’attenzione sul mondo degli antenati di Daenerys Targaryen (Emilia Clarke).

Emma D’Arcy vestirà i panni della Principessa Rhaenyra Targaryen, la primogenita di Re Viserys, cavaliere di draghi di Valyria purosangue. Matt Smith sarà il Principe Daemon Targaryen, il fratello minore del Re Viserys ed erede al trono. Olivia Cooke interpreterà Alicent Hightower, la figlia di Otto Hightower, Primo Cavaliere del Re: è la donna più avvenente di tutti i Sette Regni, dotata di impareggiabile grazia e di uno spiccato acume politico. Rhys Ifans sarà Otto Hightower, il Primo Cavaliere del Re: Ser Otto è un leale servo del Re e del suo regno, e ritiene che la più grande minaccia che il reame deve fronteggiare è il Principe Daemon, il fratello del Re, e la sua posizione di erede al trono. Steve Toussaint, infine, interpreterà Lord Corlys Velaryon, detto “The Sea Snake”: Lord di Casa Velaryon, una stirpe di Valyria antica almeno quanto la casata Targaryen, Corlys è più ricco dei Lannister e rivendica di possedere la flotta più grande al mondo.

Per scoprire se effettivamente un ruolo verrà assegnato anche alla star di Outlander Graham McTavish e quale sarà, non resta probabilmente che attendere il debutto del primo spin-off di Game of Thrones.

Scritto da Cristina Natoli

Il mio (metro e sessanta scarso di) corpo è composto da un’insensata intermittenza di intricati funambolismi mentali privi di qualsiasi utilità pratica e pennellate rosa di incurante leggerezza, tra i quali mi destreggio con la stessa nonchalance innata con cui passo dalle serie tv Drama alle comedy, senza andare in autocombustione.

La Casa De Papel avrebbe dovuto avere una trama molto diversa, poi cambiarono idea

sophie turner

Sophie Turner è una furia contro i paparazzi: «Ho il voltastomaco, sono disgustata»