Vai al contenuto
Home » News » Euphoria: Zendaya si ritiene «fortunata» perché può aiutare le persone a guarire

Euphoria: Zendaya si ritiene «fortunata» perché può aiutare le persone a guarire

Euphoria è uno dei teen drama di maggior successo in questo periodo, ed è una serie che piace anche a chi odia i teen drama. Sono già andate in onda due stagioni, e la serie è già stata rinnovata per la terza stagione.

Tra i protagonisti più amati della serie c’è Zendaya, interprete di Rue (e, tra l’altro, la terza stagione potrebbe tardare a causa sua). Nel corso di una nuova intervista a Vogue Italia, l’attrice ha confessato di sentirsi molto orgogliosa del fatto che la sua interpretazione di Rue in Euphoria abbia aiutato molte persone con i loro problemi personali.

Zendaya dice di essere contenta che gli spettatori sentano un legame con Rue in Euphoria

In Euphoria Zendaya interpreta Rue Bennett, diciassettenne tossicodipendente in cerca di un posto nel mondo. L’attrice è stata elogiata elogiata per la sua interpretazione emotivamente cruda di Rue, in particolare nella seconda stagione della serie.

Zendaya ha saputo cogliere in modo realistico le difficoltà di chi soffre di una dipendenza e l’impatto che questa ha su di sé e sui propri cari. Questa lotta si è intensificata a metà della stagione, quando Rue ha avuto una crisi di astinenza, si è scagliata violentemente contro sua madre ed è scappata dalle persone a lei più vicine.

Nell’intervista con Vogue, Zendaya dichiara di sentirsi “incredibilmente fortunata” quando sente dagli spettatori quanto Rue e altri suoi ruoli siano d’aiuto per le loro vite. Dice:

“A volte mi sento un po’ stupida a fare l’attrice. Perché per lavoro fingo, il che può sembrare ridicolo, ma poi mi ricordo le storie che sto raccontando e delle ragioni che ci sono dietro.
Soprattutto di recente, con Euphoria, ci sono state così tante persone che mi hanno contattato per condividere le loro esperienze e il loro legame con la serie, nel senso di perdita o dipendenza o lutto o malattia mentale e le loro lotte in merito. 
Le persone trovano i loro punti di contatto con questi personaggi che mi sento incredibilmente fortunata a incarnare. Si sentono molto legati a me e sono stati in grado di guarire e crescere e imparare e riparare parti del loro passato, e questo per me è inestimabile. Mi dà uno scopo”.

Zendaya ha iniziato la sua carriera come modella e ballerina prima di recitare in film e serie Disney. Ha debuttato nel mondo del cinema nel 2017, interpretando Michelle “MJ” Jones nel film Spider-Man: Homecoming. Dal 2019 è protagonista di Euphoria, ruolo che l’ha portata a vincere un Premio Emmy nella sezione migliore attrice in una serie drammatica.

Se vuoi vedere (o rivedere) le due stagioni di Euphoria, le trovi su Sky e Now TV.

Leggi anche – Euphoria – Ancora critiche, ma Zendaya risponde: «Non è una favola»