Vai al contenuto
Home » News » Emily in Paris, Netflix rinnova la serie per la 3a e 4a stagione

Emily in Paris, Netflix rinnova la serie per la 3a e 4a stagione

Emily in Paris ancora su Netflix per altre due stagioni! Nel corso delle due stagioni trasmesse dalla piattaforma di streaming online, Emily in Paris ha attirato a sé qualsiasi tipo di critiche. Le ultime arrivano dall’Ucraina dove per il Ministro della Cultura ucraino è inaccettabile il modo in cui hanno gestito il personaggio di Petra. Ma noi non ci soffermiamo sulle critiche, Emily in Paris è molto altro: è moda e spensieratezza. E, a proposito di moda ora è possibile comprare gli abiti più particolari indossati in Emily in Paris. Ma se questo non vi basta, per farvi un’idea di questa serie “senza pensieri” qui la nostra leggerissima recensione.

Emily resterà a Paris? Questo è quello che ci stiamo domandando dalla fine della seconda stagione della serie Netflix più chiacchierata del momento. Quello che però pare essere certo è che Emily resterà su Netflix perché la piattaforma di streaming online ha rinnovato la commedia con Lily Collins per altre due stagioni (la terza e la quarta), come ha rilasciato TVLine.

In breve, Emily in Paris segue Emily (Collins), una dirigente di marketing di Chicago che viene mandata a Parigi per lavorare con la boutique francese di lusso Savoir che la società di Emily ha acquisito. Nel finale della seconda stagione, Emily ha ricevuto l’offerta di unirsi al capo di Savoir, Sylvie, nella sua nuova azienda di marketing. Allo stesso tempo, Emily era a un bivio nella sua vita personale: il suo fidanzato Alfie le ha detto che tornerà a Londra, ma vuole fare un tentativo con una relazione a distanza. Emily, tuttavia, ha deciso di seguire il suo cuore e dire a Gabriel che lo ama. Ma proprio quando Emily stava per confessare i suoi sentimenti, l’ex di Gabriel, Cami, le rivela che presto andranno a convivere.

Si trova di fronte a una decisione importante. Ha delle ragioni per scegliere una serie di porte alla fine della seconda stagione, e la nostra sfida è decidere quale di queste porte sceglierà e perché“, ha detto lo showrunner Darren Star a TVLine. “Questo è ciò di cui tratterà la terza stagione. Quando vivi in un paese straniero, una delle domande è: dov’è il tuo cuore? È il posto da cui provieni o il posto in cui ti trovi al momento? Emily si troverà a lottare anche con questo”. E sebbene Emily abbia “sentimenti molto forti” per Gabriel, Star sostiene che Alfie non dovrebbe essere messo da parte. “Amo Alfie, personalmente. Non scarterei Alfie, e non credo che neanche Emily dovrebbe”, ha detto Star, aggiungendo che “Londra non è lontana da Parigi”.

Il rinnovo di Emily in Paris arriva due settimane e mezzo dopo il rdebutto della seconda stagione. Netflix, che non rilascia dati di audience tradizionali, dice che la nuova stagione è in cima alla sua lista globale di top 10 in 94 paesi con 107,6 milioni di ore viste nei suoi primi cinque giorni. La prima stagione, che si è classificata come la sua commedia più vista del 2020, ha superato la stessa lista in 53 paesi.

Mentre la prima stagione di Emily in Paris è stata criticata dai francesi per aver perpetuato degli stereotipi, la serie ha ottenuto una sorprendente nomination agli Emmy come miglior serie comica. “Mi ha sorpreso che la gente si offendesse per qualcosa nello show”, ha detto Star a THR in agosto. “È una commedia romantica spensierata. Continuavo a pensare, ‘Nessuno può davvero essere così sottile’ – stiamo prendendo in giro un cliché, ma sono cliché che tutti hanno sperimentato in un momento o nell’altro, sia dal punto di vista americano che dal punto di vista francese. È di questo che si tratta”.

LEGGI ANCHE – Emily in Paris, 7 curiosità sulla serie più glamour del momento