in

Breaking Bad, Krysten Ritter ricorda: «Non dimenticherò mai quella morte»

Breaking Bad

Breaking Bad ha avuto tanti momenti sbalorditivi lungo la sua corsa e uno di questi è la morte di Jane durante la seconda stagione. Anche se il personaggio di Krysten Ritter è stato fatto fuori quasi subito, l’attrice ha continuato a lavorare fuori dal set di Breaking Bad con Aaron Paul e i due sono di nuovo insieme in un bel progetto di Amazon. La carriera di Krysten Ritter diventa grande con Jessica Jones dove ha avuto l’opportunità di debuttare come regista nella terza stagione! Dopo aver ripresto per poco i panni di Jane in El Camino Krysten Ritter sarà la serial killer di una nuova dark comedy. Nonostante la sua carriera sia andata avanti, l’attrice intervistata a PeopleTV si sbottona riguardo la morte del suo personaggio in Breaking Bad.

Dopo più di dieci anni, la morte di Jane in Breaking Bad rimane uno dei momenti più agghiaccianti della storia della TV. L’attrice Krysten Ritter non la pensava così, però – non fino a quando non è arrivato il momento di filmarlo.

“Non è stato davvero così fino a quando non stavamo girando e l’intera morte intorno al personaggio mi ha colpito”, ricorda la Ritter nell’ultimo episodio di Couch Surfing di PeopleTV. “Quindi, sapevo che sarei morta. Sto leggendo la sceneggiatura e penso: ‘Fico, rock and roll, lei muore. Che divertimento!”

“Ma poi lo stai facendo”, continua, “e ti preparano e ti truccano per la tua morte; hanno costruito un calco per il mio petto in modo che sembrasse reale che Aaron Paul battesse sul mio petto per rianimarmi. E poi Bryan Cranston, dopo la ripresa, lo vedi seduto tranquillamente in un angolo. È stato intenso, e non dimenticherò mai quella morte”.

Per ricapitolare, verso la fine della seconda stagione della serie AMC, Walter White (Bryan Cranston) lascia morire Jane mentre lei e il suo ragazzo, Jesse (Aaron Paul), erano sotto effetto di eroina. Si tratta di un momento chiave nell’arco della trasformazione di Walter in Heisenberg (come ha anche specificato il creatore della serie Vince Gilligan), e uno dei momenti più discussi e acclamati dello show.

“Parliamo di un seguito di culto”, aggiunge Ritter su Couch Surfing. “Questo show è davvero il regalo che continua a dare”. Infatti, la star di Jessica Jones ha ripreso il suo ruolo in un flashback nel sequel di Netflix del 2019 El Camino: A Breaking Bad Movie. Il progetto che, invece, l’ha vista di nuovo al fianco di Aaron Paul, seppur virtualmente, è The Coldest Case, un nuovo audiolibro dai toni un po’ drammatici dell’autore James Patterson. Paul dà voce al detective Billy Harney e Krysten Ritter è sua sorella e collega detective Patti. The Coldest Case segue i fratelli mentre indagano su un giro di droga a Chicago, che sta cercando di recuperare un “libro nero”, un libro mastro incriminato che è scomparso. Mentre Billy si addentra nell’indagine, viene trascinato in una pericolosa rete di corruzione, miliardari vendicativi e cospirazioni sul web.

Lo stesso Aaron Paul ha affermato di aver pensato proprio a Krysten per dare la voce al personaggio: “Ovviamente ci siamo avvicinati molto in Breaking Bad e siamo rimasti amici nel corso degli anni, e lei è stata la prima persona che ho contattato quando il progetto è arrivato sulla mia scrivania. Per quanto riguarda il suo ruolo come Jessica Jones potrebbe non essere concluso del tutto. Già a gennaio, si diceva che Jessica Jones sarebbe tornata per She-Hulk. Tuttavia, un anno fa, la stessa attrice aveva specificato che nonostante si sentire bene ad aver interpretato Jessica Jones nel migliore dei modi, gli stessi sentimenti li provava per una possibile chiusura definitiva.

Siete d’accordo con Krysten Ritter riguardo la morte del suo personaggio in Breaking Bad?

Written by Lidia Maltese

In questa timeline sono una serie tv addicted che nel tempo libero finge di essere una studentessa universitaria.

Elizabeth Olsen

Elizabeth Olsen, la Olsen che ce l’ha fatta per davvero

Behind The Series – La creazione della suspense in The Alienist