in , ,

Le 5 serie da guardare in astinenza da Glee

Glee

Ormai il mio rapporto con Glee lo conoscete:

io e Glee siamo andati d’accordo così a lungo che la nostalgia continua a farsi sentire anche ad un anno dalla fine della serie.

Una volta finito tutto, dovevo compensare in qualche modo la perdita dei miei personaggi preferiti, delle love story che si erano create, dell’aria familiare che originariamente il telefilm mi aveva dato. Cosa ancora più importante, avevo bisogno di mantenere vivo dentro di me il motivo fondamentale che mi aveva spinto a guardare questa serie: la musica e la danza. Ecco perchè sono riuscita a trovare 5 serie che potete guardare quando sentite che Glee vi manca troppo.

  1. FAME – SARANNO FAMOSI
    GleeSe ancora non conoscete questa serie, vi consiglio caldamente di fare un recupero di massa, anche perchè, se come me siete degli amanti della danza e del canto e avevate cominciato Glee fondamentalmente per questo, non potete davvero farne a meno. Andata in onda tra il 1982 e il 1987, la serie, nel corso delle sue 6 stagioni, racconta storie, problemi, amicizie ed amori di un gruppo di studenti della New York School of Performing Arts. Il tutto contornato da momenti coreografici e canzoni che hanno fatto la storia in quel periodo, e non solo per il telefilm. Insomma, non vi ricorda un po’ l’antenato della NYADA, come ambiente?

 

Written by Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

Le 35 citazioni più iconiche di American Horror Story

prep

Gossip Girl 3 anni dopo: come cambia la percezione dei personaggi