in

La carica disperata dello Sterminatore di Re

Jaime

Jaime per qualche istante non è più lì. É come un oblio improvviso. Attorno a lui si chiude un’oscurità priva di ogni via d’uscita. Si sente soffocare… scende nell’abisso abbandonandosi a esso.

Ma non è ancora il momento, che poi è l’unica cosa che puoi dire all’abisso quando arriva. É abituato a un odore del genere. Come dice quel furfante che si è tirato dietro in questa battaglia: gli uomini si cagano addosso quando muoiono.

Ma questa volta la puzza è asfissiante. Di sangue, di muco, di merda. La battaglia non l’ha toccato, è rimasto illeso quasi per miracolo, ma si sente lo stesso sporco come in una fogna. Sembrava stessero vincendo, sembrava tutto incredibilmente facile.

“Vai via di là, non sei un fottuto soldato” gli aveva giustamente urlato il solito furfante, e come sempre aveva ragione. Ma lo sterminatore di Re  non abbandona i suoi uomini, al costo di fare quella fine.

Il calore li aveva investiti all’improvviso, per qualche istante sembrava di essere finiti dentro una fornace. Aveva già visto il fuoco sciogliere le armature, le carni la pietra in quel modo. Corpi ormai condannati che si mescolano gli uni agli altri in una massa informe, su quell’altopiano così lontano da casa.

Bruciali tutti“. Il ritorno di quella voce che l’aveva tormentato a lungo nei suoi incubi. “Bruciali tutti, nelle loro case, nei loro letti“. Li avrebbe bruciati, li avrebbe uccisi tutti in preda a una follia. Certi uomini vogliono solo vedere il mondo bruciare.

Che sia lui, ritornato? Che la Morte non voglia i dannati Targaryen? 

Game of Thrones

Jaime torna in sé. No, non è Aerys. Aerys è stato ucciso dallo Sterminatore di Re. Jaime è lo Sterminatore di Re. Ma di re ne ha ucciso solo uno. Si, a tradimento, un colpo secco alle spalle. Il Re Folle aveva urlato di bruciarli tutti. Tutto Approdo del Re e i suoi abitanti e forse, presto, tutto quello che le fiamme dell’altofuoco potevano bruciare.

Gli era bastato un istante per figurarsi l’incubo di fiamme e morte che stava per scatenarsi. Urla, lacrime, un intero popolo annientato dalla follia e dal caos. Non poteva permetterlo. Il re era di spalle. Poteva colpirlo e salvare tutti. Gli altri della Guardia non potevano fermarlo. Jaime era il cavaliere più forte dei Sette Regni, aveva sacrificato la sua vita per diventarlo. Se avessero tentato di fermarlo, se li sarebbe portati tutti nella tomba.

Fanculo ai giuramenti. Un colpo secco, un fendente alle spalle. Cadde il re folle, e sorse lo Sterminatore di Re.

Anni di insulti, di mormorii alle sue spalle, essere considerato un codardo, uno che non rispetta i giuramenti. Jaime aveva sopportato tutto questo per salvare la gente. L’incubo si era sopito, le fiamme non erano divampate…

…fino ad ora. Il ritorno di un Targaryen e dei suoi draghi, il ritorno delle fiamme, dell’incubo. I suoi uomini, che lo avevano seguito dalle loro case a Lannisport ora giacciono attorno a lui. I loro corpi ora si sanno incenerendo, vengono trasportati dal vento. Di loro non rimane nulla. Il ritorno delle fiamme, dell’incubo che era sopito. Anni di insulti e mormorazioni per impedire quello che ora sta accadendo.

Poi, d’improvviso, eccola lì. La madre dei draghi in persona. É atterrata, sta sfilando un dardo conficcato nella pelle di quella bestia immonda che è il suo drago. É una creatura immane, ricoperta di scaglie, che ruggisce come mille leoni.

Game of Thrones

Jaime non è più il Cavaliere più forte dei Sette Regni. Non ricordava l’armatura fosse così pesante… e invece quasi gli toglie il fiato. É difficile tenere le briglie di uno stallone da guerra con una mano monca. La sua vera mano è finita in pasto ai Guitti Sanguinari. Non combatterà mai più come prima. Jaime ha perso i suoi tre figli e ha visto la donna che amava diventare Re al prezzo della loro vita. Non ha più niente e non ha le forze per cambiare le cose. Quella bestia immane, quel drago… non ha speranze.

Una lancia, davanti a lui. Conficcata nel terreno ricoperto dalle ceneri dei suoi uomini. Attorno, lamenti, grida, pianti. 

Jaime è lo Sterminatore di Re. Ha sacrificato il suo onore per diventarlo. Non si tirerà indietro, non può farlo. Solo lui, il traditore, il cavaliere che ha infranto i giuramenti… solo lui ha salvato la gente, uccidendo il re. E oggi ne ucciderà un altro. 

Tutte le sue forze in quel colpo secco al cavallo, poi afferra la lancia. La mette sotto la spalla, parte al galoppo. Sente la forza dello stallone da guerra, i cui zoccoli percuotono il terreno. Sente il suo corpo fragile che non molla nonostante ormai sia tenuto insieme solo dalla forza di volontà.

Game of Thrones

Lo Sterminatore di Re, al galoppo, con la lancia sotto la spalla, come in un torneo. Un’ultima cavalcata, la carica disperata dell’unico uomo in grado di sfidare i Re di questo mondo. Il vento è tanto forte che quasi lo sbalza dalla sella, ma lui si regge con la mano mozzata, non sa nemmeno come. Gli basta arrivare a lei. Un raggio di sole per un attimo riesce a passare nella coltre di fumo innalzata dal fuoco dei draghi, risplendendo sulla punta della lancia.

Il drago è immenso, la Targaryen è sotto di lui. Lo Sterminatore di Re cavalca verso la Madre dei Draghi. Per un istante è glorioso, potente, sembra possa farcela. Sarebbe bello. Fermerebbe l’incubo, salverebbe la gente. 

Il drago lo vede. Protegge la madre. Apre la bocca, pronto a scatenare le fiamme. 

Jaime non si ferma. Non può più ormai. Il fuoco della bestia lo incenerirà, ma va bene così. L’ultima carica dello Sterminatore di Re.

Ma qualcuno dice per lui alla morte che non è questo il giorno. Non oggi. Quel furfante lo sbalza di sella. Finiscono in acqua.

Jaime affonda, avvolto da quell’oscurità improvvisa. Fa freddo. Sopra di lui, oltre la superficie, vede il turbine di fiamme che disintegra il suo cavallo.

L’armatura è troppo pesante, non può risalire. Perché dovrebbe? Là fuori è un vero inferno. Jaime si sente soffocare…

…scende nell’abisso, abbandonandosi a esso.

jaime lannister

Leggi anche: Game of Thrones 7×04 – Il Gioco dei Troni è finito, inizia una Nuova Era

Written by Fabio Sieni

Appassionato di Serie Tv e di scrittura. Sto unendo le due cose :)

lost

10 motivi per amare Sayid Jarrah

Kurt

10 motivi per amare Kurt Hummel