Vai al contenuto
Home » Game Of Thrones » Una puntata de I Soliti Ignoti, ma col cast di Game of Thrones

Una puntata de I Soliti Ignoti, ma col cast di Game of Thrones

“Buonasera amici, benvenuti ai Soliti Ignoti. Concorrente di questa puntata è il Signor Frittella”. Quest’ultimo – di cui i fan di Game of Thrones potrebbero ricordarsi – salutò il pubblico con un grande sorriso, dopo che Amadeus lo presentò e chiese conferma se il nome era corretto. Era effettivamente bizzarro, però Frittella spiegò che l’avevano chiamato così fin da piccolo e, di conseguenza, era diventato il suo nome. I due scherzarono qualche istante su questo argomento, prima di riprendere il gioco. “Vediamo chi sono gli 8 ignoti di questa sera”, disse Amadeus che diresse lo sguardo di Frittella verso 8 individui dai volti imperscrutabili, le cui identità dovevano essere indovinate dal concorrente. Solo così si sarebbe potuto portare a casa il montepremi che gli avrebbe permesso di aprire una sua panetteria. Era il suo sogno fin da quando aveva iniziato a lavorare nella Locanda dell’Incrocio.

Frittella li scrutò con attenzione, sebbene non fosse un fulmine nel capire immediatamente le persone. Intanto, Amadeus elencò i mestieri, gli hobby o le peculiarità abbinate ai personaggi di Game of Thrones.

“Abbiamo un membro della Guardia Reale e uno dei Guardiani della Notte, qualcuno che possiede una spada in acciaio di Valyria, chi è fortemente impegnato o impegnata nella beneficenza – ricordiamo che le identità valgono sia al maschile che al femminile – un aspirante Gran Maestro, addirittura qualcuno sa 19 lingue, un fabbro e chi ha attraversato il Mare Stretto con la propria nave. Ovviamente, iniziamo dall’ignoto numero 1”.

Game of Thrones

Il primo ignoto si posizionò al centro dello studio. Era un ragazzo timido e impacciato, piuttosto robusto e con i capelli marroni perfettamente in ordine. A un primo sguardo, c’era un dettaglio inconfondibile che fece subito capire a Frittella chi fosse: una grossa catena. Amadeus invitò l’uomo a presentarsi, mentre il concorrente dava uno sguardo veloce alle identità, ripercorrendole brevemente: “Sono Samwell, ho 21 anni e vengo da Approdo del Re, anche se sono nato a Collina del Corno”. Frittella era sicuro della sua scelta e, senza esitare, dichiarò che l’ignoto era un aspirante Gran Maestro. Premette il pulsante con decisione e una cascata di “sì” inondò la sala, con il pubblico dunque che approvava.

Amadeus allora prese di nuovo la parola. “Vediamo il passaporto dell’ignoto. Beh, per iniziare giochiamo per tremila euro. Chiediamo dunque a Samwell di Approdo del Re se è lui l’aspirante Gran Maestro”. Attimi di suspense trattennero l’intero studio, impaziente di sapere il primo verdetto della serata. Anche se il gioco era all’inizio, la tensione si faceva sentire in Frittella, che si rallegrò quando sentì uscire dalla bocca di Sam: “Sì, sono io”. Dopo aver spiegato cosa fa di preciso un Gran Maestro e la simbologia di quella catena, Sam si accomodò fuori e il gioco ripartì immediatamente.

Il secondo personaggio di Game of Thrones, però, non era così semplice da capire come il precedente.

Si presentò davanti a lui una donna alta, muscolosa, dai capelli scompigliati color paglia e dai grandi occhi blu, con dei vestiti non propriamente femminili. Brienne era il suo nome, sapeva che era una guerriera formidabile ma dalla sua espressione non riusciva a capire un granché.

“Amadeus, non sono molto bravo con i vari Ordini, Istituzioni militari o cose così e, sapendo come combatte Brienne, potrebbe benissimo essere un membro della Guardia Reale o dei Guardiani della Notte. Anche se non credo che accettino donne… di conseguenza forse, la più plausibile è che possieda una spada in acciaio di Valyria.”

“Mi sembri un po’ confuso, Frittella, vuoi chiedere l’indizio?” disse Amadeus cercando di aiutarlo.

Frittella ci pensò su un istante, decidendo invece di optare per la fotona. Apparve sullo schermo un’immagine di Brienne che si stava allenando con Arya Stark; cosa che fece sorridere Frittella dato che quest’ultima era sua amica in Game of Thrones. Su invito di Amadeus, Brienne spiegò il contenuto della foto, accompagnandolo dall’indizio: “Negli strumenti che uso, il materiale è importantissimo”. Il concorrente, a questo punto, non ebbe molti dubbi, optando per la spada in Valyria. Un brivido percorse la schiena di Frittella quando scoprì che era il passaporto col valore più alto e non solo: quei 100mila euro possedevano l’imprevisto e, quindi, la possibilità dell’azzeramento del montepremi.

La musica di suspense suonò ancora e quei minuti sembravano infiniti. Solo al termine scoprì il verdetto: sì, era lei ad avere quella spada.

Frittella esultò per la conquista di un montepremi che valeva ben 103mila euro. E lo incrementò con il terzo ignoto, individuando in Gendry il fabbro, mentre perse un po’ di soldi non riconoscendo in Jaime l’appartenente alla Guardia Reale. Grazie a questo errore – e all’incontro ravvicinato che svelò un dettaglio importantissimo – capì che Jon era il membro dei Guardiani della Notte. Anzi, come spiegarono entrambi gli uomini di Game of Thrones, ne erano i due Lord Comandanti. Purtroppo l’ignoto numero 6 fu uno sbaglio letale, poiché con l’imprevisto perse tutto quello che aveva e Margaery dovette accomodarsi di nuovo al suo posto.

Game of Thrones

La settima ignota era una ragazza dall’aria esotica e dolce, bella e curata. Si chiamava Missandei e proveniva dall’isola di Naath nel Mare d’Estate. Frittella non volle correre rischi e chiese l’indizio, anche perché, delle quattro opzioni rimaste, era indeciso su tre: quella delle 19 lingue, della beneficenza e ha attraversato il Mare Stretto con la propria nave. 

“Ho vissuto in molti luoghi sia a Essos, sia a Westeros. Il tempo è di fondamentale importanza per me. Ho visto da vicino un vero drago”

L’indizio utile era il secondo (seppur anche il primo non era totalmente da scartare) e potrebbe benissimo appartenere a tutte e tre le identità scelte da Fritella. Ci vuole tempo per attraversare il mare, per imparare 19 lingue e per fare beneficienza. La sua decisione propendeva verso la nave; insomma perché lei o la sua famiglia non potrebbe averne una? Però il suo istinto gli sussurrava che era lei che conosceva 19 lingue. Anche perché la precedente ignota non lo era e la successiva non gli sembrava il tipo. Decise di buttarsi, conscio del rischio, annunciando con sicurezza che Missandei parlava 19 lingue. Stavolta davvero il tempo sembrava non passare mai e, dal momento della domanda di Amadeus a quando Missandei rispose, gli parve fosse trascorsa una vita intera.

Missandei si sciolse in un sorriso, rivelando che era lei la donna di Game of Thrones che stava cercando, e Frittella conquistò 33mila euro. Sarebbero stati sicuramente suoi, perché gli imprevisti erano finiti. Così, alla ragazza gli venne chiesto di dire una frase nella lingua che più le piaceva. Spiegò a tutti il tipico saluto valyriano, in cui a “Valar Morghulis” (Tutti gli uomini devono morire), si rispondeva con “Valar Dohaeris (Tutti gli uomini devono servire).

Dopo aver congedato Missandei, mancava solo l’ultima ignota.

Avendo esaurito gli aiuti, Frittella dovette ancora seguire l’istinto. Fortunatamente, la provenienza di Yara – le Isole di Ferro – erano già di per sé un bell’indizio e il personaggio di Game of Thrones optò per la persona che ha attraversato il Mare Stretto con la sua nave. E si conquistò altri 15mila euro, arrivando a giocarsene ben 48mila al parente misterioso.

Con Frittella girato di spalle, il parente entrò nello studio. Quando il concorrente potette vederlo, notò che era un giovanotto sulla ventina, alto circa un metro e settantacinque, dai capelli castano chiari tendenti al biondo e gli occhi azzurri. Guardando gli ignoti, nei suoi ragionamenti cadde su Jaime, per i capelli e i lineamenti. Stessa cosa per Yara, molto somigliante. Brienne la teneva in considerazione per gli occhi blu e i colori chiari, ma non gli sembravano imparentati. Con Margaery, invece, aveva tantissime cose in comune: il naso, un po’ la bocca, gli occhi, i capelli, forse il viso.

“Amadeus, sono troppo indeciso. Penso sia il fratello di qualcuno, escludendo però l’ignoto numero 1, la 7 e il 4. Forse anche il 3. Raddoppiare non mi sembra la scelta giusta, quindi andrei a dimezzare”

Dopo che il conduttore confermò il grado di parentela ipotizzato da Frittella e rivelò che il parente misterioso si chiamava Theon e aveva 20 anni, procedette con il dimezzamento. Eliminò i tre che Frittella aveva scartato (Samwell, Missandei e Jon) e Jaime, lasciando Gendy, Brienne, Yara e Margaery. L’eliminazione di Jaime lo aiutò tantissimo, dato che era la sua scelta principale; la rimanenza di Gendry, invece, lo fece pensare. I due avevano stessa bocca e stesso naso, oltre che forse la stessa forma del viso. Anche i capelli potevano essere simili, ma i colori non coincidevano. Non era convinto. Margaery era la sua scelta, in alternativa quella che più si avvicinava a Theon era Yara. Amadeus gli offrì il binocolone, per osservare alcuni dettagli, ma Frittella non voleva perdere ulteriori soldi dei 24mila rimasti.

Era convinto e, alla fine, scelse Margaery. Anche quando erano vicini confermò la sua decisione, evitando di dimezzare ulteriormente con il dubbione. Manco a dirlo, l’alternativa rimasta era proprio Yara e, purtroppo, si rivelò essere lei la sorella di Theon. Il povero Frittella, dunque, non riuscì a portarsi a casa i soldi che aveva accumulato e il suo sogno di aprire una pasticceria in Game of Thrones dovette essere rimandato. Almeno per ora.

LEGGI ANCHE – Una puntata de I Soliti Ignoti, ma col cast di Better Call Saul