in

Cosa pensa uno showrunner dopo aver ucciso un personaggio amato in una Serie Tv

Il sadismo dei creatori delle serie tv è risaputo.
Ammazzano brutalmente personaggi come se fosse la cosa più naturale del mondo, giusto per creare dinamismo alla storia, alla serie stessa.
Il punto è che i suddetti non si rendono conto che il loro voler creare dinamismo alla storia implica gravi problemi psicologici ed emotivi in chi è spettatore passivo delle vicende.
Secondo voi, il boia, prendiamo Shonda Rhymes ad esempio, come pensava avrebbero reagito i fan quando all’improvviso e senza alcun tipo di segnale che lasciasse trasparire l’imminente decesso, HA BRUTALMENTE FATTO FUORI GEORGE O’MALLEY?
Credo che le intenzioni prime di costoro che muovono come burattinai i fili delle loro creature, delle loro serie tv, siano appunto quelle di creare un sobbalzo emotivo in chi guarda che, spinto dall’affetto verso il personaggio e verso il telefilm stesso, continui imperterrito a cercare consolazione proseguendo la programmazone di stagione in stagione.
Ma ora, parlandoci chiaro: COME AVETE REAGITO A VOI SAPETE COSA DI THE 100 O A VOI SAPETE COSA DELLA QUARTA STAGIONE DI ORANGE IS THE NEW BLACK?

[ Se non avete ancora visto, saltate il seguente paragrafo e andate direttamente alla pagina successiva tipo al gioco dell’oca ]

Insomma, LEXAAA!!!! Mi rendo conto che ne decanto la morte in quasi ogni articolo ma è sul serio stata una delle morti più stupide mai viste in televisione. Per non parlare poi di Poussey: MA INSOMMA! Ma che morte è????? Contate che a me l’avevano spoilerato (………) ma non mi sarei mai aspettata in quel modo stupido!

Star, nuova serie con Queen Latifah e Naomi Campbell

Crisis in Six Scenes non è una Serie Tv. E Woody Allen ha perso una grande occasione