in

10 buoni propositi per il nuovo anno ispirati a BoJack Horseman

BoJack Horseman

Il 2019 si è ormai concluso, e con esso il periodo costellato da brindisi, pranzi coi parenti e scambi di regali. L’atmosfera natalizia ancora aleggia per le strade, e possiamo finalmente alzarci da tavola e scoprire quali sorprese ci riserva il nuovo anno. Non bisogna però dimenticare un impegno importantissimo con noi stessi: è giunta l’ora di mettere in atto i nostri buoni propositi, o almeno di provarci. L’inizio dell’anno è sempre una sfida, il varco verso una moltitudine di possibilità rispetto a ciò che vorremmo fare ed essere. Contro ogni buonsenso, la lista seguente è ispirata ai personaggi cinici e autodistruttivi di BoJack Horseman.

In BoJack Horseman problematiche e conflitti interiori sono all’ordine del giorno, proprio come nella realtà. L’esigenza di migliorarsi è forte e sentita, anche se non sempre così immediata da soddisfare

Ecco perché questa serie tv è l’ideale per individuare gli obiettivi da prefissarsi per il 2020. Una nuova decade va inaugurata nel migliore dei modi e, per quanto BoJack e i suoi amici siano un crogiolo di difetti e dipendenze, a volte possono essere degli ottimi insegnanti di vita, seppur inconsapevoli del loro ruolo. Nella prima parte della sesta stagione uscita poco tempo fa su Netflix abbiamo potuto notare lo sviluppo caratteriale di diversi personaggi che, nel bene e nel male, ci hanno fornito parecchi spunti.

Salutiamo allora questa nuova decade in loro compagnia, con i 10 buoni propositi ispirati a BoJack Horseman!

10) Dai valore ai rapporti umani (Pickles)

BoJack Horseman

Fin troppo spesso dedichiamo un’enorme quantità di tempo ed energie a persone tossiche, nocive o completamente disinteressate al nostro benessere.

Cerchiamo l’attenzione nei grandi numeri a cui i social network ci hanno abituati, scordando che una fitta rete di relazioni superficiali non potrà mai darci la soddisfazione di una chiacchierata con un buon amico davanti a un caffè. In BoJack Horseman ce lo ricorda la ragazza di Mr. Peanutbutter, alla continua ricerca di approvazione da parte della sua comunità virtuale. Pickles sente la necessità di mostrare ogni istante della sua vita privata al mondo intero, cercando affetto e riconoscimento in persone che non la conoscono e che la seguono più per curiosità che per vero interesse. Impariamo a coltivare con giudizio i nostri rapporti con gli altri, così da stabilire delle connessioni profonde e durature.

Written by Alessia Agazzi

Provate ad immaginare una volpe un po' cinica, con la penna sempre in mano e una terribile ossessione per i futuri distopici. Ora supponete che sia anche una divoratrice compulsiva di serie tv, e che casualmente si ritrovi a far parte di questo mosaico di storie che è Hall of Series. Se ci riuscite, mi avete già beccata.

The Witcher – Andrzej Sapkowski senza freni: «Ed Sheeran non canterà mai nella serie»

You, la creatrice rivela: «Le cose non si metteranno bene per Joe. Vortice senza ritorno»