in

Ash Vs Evil Dead: un esplosivo e sanguinario ritorno

Ash

Ash Vs Evil Dead è tornato! E l’ha fatto in grande stile. La partenza è letteralmente una bomba perché riprende lo stile esasperato, violento, comico e trash che ci aveva incantato nella prima stagione.

Questa serie si riconferma un pilastro comportamentale seriale perché: se prima ci  ha insegnato come conservare la mitologia di un prodotto Cult, ora ci illustra come mantenere intatto l’ottimo lavoro fatto, attraverso un pilot scorrevole e travolgente come un treno impazzito!

Sam Raimi è un dannato genio del male capace di sfornare un prodotto esplosivo che combina perfettamente Humour e Horror che diventano due facce della stessa medaglia. Il sangue scorre a fiumi e funge da epicentro per questo terremoto di becero umorismo.

Ash

Il primo episodio riparte esattamente da dove ci eravamo lasciati. Ash baratta il destino del mondo per concedersi a una vita di sesso, alcol e Rock And Roll; sfoderando un look da turista per caso armato di sandali, calzini e di un Must immancabile per l’americano cafone vero: la camicia a fiori. Ed è con questo indecoroso Outfit che Ash deve nuovamente vestire i panni dell’eroe più improbabile della storia per salvare il mondo dal turbine demoniaco che LUI, e il suo menefreghismo, hanno generato.

La tregua con Ruby e il patto stipulato con lei, come da copione, sono saltati come un petardo dando nuovamente via libera alla violenza e al compiersi del piano malefico di conquista del globo terracqueo, da parte di una banda di abomini. Il mondo non potrebbe essere in mani più insicure: Ash è l’ultima persona cui affideremmo il nostro destino ma sfortunatamente per noi è anche il solo predestinato. Come ogni prodotto trash/demoniaco che si rispetti, dove un libro Maledetto stabilisce le regole del gioco, la presenza di un prescelto è obbligatoria. Ma questa volta la scelta non ricade sull’eroe bello, tormentato, perfetto e statuario ma sul più cafone del reame. Inoltre, come volevasi dimostrare, la novità più impellente che salta ai nostri occhi è il capovolgimento di fronte di Xena (lei non ha un nome, lei è Xena, qualsiasi sia il suo personaggio) che da arcinemica diventa improbabile alleata.

Quindi ricapitoliamo il tutto: abbiamo Ash che ti ascia, il Ben Stiller dei poveri Pablo, l’irriverente Kelly e la super Cazzuta Milfona spaccaculi Xena, nel team più sgangherato e inadeguato della storia. Un gruppo che trasuda ignoranza da tutti i pori:

AVENGERS SPOSTATEVI PROPRIO!

Ash

Il caposquadra Ash Williams è l’eroe più cafone, volgare, mitomane, turpe, becero, egoista, ubriacone, sovrappeso, razzista, sessista e maleducato della storia. Ma occhio a non lodarlo troppo, ha anche dei difetti.

Ash Vs Evil Dead è Tornata in tutta la sua volgarità, violenza, turpe ironia, entusiasmo e improbabili profezie. Ingredienti che compongono questa esplosiva commedia/Horror che rappresenta una vera e propria chicca imperdibile per chiunque. Nessun Alibi! Chi non l’ha ancora fatto corresse ai ripari sparandosi sta maratona infernale.

P.S. Popcorn sul divano e birra a portata di mano sono obbligatori!!!!!

Ash

Written by Andrea Lupo

Se nasci e cresci in una città come Roma: tormentata, caotica, cinica ma al tempo stesso bellissima, imponente e maestosa, non puoi meravigliarti se la tua vita è una contraddizione continua. Sono qui per raccontarvi storie, emozioni e sensazioni con l'umiltà e l'incoscienza di un bambino. Per ricordare vecchie glorie o per presentarvi nuove fiamme. Per elogiare il passato o per abbracciare il futuro. O più semplicemente per parlare di serie TV

Grey's Anatomy

Piacevoli ritorni nella terza di Grey’s Anatomy, ma poche svolte rilevanti

Frank Semyon, un gangster gentiluomo in True Detective 2