in ,

10 motivi per cui amiamo Sue Sylvester

Sue Sylvester

Glee ha indubbiamente avuto i suoi alti e bassi (ad un certo punto più bassi che alti), ma siamo stati al suo fianco fino alla fine. Se c’è qualcuno ad aver mantenuto alto lo spirito di Glee, rimanendo sempre fedele a sé, quel qualcuno è decisamente Sue Sylvester.

Sue Sylvester, interpretata da Jane Lynch, è la coach più spietata di tutti i tempi, ed ogni allenamento con lei è un boot camp. Assurda, ambiziosa, perfida e arrivista; questi sono aggettivi che le calzano a pennello, proprio come le sue tute Adidas da cui raramente si separa.
Sin dal primo episodio è stata l’arci-rivale di Will Schuester ed il Glee club, che detesta e vuole annientare.
I piani che escogita per sconfiggere Will sono assurdi e disparati: a volte cerca di infiltrarsi all’interno, anche per mezzo delle Cheerios Quinn, Santana e Brittany, altre volte la sua è una guerra spietata per schiacciarli.

Sicuramente Sue Sylvester è un personaggio molto complesso, che ne ha messa di carne al fuoco nelle sei stagioni di Glee, e nonostante sia una cinica scalatrice verso il successo è incredibilmente comica e spassosa.
Ci rendiamo conto che sintetizzare i motivi per cui amarla in 10 pillole sia riduttivo, ma ci proveremo lo stesso, senza dimenticare la grandiosità dell’immensa Sue Sylvester.

Will Schuester

Come abbiamo appena detto, Will è stato preso di mira da Sue sin dal primo episodio per aver voluto portare avanti il Glee Club.
Sue Sylvester odia il fatto di dover vedere parte del suo stellare budget per la squadra di cheerleader minacciato da alte attività scolastiche, soprattutto se artistiche, che disdegna profondamente.
Will non si è mai piegato alla volontà di Sue, rispondendo a tono ad ogni suo attacco.
È per questo che il loro rapporto, a volte addirittura di collaborazione, è così divertente.

Sono migliori nemici, ed insieme formano i Suester.

sue sylvester

Oltre a punzecchiarsi continuamente con frecciatine, battute al vetriolo e soprannomi (Sue fa continuamente battute sul mento a culetto e i capelli cespugliosi di Will), i loro scontri violenti hanno spesso luogo nell’ufficio del povero preside Figgins, troppo ingenuo e manipolabile per avere qualsivoglia voce in capitolo.
Seppure il Glee Club di Will sia nato con la condizione di sopravvivere solo in caso di vittoria alle Regionali, Sue dopo la loro sconfitta ritira la clausola, permettendo al Glee di continuare (solo per tornare poi con nuovi piani per smontarlo).

Written by Veronica De Simone

Studentessa universitaria in perenne attesa di una nuova stagione di Sherlock e con una sindrome da stress post-Breaking Bad.
La mia aspirazione per il futuro è lavorare nella pubblicità (con una sigaretta ed un bicchiere di Whisky à la Don Draper). Per gli amici sono quella che ama i Pink Floyd e la pizza.

Perché si fanno sempre più reboot

10 motivi per cui amiamo Amy Farrah Fowler