in ,

Gif-Recensione The Vampire Diaries 7×14: dalle armi… All’Armeria

armi

Devo ammetterlo, rispetto alle altre questa puntata sulle “armi” ha avuto i suoi lati positivi; non tantissimi, ma qualcuno si.

Bisogna anche ammettere che Julie Plec fa girare una puntata sulle armi senza mostrarne neanche una nell’effettivo… Ma arriveremo a capire perchè.

Come ogni lunedì, partiamo dall’inizio e vediamo di capire bene cos’è successo.
Si comincia con una scena già vista dall’inizio della stagione: un flash forward di 3 anni in avanti, che questa volta, neanche a dirlo, riguarda Caroline. Da come era finita la scorsa puntata dovevamo aspettarcelo: la vampira bionda guida fino a New Orleans con le sue bambine, cercando Klaus, anche se non sappiamo bene perchè. Ciò che conta è che, arrivata a New Orleans, le viene riferito che nessuno vede più Klaus da quelle parti da almeno tre anni… Numero insolito, non trovate?

Subito dopo torniamo nel presente, e vediamo la corsa che Stefan sta facendo per fuggire da Rayna Cruz, la cacciatrice che lo vuole morto. E dopo aver mezzo distrutto un autogrill, dove si rifugia il povero Stefan? A New Orleans, anche lui, in un bar dove non può essere contattato perchè l’incantesimo di locazione non prende. Se vai a New Orleans, però, sai anche che c’è solo una persona che puoi incontrare:

armi

Proprio lui, l’Originale unico e inimitabile: KLAUS MIKAELSON. Scommetto che in molti si saranno messi a battere le mani, tutti contenti per il ritorno di uno dei vampiri più sexy mai visti. Va bene, ammetto che anche io ero tra questi: Klaus mi ha sempre fatto effetto. La faccia di Stefan è parecchio impagabile:

armi

Io sono ancora convinta che sia lì lì per saltargli addosso, da un momento all’altro, ma comunque….
I due si perdono in un lungo dialogo come due vecchi amici che si ritrovano dopo anni e devono aggiornarsi sugli eventi passati. Tutto fila liscio finché la ferita di Stefan non comincia di nuovo a sanguinare: Klaus se ne accorge, si rende conto del pericolo che il suo vecchio amico gli sta facendo correre, dato che Rayna lo avrebbe inseguito dovunque, incluso nella sua città, e lo caccia via in malo modo.
So che in molti qui si saranno preoccupati parecchio, ma si sa che tutto è bene quello che finisce bene: Stefan parte da New Orleans, cercando una nuova via di fuga, ma viene raggiunto da Rayna, e manca poco che lo uccida… Fortunatamente arriva Klaus a salvare la situazione: uccide Rayna, anche se solo momentaneamente, e porta via Stefan: più precisamente sappiamo che lo porterà da una strega di sua conoscenza per cercare di aiutarlo con la cacciatrice che ha alle calcagna. Ora, io non seguo The Originals, ma sono piuttosto sicura che nella prossima puntata di The Vampire Diaries ne sapremo sicuramente di più del viaggio di Stefan e Klaus.
Una domanda che ci si può fare a questo punto è: per quale motivo Klaus, che per primo aveva cacciato via Stefan, corre poi senza pensarci due volte a salvarlo? Cosa gli avrà fatto cambiare idea? O, meglio ancora, chi gli avrà fatto cambiare idea?

Sono certa che conoscete già la risposta a questa domanda:

armi

Caroline Forbes! In questo episodio anche lei si è messa in viaggio: è partita con Alaric e le due gemelline per Dallas, dove il vecchio professore di storia ha deciso di trasferirsi. Il problema più grande di Caroline, in tutta la puntata, è cercare di far smettere di piangere le sue/non tanto sue bambine e aiutare Alaric a trovare una tata e una casa. La mia reazione è stata una cosa estremamente alla Caroline Forbes, perchè continuavo a ripetermi:

seriously?

Com’è possibile che ci sia gente che rischia di morire per un’intera puntata, mentre altri fanno delle cose palesemente inutili? La scena più bella per Caroline Forbes, e per tutti i fan Klaroline come me, è senza dubbio la chiamata inaspettata tra lei e Klaus, dovuta semplicemente al fatto che Stefan aveva lasciato il suo cellulare nel bar dove la magia non prende. Una scena dolce e tenera, dove si vede lontano un chilometro che Klaus è ancora innamoratissimo di lei… Non credo sia un caso che alla fine abbia chiesto a Stefan di lasciarla libera, anche perché probabilmente, scappando, avrebbe solo privato Caroline delle giuste attenzioni. Qui di seguito si può vedere il momento in cui Klaus cambia idea sull’aiutare Stefan:

armi

armi

In tutto questo, però, stiamo un pochino perdendo di vista le altre parti importanti della storia, ovvero Damon, Bonnie, Enzo e le armi nascoste nell’Armeria. Piccola precisazione: nell’Armeria non ci sono armi, ma manco a cercarle con il binocolo. Vediamo di capire una cosa alla volta.

Damon, sentendosi in colpa per aver messo nei guai suo fratello con Rayna Cruz, parte con Bonnie alla ricerca di un modo per fermarla. L’unica via possibile sembra essere quella di catturare la cacciatrice, incarcerarla e privarla della sua spada, l’unica arma di cui sentiamo effettivamente parlare nel corso della puntata. Dal momento che finora l’unico che ha avuto un qualche contatto con Rayna è Enzo, Bonnie e Damon lo raggiungono in questa villa settecentesca, che scopriamo prende il nome di Armeria: praticamente è un ritrovo per un’associazione di collezionisti di manufatti sovrannaturali… Una casa-museo che quindi non ha niente a che vedere con le armi effettive. Bene, già partiamo male.
Il piano prevede che Rayna venga attirata nell’Armeria e rinchiusa lì, quindi lo stesso Stefan dovrebbe raggiungere la stregha di Mystic Falls e suo fratello, cosa che non avverrà in ogni caso perchè, a detta di Valerie, l’Armeria è più che altro un covo di gente che spara un sacco di balle sulle sue vere intenzioni. Questo è probabilmente uno dei casi in cui ai nostri amici sarebbe stato utile avere delle armi a portata di mano.

Quando Enzo si rende conto che in realtà i suoi due presunti amici non vogliono aiutarlo, priva Bonnie temporaneamente della magia e rinchiude Damon in una stanza con Tyler Lockwood, che si sarebbe trasformato nel giro di qualche ora. Io l’avevo detto che nè lui nè Elena erano morti sul serio!
Dopo una bella litigata tra Enzo e Bonnie, durante la quale scopriamo che Enzo sta collaborando con l’Armeria solo perchè così ritroverà una famiglia che nei secoli precedenti l’ha abbandonato, quest’ultima non solo riesce a mettere KO il vecchio amico di Damon, ma ha anche la faccia tosta di tagliargli una mano di netto per aprire le porte blindate e salvare il suo amico Salvatore. Giuro che una Bonnie così protettiva nei confronti di Damon non l’avevo mai vista… Aspetto ancora il giorno in cui lei ed Enzo si metteranno insieme, scommetto che sarà pazzesco.
Bonnie comunque rischia di rimetterci le penne, perchè riesce a salvare Damon proprio nel momento in cui Tyler si sta trasformando, quindi non solo lo fa fuggire dalla sua cella di sicurezza, ma si prende anche un sonoro colpo alla testa… Anzi, a giudicare dal sangue direi che è un bel trauma cerebrale che la porta alla perdita di conoscenza. Ok, la smetto di parlare alla Grey’s Anatomy e proseguo. 
Damon fa scappare Tyler, senza farsi mordere, e cerca di salvare la vita a Bonnie facendole bere il suo sangue, ma a quanto pare questa cosa non la fa guarire per niente. Verso la fine, quello che vediamo è una Bonnie in ospedale e un Damon che aspetta che le ritorni la magia mandata in stand by da Enzo per poterla salvare. Dopo ciò, però, sembra che Damon voglia farla finita con la sua vita, dato che è stufo che la gente si metta nei guai a causa sua, che si tratti di Bonnie o di Stefan. 
Quello che il più anziano dei Salvatore farà veramente, però, lo scopriremo solo nella prossima puntata.

A fare un bel riassunto devo dire che questa puntata ha avuto Klaus come fattore determinante per risollevare un po’ le sorti della serie. Il crossover voluto dalla Plec è stato sicuramente una buona idea, e sarebbe ancora meglio se le cose tornassero sulla cresta dell’onda come nelle prime stagioni… Ahimè, sappiamo che questo è molto difficile.

Soprattutto quando si decide di creare un’Armeria senza armi.

Forse è una delle cose che più mi ha infastidito: davvero non ci sono armi lì dentro? A parte l’ascia usata da Bonnie per tagliare la mano di Enzo, ma non la definirei una vera arma soprannaturale.
In conclusione, ci sono due fatti che ancora mi lasciano basita, inseriti a caso senza essere poi motivati: prima Mary Louise e Nora che vengono catturate da quelli dell’Armeria. Il motivo è ignoto, le hanno prese e basta, proprio ora che potevano avere un loro lieto fine.
In secondo luogo, la proprietaria dell’Armeria, tale Alexandra, che riattacca la mano ad Enzo e gli dice di essere sua parente. Madre, sorella, questo ancora non si sa, ma l’effetto “Carramba, che sorpresa!” è stato inserito comunque.

Che dire, attendiamo che le prossime puntate ci diano più dettagli e, nel dubbio, voi procuratevi sempre delle armi… Non si sa mai.

Written by Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

grey's anatomy

Recensione Grey’s Anatomy 12×11: Japril, unbroke our heart

Being Erica: come gestire le difficoltà della vita