in ,

The Boys 2×04 – Il potere e l’amore

the boys 2

Attenzione: evitate la lettura se non volete imbattervi in spoiler sul quarto episodio di The Boys 2

Dopo le prime tre entusiasmanti puntate di inizio stagione, The Boys 2 regala ai fan una quarta puntata coinvolgente e decisamente all’altezza delle precedenti.

Interessantissima è la scena d’apertura: una donna sconosciuta parla fissa davanti a una telecamera, come se stesse prendendo parte a un’intervista e ci racconta la sua idea di amore e relazione. Non ci è dato capire il contesto, né la sua identità. E durante il corso della puntata più volte la narrazione sarà interrotta da queste inquadrature di donne che, avulse da ogni contesto, ci raccontano la loro idea di amore.

E in effetti questa puntata riflette molto sulle relazioni

Le diverse storyline che si intrecciano nel corso della narrazione sono tutte incentrate su delle relazioni di carattere sentimentale: abbiamo Butch e Becca, Hugh ed Annie, Frenchie e Kimiko, Patriota e Madelyn Stillwell (sì, avete capito bene).

Butch ha infatti finalmente trovato il rifugio della Vought dove Becca vive segregata insieme al figlio Ryan. Inizialmente tutto sembra andare per il meglio: i due sembrano scoppiare di gioia davanti all’improvviso ricongiungimento ed elaborano un piano di fuga per sfuggire al controllo dell’azienda e, soprattutto, di Patriota. Ma è ovvio che la cosa non possa essere così semplice.

D’altronde siamo in The Boys 2, le cose devono complicarsi per forza!

The boys

Becca, infatti, capisce che Butch non ha alcuna intenzione di tenere il figlio con loro e prova un istintivo rigetto nei confronti di Ryan, sapendo che è il figlio di colui che ha stuprato sua moglie. Becca decide quindi di dirgli addio, pur provando un immenso dolore: è madre e non può scendere a patti con la rabbia repressa di Butch, che, come lei stessa osserva, è insita nel suo carattere e va ben al di là del suo odio per Patriota.

Abbiamo poi il tormentato rapporto che lega Frenchie e Kimiko. L’uomo, ormai lo abbiamo capito, malgrado il suo passato da killer professionista ha un cuore d’oro e una profonda sensibilità. Si tratta senz’altro di uno dei personaggi meglio scritti di tutta la serie e porta lo spettatore a una naturale empatia. Per questo soffriamo insieme a lui, osservando la sua impotenza davanti al dolore di Kimiko, devastata dalla morte del fratello. Dinnanzi a una disperazione così grande, Frenchie non sa cosa fare. E nel disperato tentativo di dare conforto a lei e a se stesso, prova finalmente a baciarla. Ma la ragazza è talmente chiusa emotivamente, talmente accecata dalla rabbia e dalla tristezza, che non può assecondarlo e, anzi, reagisce con violenza. Ed è così che vediamo l’uomo debole per la prima volta: fino ad ora solo Hugh ha dato segni di cedimento davanti alla gravità della situazione e, anzi, Frenchie aveva sempre cercato di confortare il ragazzo, spronandolo ad andare avanti e a non cedere davanti al dolore e alla fatica.

The boys

Ma stavolta la sofferenza dell’amata e la sua volontà di chiudersi in se stessa, impedendo qualsiasi forma di aiuto o di affetto, è troppo anche per lui. Frenchie comincia a scendere in un tunnel di degrado, che lascia supporre una possibile evoluzione del personaggio.

La relazione fra Hugh ed Annie, invece, per quanto sia ben sviluppata, non risulta particolarmente interessante: ormai è da tanto che i due si rincorrono e si allontanano, quindi un improvviso ricongiungimento non risulta poi così eclatante. Di certo, la cosa più interessante della loro storyline è quella legata alla ricerca, insieme a Mother’s Milk, di una Super attiva negli anni Settanta colpevole di aver brutalmente assassinato un innocente ragazzo di colore. L’atroce delitto, ovviamente insabbiato dalla Vought, non solo è alla base di uno sconvolgente colpo di scena, ma risulta quanto mai significativo ed attuale. Ancora una volta, dunque, i supereroi non sono altro che pretesti per denunciare le piaghe della società in cui viviamo, invitandoci a riflettere.

E infine arriviamo a Patriota: in una sequenza vediamo il capo dei Sette atterrare nel giardino di una casa. E una volta varcata la soglia, veniamo accolti da una voce e da una figura incredibilmente familiari: Madelyn Stillwell.

the boys

Con nostro enorme stupore non solo ci compare davanti viva e vegeta, ma decisamente felice di vedere Patriota. Risulta evidente che i due hanno una relazione e al momento questa valanga di informazioni lascia lo spettatore interdetto.

Solo dopo emerge la verità

Madelyn Stillwell non è magicamente tornata nel mondo dei vivi, ma è impersonata da Doppelganger, un Super minore in grado di mutare forma. La psicosi di Patriota ha dunque raggiunto livelli estremi, al punto da portarlo a fingere una relazione inesistente con una donna defunta. La linea narrativa di Patriota si riconferma la più interessante e complessa: l’uomo è ormai in preda ai fantasmi del passato e alle paure del presente. Sente la sua posizione minacciata e ha il terrore di essere messo da parte per Stormfront, che sa usare i social ed è in grado di manipolare la gente fomentando il suo odio attraverso discorsi semplicistici e populisti. La donna si finge l’eroina di cui il popolo ha bisogno ed è in grado di soppiantare Patriota con il cellulare come unica arma. Certo, il conflitto fra loro è molto interessante, ma ancora Stormfront non convince del tutto: manca ancora di quel carisma e quel fascino che potrebbero costituire una degna opposizione al capo dei Sette.

Infine viene anche svelato l’arcano delle donne che raccontano la loro idea di amore

I loro commenti si sposavano talmente bene con una trama tutta incentrata sulle relazioni amorose da farci dimenticare il perché della loro presenza. Poi tutto viene rivelato: si tratta delle aspiranti mogli di Abisso che stanno partecipando a dei veri e propri casting. L’obiettivo è quello di condurre il supereroe a un matrimonio socialmente accettabile e che costituisca il lasciapassare per rientrare nei Sette. Si tratta di un siparietto divertente e grottesco, così come tutta la storyline di Abisso che, ne siamo certi, non deluderà e arriverà a regalarci dei risvolti inaspettati.

LEGGI ANCHE – The Boys 2: i fan “ammazzano” la serie con voti bassi per protesta

Written by Giulia Losi

Dovevo essere un architetto, ma ho avuto un piccolo "cambio di rotta" e mi sono innamorata del cinema. Mi sono laureata in teatro, cinema, danza e arti digitali alla Sapienza di Roma e ho voluto scrivere di cinema e serie tv, le mie due grandi passioni.

5 Serie Tv le cui trame sono una vera tortura psicologica

netflix

5 imprevedibili cancellazioni Netflix che ci hanno fatto arrabbiare nell’ultimo mese